Just Cause 4 – Recensione

Avalanche Studios ritornano con questa quarta incarnazione del loro iconico franchise ancora più grande, fracassone e spettacolare.
Just Cause 4 è un vero e proprio sandbox all’ennesima potenza dove tutto è caotico e concesso, dal pilotare qualunque veicoli al fare scoppiare qualsiasi cosa ci ritroveremo davanti.
Potremo come sempre lanciarci da altezze incredibili e compiere delle evoluzioni fuori dal normale.  Questa volta ci troviamo nell’isola di Solis, un’isola del Sudamerica con quattro zone caratterizzate da habitat molto peculiari. Ce ne sarà per tutti i gusti dai deserti con tempeste di sabbia, alle foreste tropicali con le relative tempeste fino a zone più montuose con tornado a forza sette.

Just Cause 4 Screen 01
La trama vede ancora una volta Rico Rodriguez che ritorna sulle tracce del padre e sul suo lavoro di ricercatore sulla situazione delle condizioni meteo mondiale. Con le ricerche sull’isola  si imbatte nella Mano Nera e nelle sue truppe e salvando Mira organizza un esercito di liberazione che chiama l’Armata del Caos.
Dovremo quindi come sempre compiere delle missioni con l’aiuto del nostro esercito ausiliario e quindi conquistare progressivamente porzioni di isola fino alla definitiva liberazione.
Il gameplay di Just Cause 4 è quello di sempre con l’immancabile rampino e un arsenale ricchissimo che vi permetterà di sbizzarrirvi in un un gunplay che ha sempre una certa solidità.

Just Cause 4 Screen 02
Partiremo full equipped con rampino, paracadute e tuta alare con le aggiunte in questo capitolo di sollevatore, riavvolgitore e booster.
Il sollevatore consiste in alcuni palloni che potranno essere posizionati per sollevare qualsiasi oggetto o individuo che ci si pari di fronte. Il riavvolgitore si aggancia a oggetti pesanti e li scardina mentre il booster è una sorta di propulsore come suggerisce il nome stesso. La cosa più spassosa è provare la combinazione di questi oggetti tutti assieme e scatenare il caos con vari tentativi. A questo proposito potremo settare le combinazioni di tasti con il d-pad e quindi richiamare immediatamente gli oggetti non appena ne sentiremo il bisogno nella maniera più comoda per noi.
Avremo poi tre differenti compagni di avventura che con il proseguo del gioco potranno implementare e potenziare i nuovi gadget, migliorando ad esempio lunghezza del cavo potenza, accelerazione, durata e così via.
La mappa è molto ampia e quindi di cose da fare ne avremo veramente tante.  Tra distruzioni, hacking di sistema e liberazione di personaggi ne avremo per un bel po’.

In Just Cause 4, la campagna si attesta a una ventina di ore anche se con le attività collaterali il gioco assume naturalmente tutt’altra longevità.
Si poteva fare qualcosa di più per quanto concerne l’aspetto dell’intelligenza artificiale dato che i nemici si espongono troppo. Sono comunque tantissimi e non solo appiedati ma anche dotati di vari veicoli quindi comunque il livello di sfida è sempre piuttosto alto. Anche noi d’altra parte potremo sbizzarrirci con elicotteri, jet, jeep e qualsiasi altra cosa quindi  non ci sentiremo mai frustrati per inferiorità.
Dal punto di vista tecnico il gioco sfrutta una fisica molto complessa ma ben realizzata. Ottima anche la resa degli agenti atmosferici.
Buona la colonna sonora mentre grandioso è il doppiaggio in italiano che vede protagonisti attori di calibro.
Un more of the same caciarone che gli appassionati non faticheranno ad amare così come tutti gli amanti di un sandbox fatto bene senza troppe pretese.

La recensione di Just Cause 4 si basa su esperienza e sensazioni personali scaturite durante la prova prodotto.

Just Cause 4
7.8 / 10 Recensione
{{ reviewsOverall }} / 10 Utenti (0 voti)
Gameplay8
Grafica8
Longevità7.5
Pro
  • Buona struttura da sandbox
  • Nuovi gadget introdotti divertenti e da sperimentare
  • Contro
  • Gioco un po’ fine a se stesso
  • Non evolve massicciamente rispetto al passato
  • Cosa dicono gli utenti... Lascia il tuo voto
    Ordina per

    Sii il primo a lasciare una recensione.

    User Avatar User Avatar
    Verificato
    {{{ review.rating_title }}}
    {{{review.rating_comment | nl2br}}}

    Di Più
    {{ pageNumber+1 }}
    Lascia il tuo voto

     

    Informazioni su Andrea Raso (Andrea West) 2310 Articoli
    All'inizio era pong, poi c'è stato l'avvento di Wolfestein 3D ed ora Assassin's Creed. Ogni volta che provava un gioco voleva scoprire cosa passava per la testa al team che ci ha lavorato. Appassionato fin da piccolo al mondo dei videogiochi non si stacca mai dal suo gamepad.