Una nuova formula di marketing per i giochi del futuro: gli ARG

Avete sentito parlare di recente di ARG? ARG sta per Alternate Reality Game: questo acronimo fa riferimento a una nuova tipologia di gioco che mescola elementi del mondo reale come parte di una narrazione, che i più avranno già potuto apprezzare nel film di Steven Spielberg, Ready Player One. Si tratta in effetti di una moderna e videoludica caccia al tesoro. I nostri genitori, così come i nostri zii, erano soliti fare questo tipo di giochi durante le loro vacanze, mentre oggi l’Alternate Reality Game torna in auge in versione digitale. Si tratta quindi di un’operazione di marketing di tipo nostalgico, oppure del nuovo potenziale trend del momento in termini di gaming?

In questo breve articolo cercheremo di spiegare nel dettaglio che cosa sono gli arg e perché presto ne sentiremo molto parlare. Facciamo un esempio concreto: un ARG potrà chiedere agli utenti di risolvere indizi che sono rintracciabili nel contesto della nostra vita reale, che poi torneranno utili per sbloccare il gioco in formato digitale. In pratica si tratta di fare un utilizzo misto di app per smartphone in un contesto reale, dove un simbolo scritto con inchiostro invisibile può essere letto e decifrato attraverso il nostro telefono.

 

Il tutto ci porterà poi verso una URL di un sito che potenzialmente avrà nuovi indizi utili al progredire della trama. Più difficile da spiegare che da praticare, visto che procedendo per accumulo di informazioni, come dei novelli investigatori, troveremo nuovi indizi utili per andare avanti nel gioco e trovare la nostra soluzione. In base alle nostre attitudini e predisposizioni questo ARG può essere facile da risolvere oppure diventare un vero rompicapo, ma il suo reale scopo è quello di coinvolgere gli utenti al fine di farli collaborare tra di loro.

Alternate Reality Game Vita Reale 2

Ci sono stati già esempi di giochi che hanno mischiato le carte e sperimentato gli elementi che sono tipici degli ARG, che sono campagne di marketing virale molto efficaci per creare coinvolgimento e hype tra il pubblico maggiormente influenzato da questo tipo di dinamiche. Le campagne di gioco di realtà alternative diventano quindi degli esempi di come si possa gestire un nuovo tipo di prodotto, traendone buoni risultati in termini di marketing. Oggi tutti sappiamo che non è la cosa più semplice gestire una campagna di marketing virale con successo, visto che il pubblico risponde in modo spesso non prevedibile a certe stimolazioni: stiamo però imparando molto dai giochi di realtà alternativa, studiando e analizzando i casi più fortunati che hanno coinvolto il pubblico su vasta scala.

Studi di settore indicano come sia fondamentale avere le idee chiare sul target, così come sulla durata; è importante anche ricordare come la comunità dei giocatori sia capace di fare rete, scambiando tra loro le informazioni utili per risolvere e superare i vari ostacoli. Ora, se lo scopo del gioco è quello di creare gruppo e coinvolgere tra loro gli utenti, il risultato è spesso garantito. Se invece si sta procedendo per creare una esperienza di gioco nuovo, a livello sensoriale, il rischio spoiler sarà sempre dietro l’angolo. Questo aspetto oggi vale per ogni tipo di gioco e di argomento capace di coinvolgere e attirare il grande pubblico: dal finale di stagione di una serie TV, passando per il film del momento e ovviamente senza dimenticare i fortunati giochi campioni d’incasso di questo ultimo periodo. In effetti la cosa più complicata da gestire è proprio questa: tenere il riserbo e il silenzio sulle informazioni che possono farci progredire nel gioco e negli ARG.

Informazioni su Andrea Raso (Andrea West) 2464 Articoli
All'inizio era pong, poi c'è stato l'avvento di Wolfestein 3D ed ora Assassin's Creed. Ogni volta che provava un gioco voleva scoprire cosa passava per la testa al team che ci ha lavorato. Appassionato fin da piccolo al mondo dei videogiochi non si stacca mai dal suo gamepad.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*