Follow
Gamepare > Home > Villagers > Villagers – Recensione

Villagers – Recensione

Molti di voi ricorderanno Settlers, titolo il quale ha fatto certamente scuola per i classici city builder dal sapore medievale, creando un genere e uno stile unico per questa tipologia di giochi.
Villagers è il tentativo di Bumblebee. di dare vita a un gioco che possa in qualche modo appassionare gli amanti di questo genere. Vediamo assieme quale è stato il risultato.

Villagers ci fa vestire i panni di un uomo o una donna, a seconda della nostra scelta, con un incredibile dono: la grande abilità nel pianificare l’edificazione di villaggi e città. Ci ritroveremo quindi con il compito di creare un nuovo insediamento in terre vergini e inesplorate.

La campagna principale del gioco si compone di sei diverse missioni che progressivamente sbloccheranno nuove features e nuovi edifici e al contempo narreranno la storia di una famiglia che, a sorti alterne, avrà modo di dare il suo contributo nella storia dell’umanità.
Il gioco è infatti caratterizzato da lunghe sessioni di dialogo che ci consentiranno di comprendere al meglio il background nel quale i nostri coloni si muoveranno.

Villagers-Screenshot-02Per quanto concerne il gameplay, cominceremo con una mappa nuova di zecca dove verrà edificato il nostro centro di comando, e con a disposizione una decina di coloni dovremo dare inizio alla costruzione del nostro villaggio. Avremo quindi un cursore per comandare i nostri coloni a svolgere diverse attività come ad esempio estrarre metalli preziosi dalle miniere, azioni che potranno essere eseguite da ogni membro del villaggio.
Quando i coloni si ritroveranno senza un’occupazione precisa si dirigeranno ad aiutare i propri compagni nelle altre attività, in modo da velocizzare il tutto.

Molto importante è anche ii reperimento del cibo, quindi i nostri abitanti dovranno pescare o cacciare animali selvatici. Mano a mano che il tempo passerà i nostri lavoranti si specializzeranno e quindi avremo boscaioli per tagliare gli alberi in maniera più efficiente, minatori dediti all’estrazione di metalli preziosi, sacerdoti che costruiranno e manterranno templi i quali terranno alto il morale degli altri abitanti e così via.

Avremo sempre bisogno di un numero superiore di abitanti per crescere dato che i vari edifici necessitano di una manutenzione costante. Dovremo quindi costruire nuove abitazioni e aspettare del tempo affinché i bambini diventino adulti e quindi possano essere utili alla nostra causa.

Villagers-Screenshot-05Ogni capitolo della campagna avrà il suo numero prestabilito di edifici e quindi una volta trovati tutti ci sarà poco altro da fare se non crescere in maniera esponenziale e costante. Potremo comunque sempre giocare Villagers in free mode e quindi avere un’esperienza di gioco potenzialmente infinita.

Dal punto di vista tecnico il gioco non richiede molto e la grafica è abbastanza basilare. Caratteristica fondamentale di Villagers, e che potrebbe far storcere il naso ad alcuni puristi del genere, è l’atmosfera di gioco, molto stile cartoon e poco seriosa come accade in altri titoli similari. Per quanto l’audio, non c’è doppiaggio e le musiche e gli effetti sonori sono nella norma.

Un gioco forse ancora acerbo che ha un alto potenziale che non è stato sfruttato in maniera profonda e a dovere.

Positivo
  • Semplice e intuitivo nell’interfaccia
Negativo
  • Traduzione Italiana non corretta
  • Alcuni Bug
6.3
Giusto
Gameplay - 6.5
Grafica - 6.5
Longevità - 6
Scritto da
All'inizio era pong, poi c'è stato l'avvento di Wolfestein 3D ed ora Assassin's Creed. Ogni volta che provava un gioco voleva scoprire cosa passava per la testa al team che ci ha lavorato. Appassionato fin da piccolo al mondo dei videogiochi non si stacca mai dal suo gamepad.

Dite la vostra!

0 0