Dirt Rally 2.0 – Recensione

Ingraniamo la marcia!

DiRT 2 Rally

Quando si parla di rally in campo videoludico, viene subito in mente Codemaster, fin dai primi tempi con la serie Colin McRae per poi arrivare ai primi DiRT, ha sempre dato una vera propria impronta ai giochi di guida e quest’anno torna a far parlar di sé con DiRT Rally 2.0, il seguito dell’acclamato simulatore che ci farà ancora una volta a bordo di veri bolidi.

Indice:

Vivi da pilota

Fin da subito DiRT Rally 2.0 ci fa capire che la carriera del nostro alterego è al centro del gioco, come anche quella del nostro staff. Un titolo nudo e crudo dove le spiegazioni saranno essenziali e verremo buttati a capofitto nel fantastico mondo del rally. Un vero e proprio simulatore dove bisognerà essere veloce ad imparare ed a migliorare i nostri riflessi, ma anche un pò più arcade laddove la mancanza di un volante ci richiederà l’utilizzo di un controller.

Potremmo partecipare a prove a tempo, una novità del titolo, rally storici ed anche al FIA World Rallycross in circuiti chiusi, enfatizzati su questo titolo poiché WRC è il possessore delle licenze ufficiali. Forse qualcuno avrà notato che dal capitolo precedente è stato accantonato l’hill climb, la celebre corsa americana, ma che in realtà non si fa sentire poi molto.

In DiRT Rally 2.0 il comparto tecnico, nonostante un motore grafico abbastanza datato, è veramente sbalorditivo, fatta eccezione per qualche difetto qua e la per quanto riguarda la vegetazione. Interessanti i tracciati in notturna, grazie agli effetti di illuminazione ed il suono delle auto, la loro pesantezza e la differenza di grip tra asfalto ghiaia e fango lo rendono davvero apprezzabile dagli appassionati del genere. Non temete perché anche se non avete un volante (davvero ben gestita la possibilità di settare ogni minino accorgimento) è possibile godere di questo titolo anche con il controller, tramite i vari aiuti alla guida.

Un mondo difficile

I tracciati sono ben riprodotti e come già detto anche le auto non fanno eccezione, l’interno è veramente curato e studiato per copiare fedelmente ogni bottone volante e leva del cambio. Ad ogni tappa dovremo prendere i giusti accorgimenti prima della partenza, come per esempio la scelta dei pneumatici e l’assetto del veicolo (assetto, freni, differenziale, ecc.) in quanto potremmo doverci fermare a cambiare una gomma, ma se per risparmiare peso abbiamo deciso di lasciarla ai box, ci vedremo costretti a terminare così la tappa così o ricominciarla da capo. Già DiRT Rally 2.0 non prevede rewind durante la corsa e quindi dovremo dosare per bene l’acceleratore e raggiungere sani e salvi il traguardo, specialmente nella tappe in notturna, dove anche il minimo incidente frontale potrà danneggiare i fari, e quindi farci guidare nella totale oscurità.

Se un incidente ha rovinato leggermente o considerevolmente il nostro veicolo, prima dell’inizio della tappa successiva dovremo far affidamento al nostro staff ma attenzione, se i danni saranno ingenti potremmo dover dedicare troppo tempo ad un determinato pezzo e quindi doverci portare per tutta la serie di tappe successive i corrispondenti elementi danneggiati. Non temete, grazie alle vittorie otterremo crediti spendibili per incrementare o potenziare i membri del nostro staff di ingegneri.

DiRT 2 Rally

Come per le prove a tempo il fattore multiplayer è caratterizzato dal fatto che dovremmo lottare soltanto contro il tempo online degli altri giocatore, quindi i nostri veri avversasi in gioco saranno comandati dalla intelligenza artificiale. L’IA si adatterà regolarmente per darci sempre la possibilità di avere una sfida coerente con i nostri standard, anche perché altrimenti sarebbe impossibile apprendere, ma non pensiate che vi renderà le cose facili, siamo pur sempre in una competizione.

Altro fulcro importante del team è il copilota, l’ho particolarmente apprezzato anche se alcune volte tende ad essere troppo in anticipo o a dare assieme molte indicazioni, in quanto la voce è sempre limpida e precisa e mai sovrastata da rumori fastidiosi o come una finta riproduzione nella radio del nostro casco,

Come detto prima i tracciati  della carriera sono svariati e si articolano tra Nuova Zelanda, Argentina, Spagna, Polonia, Australia e Stati Uniti, per un totale di più di 60.

DiRT 2 Rally

Per quel che riguarda invece il FIA siamo ad 8 tracciati Barcellona, Montalegre, Mettet, Lohéac Bretagne, Trois-Rivieres, Hell, Holjes e Silverstone, affrontabili con una Opel Corsa 1600 già presente nel nostro garage; Per i rally storici invece si parte da un’ottima base con una magnifica Lancia Fulvia

Completare questi eventi ci darà la possibilità di sbloccare fino a 50 automobili e crediti che ci consentiranno di migliorare i nostri veicoli, per stabilire nuovi record e per migliorare l’affinità con l’auto che preferiamo, rendendola abbastanza potente per competere ad alti livelli.

Una pecca però molto importante riguarda la mancanza di un aspetto molto significativo dei rally… la neve! Già in questo titolo si è deciso di mettere questo piccolo agente atmosferico nei contenuti aggiuntivi a pagamento. Non vi è nemmeno un supporto per il VR, forse verrà aggiunto successivamente come successo per il capitolo precedente.

Numeri alla mano su Ps4 Pro e Xbox One X il titolo da il meglio di sé e resta tranquillamente fisso sui 60fps, mentre su Ps4 e Xbox One S il titolo cerca di mantenerli con qualche compromesso per quanto riguarda la grafica, e se vogliamo proprio essere puntigliosi come già detto precedentemente, nei modelli poligonali di vegetazione e ambientazione.

Conclusione

Codemasters spreme fino all’osso un motore grafico ormai datato ma che sa farsi ancora valere con questo ottimo titolo, se non il migliore fino ad ora.

DiRT Rally 2.0 ci fa sentire veramente in un auto da rally, sia per il suono per il realismo nella riproduzione dei movimenti del volante e sia per quanto riguarda grip e pesantezza delle auto, ma con qualche accorgimento fa approcciare anche i meno esperti muniti del solo controller.

La nostra curva di apprendimento sarà repentina e vorremmo davvero proseguire in questo gioco per rimanere in cima alla vetta. Detto ciò vi lascio divertire tra fango, ghiaia e se acquisterete anche i contenuti aggiuntivi… la neve!

La recensione di DiRT Rally 2.0 si basa su esperienza e sensazioni personali scaturite durante la prova prodotto.

Dirt Rally 2.0
8.2 / 10 Recensione
Gameplay8.5
Grafica8
Longevità8
Pro
  • Auto riprodotte in maniera fedele
  • Personalizzazione dei comandi
  • Ottima simulazione
  • Contro
  • Contenuti a pagamento basilari, come la neve
  •  

    Informazioni su Tommaso Vitali (Tommy gu) 114 Articoli
    La sua passione cominciò anni fa, con i più famosi idraulici italiani: Mario Bros. Gli anni passano, ma la voglia di giocare e intraprendere nuove sfide non si è mai spenta, perché lui è un giocatore e lo sarà per sempre.

    Commenta per primo

    Lascia un commento

    L'indirizzo email non sarà pubblicato.


    *