Follow
Gamepare > Home > LEGO Worlds > LEGO Worlds – Recensione

LEGO Worlds – Recensione

LEGO Worlds è un open world basato sui mattoncini più famosi al mondo. Un punto di partenza per un giocattolo che, a tutti gli effetti, è riuscito a sfondare ogni barriera e ad arrivare anche in altri ambiti come quello dei videogiochi e del cinema. Titoli di recente produzione come Lego Batman così come altri brand, dal Signore degli Anelli a Harry Potter, rivisitati nello stile dei mattoncini danesi ne sono un fulgido esempio.

LEGO Worlds è forse il progetto più ambizioso, un sandbox alla Minecraft che vuole puntare tutto sui concetti di libertà assoluta e soprattutto di creatività. Il gioco ha passato ben due anni in Early Access su STEAM, dove ha ricevuto tutti i feedback necessari per la ‘messa a punto’, per poi essere rilasciato in versione completa e in contemporanea anche sul mercato delle console, per la gioia di tutti gli appassionati.

Il gioco ha subito un processo di evoluzione molto interessante nel corso del tempo e ha acquisito complessità nella sua formula, aiutando il giocatore a esprimere il suo estro con i pezzi LEGO, ma incanalando comunque il tutto su determinati binari che permettono di non smarrirsi nella miriade di possibilità di utilizzo proposte.
La libertà è comunque garantita, e dopo una sorta di tutorial potremo anche decidere di sbizzarrirci come più ci pare e piace. Nelle nostre avventure potremo poi avere un aiuto grazie al multiplayer sia online che in locale, dato che assieme a qualche amico potremo esplorare il mondo e condividere le attività da svolgere per “popolarlo” di mattoncini. In ogni momento comunque, grazie a vari settaggi della privacy, potremo sempre scegliere se mantenere le modifiche fatte dagli amici al nostro mondo di gioco, oppure cancellarle e continuare solo con il nostro operato. La crescita è progressiva e livellata in LEGO Worlds, con degli obiettivi ben specificati che riescono a mantenere il grado di attenzione e la longevità sempre ad alti livelli.

LEGO Worlds comincia con una navicella spaziale che ha un’avaria ed atterra quindi su un pianeta sconosciuto. Da qui, verremo guidati dalla voce di Claudio Moneta che, con ironia, ci spiegherà quali sono i primi passi da compiere. Con le prime missioni capiremo quindi il funzionamento del gameplay e contemporaneamente potremo guadagnare dei mattoncini dorati che ci permetteranno di potenziare il nostro mezzo e quindi scoprire nuovi mondi. Mondi sempre più vasti che potremo modificare tramite i nostri strumenti, sempre richiamabili tramite un comodo menù a rotella.

Potremo costruire mattone su mattone, modificare di netto il paesaggio con mezzi appropriati, oppure copiare e incollare vari modelli già preconfezionati o ancora utilizzare lo strumento di scoperta. Quest’ultimo funge come una sorta di “registratore” per salvare ogni singolo elemento degli scenari che ci circondano, in modo da riutilizzare successivamente tali creazioni lee quali saranno salvate nel nostro inventario.
Sembra tutto facile così, ma è necessario aggiungere a tal proposito che non tutti i modelli possono essere immagazzinati fin dall’inizio, dato che alcuni necessitano di condizioni particolari da soddisfare prima di essere riutilizzati.

I set a disposizione, mano a mano che potremo scoprirne di nuovi, sono realmente tantissimi e legati ai veri pacchetti LEGO; queste combinazioni vanno da paesaggi western, a mondi ghiacciati, fino a isole dei Caraibi, paesi di dolciumi o terre del Medioevo. C’è veramente di che sbizzarrirsi! Ogni mondo avrà naturalmente attività specifiche e azioni peculiari, come l’addomesticare alcuni animali oppure utilizzare certi veicoli, il tutto stando attenti alle creature ostili, contro le quali molto spesso ci ritroveremo a combattere.

Il comparto tecnico riflette le varie produzioni videoludiche legate all’universo LEGO viste finora. Le ambientazioni sono tutte molto allegre e i colori particolarmente vivaci. Si registra qualche sporadico problema di pop up ma nulla di grave.

Un titolo che lascia libero sfogo alla fantasia e, se ben supportato in futuro, può veramente avere una longevità infinita. Consigliato non solo ai piccini ma sicuramente anche agli adulti con tanta immaginazione. Non ci resta quindi che diventare un mastro costruttore LEGO!

8
Grande
Gameplay - 8
Grafica - 8
Longevità - 8
Scritto da
All'inizio era pong, poi c'è stato l'avvento di Wolfestein 3D ed ora Assassin's Creed. Ogni volta che provava un gioco voleva scoprire cosa passava per la testa al team che ci ha lavorato. Appassionato fin da piccolo al mondo dei videogiochi non si stacca mai dal suo gamepad.

Dite la vostra!

0 0