5 CONSIGLI per dominare Cuphead

5 Consigli per dominare Cuphead

Ma quanto è difficile Cuphead? Ma quanto è tosto Cuphead? Vero, verissimo. Ma vogliamo anche parlare di quanto sia divertente Cuphead? Ciao belli, benvenuti nel mio canale, io sono EliRedZ e oggi vi darò 5 consigli per godervi appieno questo intramontabile videogioco!

Vi do un caloroso benvenuto negli anni ‘30!

Se esistesse un’enciclopedia dei videogiochi più difficili della storia, con grande probabilità i due bicchierini sarebbero sicuramente tra le posizioni di spicco. Un boss dietro l’altro senza un minimo di pausa. E quante, ma dico quante volte a schiacciare lo start per finire a riprovare e riprovare anche solo dopo cinque secondi dall’inizio della battaglia! E se si gioca a Cuphead, la valutazione A, B o C non basta. O almeno per i giocatori minuziosi come il sottoscritto. Allora come diavolo fare per dominare un gioco di questo tipo senza ritrovarsi a spaccare tv, pad e console?… Beh, iniziamo con i consigli:

CONSIGLIO 1 – MORITE SPESSO

Innanzitutto crepiamo. Moriamo tanto. Senza farci troppi problemi. Per almeno i primi dieci minuti, non facciamoci prendere dal panico che stiamo morendo troppo sentendoci letteralmente idioti. Cuphead è difficile non è Tetris né tantomeno Pacman; è un gioco dove la morte sta nella sua riuscita.

Però, non moriamo a caso o senza capire il perché, studiamo i pattern dei nemici. Alla fine ce ne saranno due o tre per trasformazione; ed è la stessa identica cosa di quando Bowser nel finale di livello vuole colpire Mario con le sue maledette palle di fuoco, con la differenza che il cattivone è un po’ più monotono di… chessò, Floris Rivoltella? Ma la dinamica è la stessa: ci sparano dei colpi, seguiamo i colpi, schiviamo i colpi, punto. Voi direte, eh sì la fai facile… Per questo c’è il mio secondo consiglio.

CONSIGLIO 2 – SEGUITE L’ANTAGONISTA, NON IL PROTAGONISTA

In queste tipologie di giochi, un errore che a mio avviso si fa spesso è quello di incollare gli occhi al protagonista della vicenda, in questo caso Cuphead o Mugman. Seguendoli con gli occhi e concentrandoci solo su di loro avremo l’esatto opposto di quello che vorremmo avere. Proviamo quindi a tenerli d’occhio con la coda dell’occhio e concentrarci bensì sul nemico e sui colpi che ci attaccheranno. Senza neanche accorgercene riusciremo a schivare molte più batoste di quanto potessimo immaginare, e questo perché saremo sempre in anticipo rispetto al boss di turno.

PAGLIACCIO Cuphead

CONSIGLIO 3 – NON SIATE MONOTONI

Eh sì, la monotonia, brutta bestia. Ci piace un’arma e la sappiamo padroneggiare perfettamente? Il resto delle armi non fa a al caso nostro? Giusto, giustissimo! Peccato che i creatori del gioco non credo volessero mettere cinque o sei armi in più tanto per il gusto di farsi dieci ore di lavoro aggiuntive. L’hanno fatto per darci una mano, una grande mano! Proviamo le armi che abbiamo…tutte!

Quel maialone che ce le vende, al di là di un aspetto poco raccomandabile, è una manna dal cielo per le tazzine. Se non ci riesce proprio di uccidere un boss con la nostra arma preferita, perché non provarne un’altra? Potrebbe fare più danni o semplicemente renderci più facile lo schivare senza mirare. Non ci riusciamo ancora? Forse l’abilità che stiamo utilizzando può essere cambiata con qualcosa che ci aiuterà notevolmente di più. In poche parole, sarà anche un gioco basato sul corri e spara, ma un po’ di strategia ci vuole sempre.

CONSIGLIO 4 – CAMBIATE DIFFICOLTA’

Consiglio scontato ma quanto di più utile! Se i primi tre consigli non sono abbastanza per riuscire a sconfiggere un qualsiasi cattivone a livello normale, cambiamo semplicemente difficoltà. Non preoccupatevi, non ci vede nessuno, nessuno sarà lì a puntarci il dico come per dire “fai schifo non sei in grado di giocare”. Non dobbiamo aver fretta di concludere il gioco, alla fine siamo lì per divertirci no? Quindi, diminuiamo la difficoltà e riproviamo a seguire i consigli precedenti. Sono sicuro che La modalità normale poi sarà molto più semplice di quando avevamo iniziato a giocare. Anche perché un videogioco hardcore come questo, è una grande sfida, ma anche le grandi sfide si possono superare con gradualità, senza dover essere per forza degli spacconi.

CUPHEAD MUGMAN

CONSIGLIO 5 – SPEGNAMO LA CONSOLE

Eh sì, qui sicuramente il consiglio più difficile da seguire. Adesso, non so se ce lo prescrive il medico quando giochiamo che dobbiamo per forza di cose appunto giocare. Ma dai tempi che furono, il videogioco è stato creato come forma di intrattenimento per il divertimento. Se un videogioco ci causa stress, ci porta a sbroccare di continuo, o ci fa cambiare l’umore per la sua non riuscita, non è il videogioco che fa per noi; o almeno non in quel preciso momento! Quindi perché non alzarsi, spegnere la console e andarsi a fare un giro?

Tanto i vari Cuphead, Hollow Knight, Celeste e compagnia bella non scappano da nessuna parte, anzi se va bene non vedono l’ora di non ricevere più così tanti insulti a gratis!

Immaginiamoci di chiudere gli occhi, diventare una tazzina simpatica parlante e ritrovarci in un mondo colorato all’inverosimile con personaggi dagli occhi ansiogeni, bocche enormi e parlantine buffe e forbite allo stesso tempo.

Eccoci nel mondo di Cuphead! Un mondo che è stato creato per il nostro sano e puro divertimento.

Cuphead è un gioco che nella sua difficoltà dona tutta la sua magnificenza! E’ una sfida ardua, questo sì, ma è soprattutto un videogioco dove nel suo design, nei suoi nomignoli e nei suoi colori regala un viaggio estremamente autentico in quei cartoni anni ‘30 che a volte, fatemelo dire, avevano tutto fuorché qualcosa adatto ai bambini.

Anzi, e se voleste mai regalarlo ai vostri figli essendo appunto un gioco cartone animato, beh non preoccupatevi, perché Cuphead e Mugman li proteggeranno senza alcun dubbio.

Io vi ringrazio per l’attenzione, spero che questi consigli vi siano stati utili.

Un saluto dal vostro EliRedZ, ci risentiamo ad un prossimo video.

Ciao belli!

EliRedZ

 

Informazioni su Elia Rossi 12 Articoli
Amante di videogiochi, musica e fumetti, EliRedZ nasce prima animatore e dopo presentatore di eventi in tutta Italia. Il pensiero di poter approfondire l’arte del videogioco insieme a tutto ciò che lo fa stare bene è un continuo motivo di stimolo per lui.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*