Fight of Gods – Recensione

fight-of-gods_logo

Fight of Gods è un titolo che appena uscito ha generato parecchio scalpore. Vuoi perché un picchiaduro in cui Gesù è un personaggio giocabile del roster non è cosa da tutti i giorni vuoi perché, proprio per questo motivo, il governo della Malaysia ha deciso di bandirlo dal paese.
Questi sono motivi sufficienti certamente per suscitare curiosità e testare il gioco per vedere come si comporta alla prova dei fatti questo picchiaduro. Scopriamolo assieme.
Il titolo in questione è un picchiaduro di stile arcade che prende ispirazione in maniera netta per quanto concerne il gameplay da Killer Istinct. La caratteristica principale del titolo in question è come già detto il fatto che oltre a Gesù potremo trovare all’interno del roster tantissime figure religiose e divine che vanno da Buddha a Mosè, passando per Odino, Zeus e Anubi.

Fight-of-Gods-Odin-ZeusChissà se magari con qualche DLC verranno integrate altre divinità magari dal variegato mondo dell’Induisimo, dato che il roster al momento appare piuttosto limitato con soli dieci personaggi selezionabili.
Anche le modalità non sono poi molte e tutte ridotte al lumicino. C’è un arcade mode naturalmente, anche se i personaggi non avranno differenziazioni nella trama in maniera evidente.  Potremo poi naturalmente sfidare sia avversarsi umani che il computer in scontri uno contro uno appositamente organizzati allo scopo.
Il sistema di combattimento è quello di un picchiaduro classico e i vari personaggi sono ottimamente caratterizzati sotto questo profilo, con mosse e stili differenti ma anche un aspetto molto ben curato.

Fight-of-Gods-Odin-Zeus-2
Avendo toccato il discorso del comparto grafico, anche le animazioni risultano convincenti così come qualche scenario particolarmente ispirato, come ad esempio quello di Mosè all’interno del Mar Rosso diviso.  Nulla che faccia urlare al miracolo, bene inteso anche perché data la probabile scarsità di mezzi a disposizione, il team di sviluppo ha realizzato una sorta di picchiaduro retrò in perfetto stile anni Novanta.

Fight-of-Gods-Odin-Zeus-4
Nulla di estremamente eclatante quindi, un picchiaduro senza infamia e senza lode che ricorda molto da vicino il prodotto gratuito di Gameloft Gods of Rome. Certo il poter impersonare Gesù e menare qualcuno con pezzi della croce oppure Mosè con le tavole della legge per qualcuno potrebbe rappresentare un’attrattiva in più a provare il gioco.
La speranza è quella che vengano rilasciate presto alcune patch per migliorare alcuni fastidiosi glitch grafici così come nuovi personaggi per variare un po’ l’azione altrimenti il gioco può venire a noia in brevissimo tempo.

La recensione di Fight of Gods si basa su esperienza e sensazioni personali scaturite durante la prova prodotto.

Informazioni su Stefano M. 362 Articoli
Videogiocatore fin dalla più tenera età ha cominciato con le classiche 500 lire nei cabinati delle sale giochi per arrivare a possedere ogni tipo di macchina da gioco in circolazione, provenienti da tutto il mondo. Non disdegna provare nessun tipo di gioco, perfino il simulatore di sassi.