Mutant Year Zero: Road to Eden – Recensione

Ispirato al celebre gioco da tavolo, Mutant Year Zero è uno strategico a turni (zoo)post-apocalittic

Mutant Year Zero: Road to Eden

Realizzato dallo studio esordiente Bearded Ladies e pubblicato dalla Funcom, Mutant Year Zero: Road to Eden ispirato al quasi omonimo gioco di ruolo nato negli anni ‘80, è uno strategico a turni poco permissivo, basato sull’iconica visuale dall’alto e sulla griglia di movimento, con progressione del personaggio e armi modificabili, a cui si aggiunge anche la componente dell’esplorazione.

Recensione Mutant Year Zero: Road to Eden

Disastri nucleari, cambiamenti climatici e un’epidemia di massa caratterizzano l’ambientazione di questo gioco, la mappa si divide in diverse locazioni , tutte connesse fra di loro da attraversare liberamente,dove avventurarsi alla ricerca di risorse seguendo la trama dell’avventura. Degli umani si è quasi persa la memoria, sostituiti da nuove forme viventi, ci sono mutanti dall’aspetto familiare ma dotati di straordinari poteri e ci sono esseri antropomorfi, tutti che cercano disperatamente di sopravvivere . L’unico avamposto dove possono vivere insieme  (che può sembrare una città) viene chiamato ARCA, una specie di formicaio fatto di metallo e macerie ammassate, in questo piccolo ecosistema le creature finiscono per diventare stalkers, ovvero dei ranger che vagano per i boschi in cerca di ferraglia riciclabile. Al di fuori dell’avamposto c’è il nulla, dove regnano Ghoul e dove la Nova Secta, una chiesa che venera ossessivamente gli Antichi, sta reclutando nuovi adepti grazie ai propri poteri psionici, in pratica esiste solo la morte.

Recensione Mutant Year Zero: Road to Eden

E in tutto questo macello parte l’avventura dei nostri due beniamini ovvero Dux e di Bormin, esperti nel recupero di rottami coinvolti in qualcosa di  pericoloso che li costringerà a spingersi lontano e ad incontrare nuovi compagni nelle lande della Svezia. BORMIN è un cinghiale antropomorfo con senso dell’umorismo pari a zero ma che ha coraggio da vendere e può puntare all’ ‘Impeto Suino’ che gli permette di caricare i nemici stunnandoli e distruggendone la copertura ,invece DUX è un papero irascibile nervoso , ma innegabilmente divertente che può acquisire l’abilità di volo che lo rende ideale al ruolo di cecchino. Dovranno organizzare una missione di salvataggio (il “perché” e il “chi” devono salvare lo lascio scoprire a voi) e lungo il cammino incontreranno altri mutanti , bravi e cattivi e motivati dal bisogno di scoprire da dove vengono scoprono che le loro esistenze sono legate ad un grosso segreto, connesso in qualche modo ad una specie di terra promessa che tutti chiamano Eden.

Recensione Mutant Year Zero: Road to Eden

In Mutant Year Zero: Road to Eden, l’interfaccia è molto pulita e chiara ed evidente quali sono le percentuali di riuscita di un attacco e i relativi danni. Il cambio dell’arma è molto semplice . Il gioco tiene in considerazione l’orientamento dei nemici (per verificare se si viene scoperti o meno), la distanza, il cover (half o full, come di consueto) e l’altitudine. Le armi esplosive come le granate e le bottiglie incendiarie ,che aiutano il giocatore nelle situazioni in cui i nemici sono numericamente superiori, sono ben fatte. Cosa da tenere a mente, è che la città ospita i negozi che ci permettono di scambiare i rottami trovati, potenziare le armi scovate o comprate, renderle ancora più efficaci grazie ai moduli di potenziamento e sbloccare bonus di squadra utilizzando gli artefatti ottenuti.

Mutant Year Zero: Road to Eden

In alcuni momenti però Mutant Year Zero: Road to Eden evidenzia una gestione dei combattimenti tattici che incespica su errori di design e su una scarsa varietà di situazioni, alcune texture, lasciano davvero a bocca aperta, ma ce ne sono anche di meno curate così come ci sono differenze qualitative evidenti nei modelli dei personaggi. Gli scontri rimangono comunque molto impegnativi, non è un gioco facile (anche a livello di difficoltà più semplice) ed è necessario comprendere completamente le meccaniche di combattimento e le abilità speciali per sopravvivere e proseguire nell’avventura. Le scene di intermezzo basate su illustrazioni sono modeste ma funzionano, sostenute da campionamenti audio più che buoni, da efficaci battute sottotitolate in italiano e da una colonna sonora che mescola il synth degli anni ottanta di Blade Runner e 1997: Fuga da New York con un tema di combattimento che cita direttamente il primo UFO. E non manca nemmeno qualche frammento di rock d’annata che sbuca da qualche radio mezza rotta, ciliegina sulla torta di un titolo che ha solo bisogno di qualche rifinitura per dirsi pienamente riuscito.

Man mano che si prosegue la via diventa sempre più chiara, ciononostante fanno spesso capolino aree facoltative e qualche segreto nascosto. Non si tratta di missioni secondarie, ma vale la pena di provarle tutte, sia per ammirare le nuove location sia per livellare. La storia dura all’incirca 30 ore dove passerete la maggior parte di queste a esplorare le varie zone e cercare i vari segreti.

Mutant Year Zero: Road to Eden

Insomma gioco molto divertente e molto divertente anche il mix tra i vari combattimenti, l’assenza di un percorso predefinito che ci permette di vagare liberamente per le aree limitrofe ci piace veramente molto. Se dobbiamo trovare una pecca non c’è dubbio è sicuramente l’IA dei personaggi che non spicca di grande acume.

La recensione di Mutant Year Zero: Road to Eden si basa su esperienza e sensazioni personali scaturite durante la prova prodotto.

Mutant Year Zero: Road to Eden
8.2 / 10 Recensione
Gameplay8
Grafica8
Longevità8.5
Pro
  • Libertà a turni
  • Ottima colonna sonora
  • Giusta difficoltà
  • Contro
  • IA dove sei?
  • Longevo ma non troppo
  • Informazioni su Simone Bignami (Simokiller) 211 Articoli
    Grande amante dei giochi sparatutto soprattutto contro gli zombie. Se volete passate dal mio canale youtube : simokiller! , risate e nuove avventure sono sempre di casa.

    Commenta per primo

    Lascia un commento

    L'indirizzo email non sarà pubblicato.


    *