MOTOGP 20 – RECENSIONE

MotoGP-20-recensione-cover

Manca poco alla ripresa ufficiale della MotoGp post Covid-19, ma la voglia di moto era troppa (complice anche la bella stagione che incita al giretto?).
Non potevamo esimerci, perciò, dal mettere le nostre mani sul titolo di Milestone, italianissimi amici che hanno sfornato anche quest’anno il nuovo titolo a due ruote, MotoGp 20.
Decisamente più ispirato rispetto all’apprezzato (anche se un po’ stantio) MotoGp 19, il nuovo titolo si allaccia il casco ben stretto in testa, accende le luci (sempre!) e parte sfrecciando.

COME FA VALENTINO, COME FACEVA VALENTINO

Punto di forza dell’annuale versione di MotoGP è la rinnovata modalità Carriera.

Rispetto alle precedenti edizioni, quest’anno si presenta reinventata e migliorata, dandovi l’opportunità di creare da zero il vostro team personalizzato, da poter affiancare a un team ufficiale.
Una novità attesa da tempo, che si contraddistingue per un editor caschi/livree molto semplice ed intuitivo, che vi darà rapidamente l’opportunità di personalizzare la vostra scuderia.
Quindi, proprio come il manager Valentino Rossi e il suo VR46 Team, potrete dilettarvi nel gestione del vostro racing team, oppure come il Valentino pilota potrete collaborare con ingegneri e sviluppatori al fine di perfezionare il mezzo.

In questo turbine di rivoluzioni online, ci torna alla mente la Carriera di Codemasters e del suo F1, la cui fonte riteniamo i ragazzi di Milestone abbiano abbondantemente attinto.

Tuttavia, la loro visione della vita del paddock non è esente da difetti.

MotoGP 20 - Valentino Rossi - Videogame


DOMO ARIGATO MR.ROBOTO

Abbiamo francamente faticato a ritenere credibile l’IA avversaria.
Certo, finalmente non si crea più quello spiacevole effetto trenino cui eravamo abituati negli anni precedenti, merito anche di ANNA, intelligenza che controlla mezzi e piloti. I nostri rivali saranno molto più accorti nella gestione del mezzo, gestendo usura delle gomme e utilizzo de motore. Anche l’aggressività in pista verrà modulata in base alla situazione, e non sarà raro vedere scontri e voli tra piloti.

Positivo invece è il feeling con la moto, facilmente percepibile col pad. Le Moto3 daranno l’idea di leggerezza e agilità, mentre le Moto2 trasmetteranno bilanciamento, potenza e brio in pista.
Più complesse le MotoGP, che richiederanno un lungo percorso di apprendimento prima di imparare a gestire bene fisica, punto di corda e cadute.
Se poi fosse così difficile giocare, si potranno gestire gli aiuti, intervenendo proprio dove si hanno problemi variando i settaggi interessati.

MotoGP 20 - Videogame - Screen2

AGOSTINI O LUCCHINELLI?

Altra modalità interessante, è quella legata alle gare storiche.
Meno fedele ma più divertente (manca qualche pilota, alcuni “centauri” storici vengono inseriti casualmente e fuori contesto solo per fare numero), sarà possibile guadagnare crediti spendibili nel negozio storico, dove potremo acquistare piloti e moto. Abbastanza interessante il sound dei mezzi, tutto sommato fedele (ma non fedelissimo).

PRO:

CARRIERA: Evidentemente ispirata dalla modalità carriera dell’ottima serie F1 della Codemasters, la Milestone ha notevolmente aggiornato e migliorato la modalità carriera di MotoGP 20. Il risultato è ottimo e degno di nota, pur con difetti che sottolineeremo nella sezione “Contro”.

ESPERIENZA VISIVA: Non una novità ma tutto, a cominciare dalle grafiche introdotte quest’anno nelle dirette televisive dalla DORNA, al contorno che è presente nei weekend di gara, è riprodotto con ottima cura e precisione. Visivamente una gioia per gli occhi.

MotoGP 20 - Videogame

CONTRO:

CURVA DI APPRENDIMENTO TROPPO ALTA: MotoGp 20 è un gioco che si rivolge prevalentemente agli appassionati. Questa impostazione ha comportato, a nostro modo di vedere erroneamente, che il gioco richieda un buon numero di ore di apprendistato per essere maneggiato a dovere senza cadere ogni 2-3 curve. L’effetto collaterale, naturalmente, è che un gioco dall’alta curva di apprendimento ammazzi totalmente l’interesse del pubblico che vuole farsi magari una partita con gli amici in modalità arcade. Non è un problema nuovo, sia chiaro, ma rimane un neo che a nostro modo di vedere ostacola grandemente la crescita del gioco e la sua diffusione tra il grande pubblico. F1 della Codemasters in questo riesce perfettamente, prendendo in modo ottimo sia il giocatore più casuale che quello più esperto e che ricerca un’esperienza più simulativa.

INTELLIGENZA ARTIFICIALE DISCUTIBILE: Anche dopo diverse patch abbiamo notato numerosi problemi con l’IA degli avversari: troppe cadute (in numero innaturale rapportato a una media realistica) e una generale noncuranza per le posizioni delle moto avversarie, con numerosi incidenti che nella realtà accadrebbero molto difficilmente. Un peccato, per un gioco così improntato verso la simulazione.

MOTOGP 20
8.7 / 10 Recensione
Gameplay8.5
Grafica9
Longevità8.5
Pro
  • Divertente carriera
  • Grafica molto dettagliata
  • Contro
  • Curva apprendimento molto alta
  • IA ancora da rivedere
  • Informazioni su Tommaso Ferraris (Tommy K) 165 Articoli
    Il primo amore non si scorda mai, e per Tommy si tratta della prima PlayStation. Cacciatore di trofei, da vent'anni fedele all'unica sua fonte di intrattenimento videoludico. La sua collezione contiene tutte le console Sony (anche in edizione limitata) e diverse centinaia di titoli marcati PS.

    Commenta per primo

    Lascia un commento

    L'indirizzo email non sarà pubblicato.


    *