Dead or Alive 6 – Recensione

Dead or Alive 6

Dal suo concepimento nel 1996 si è saputa distinguere nel panorama dei picchiaduro uno contro uno grazie ad alcuni tratti distintivi che sono ancora presenti nell’ultima iterazione, per la gioia dei fan e la rabbia dei detrattori.
Sviluppato da Team Ninja sotto la guida di Yohei Shimbori e pubblicato da Koei Tecmo arriva il sesto capitolo della nota serie Dead or Alive.

Dalla campagna marketing un po’ confusa non era chiaro quale direzione volesse prendere il nuovo Dead or Alive, ma gioco alla mano è ben chiaro che lo spirito della serie non sia affatto stato snaturato, mantenendo a fianco di un gameplay estremamente variegato e profondo anche lo stile che lo ha reso famoso.

Indice:

Gameplay

Le innovazioni apportate a questo aspetto sono decisamente ben riuscite e molto gradite, il sistema di combo risulta semplificato, rendendo il gioco molto semplice da comprendere a livello visivo anche per uno spettatore inesperto nonché mantenendo e migliorando quell’accessibilità che da sempre è un punto di forza della serie. Questo senza andare a diminuire la profondità tecnica e le possibilità che un buon giocatore può avere per esprimersi rispetto ad un novellino, abbiamo quindi un titolo decisamente accessibile e con una curva di apprendimento molto amichevole per i nuovi, ma anche in grado di raggiungere una profondità di gameplay invidiabile da moltissimi concorrenti.

Si mantengono i capisaldi della serie, come la possibilità di effettuare prese sugli attacchi dell’avversario con il giusto tempismo, aspetto unico nel suo genere, il movimento 3d estremamente fluido così come il vasto parco mosse estremamente versatile e malleabile di cui dispone ogni personaggio.

Come detto il sistema di combo è stato semplificato e vediamo ora solo due tipi di stordimento a terra molto semplici da riconoscere.
Lo stordimento critico è il più semplice e vede il nostro personaggio incapace di eseguire alcuna azione ad eccezione del tentare una presa sugli attacchi avversari, compito per nulla semplice!
Lo stordimento devastante invece incapacità completamente il personaggio, lasciandolo in balia dell’ira dell’avversario, l’unico modo per provare ad uscire con tutti i denti al posto giusto è provare una Presa Devastante!
Oltre a questo ci sono ovviamente le classiche combo juggle tipiche di ogni picchiaduro 3d, nelle quali l’obbiettivo è mantenere sollevato da terra l’avversario il più a lungo possibile, cercando nel processo di mettere a segno quanto più danno riusciamo.
In questo entrano in gioco le qualità peculiari dei diversi personaggi, infatti personaggi più pesanti, come Bass o Bayman, saranno molto più difficili da mantenere sollevati rispetto alle più leggere Kasumi e Honoka.

Abbiamo inoltre una maggiore enfasi sul Triangle Sistem, ovvero quella sorta di morra cinese che vede gli attacchi battere i lanci, i lanci battere le prese e le prese battere gli attacchi.
Anche questo fa si che il gameplay sia profondo ma molto semplice da comprendere anche ad una prima occhiata.

Parlando di aggiunte vediamo anzitutto una barra speciale, presente in ormai ogni picchiaduro sul mercato in una o più varianti.
Dead or Alive 6 utilizza questa nuova feature in modo molto semplice ma decisamente efficace, facendo si che si amalgami alla perfezioni con gli elementi storici del combattimento.
La barra, composta da due segmenti, si può utilizzare per due azioni:

  • Utilizzare una potente mossa, L’attacco Devastante. Questo costa l’utilizzo dell’intera barra, ma ci permette di eseguire un colpo decisamente potente che non solo infligge grandi danni, ma che nella sua fase iniziale è in grado di bloccare buona parte degli attacchi normali che il nostro personaggio altrimenti subirebbe.
    Si può inoltre cancellare il completamento dell’animazione della mossa in modo da utilizzarla per iniziare o estendere una combo, rendendo questa mossa potente ma anche versatile.
  • Effettuare una Presa Devastante. Questa presa si comporta come le normali prese, ovvero blocca l’attacco in arrivo e fa si che il nostro personaggio contrattacchi automaticamente, infligge molti meno danni di una presa normale, ma ha l’enorme vantaggio di poter bloccare qualsiasi attacco in arrivo senza dover indovinare la direzione di quest’ultimo. Usare questa azione costa un solo segmento della barra speciale.

Dead or Alive 6

Un’altra gradita aggiunta è comportata dall’assalto fatale, una combo estremamente semplice eseguibile tramite la ripetuta pressione del dorsale destro i cui attacchi portano tutti allo stordimento devastante e che se abbiamo abbastanza barra speciale si concluderanno con l’Attacco Devastante. Inoltre questi colpi vanno anche ad incrementare la nostra barra speciale più di normali attacchi.
La sequenza può sembrare eccessivamente forte ad una prima vista, ma si rivela ben presto un ottimo trucchetto a disposizione dei principianti, ma che raramente sarà l’opzione migliore per un giocatore esperto, questo non solo perché è facile rischiare di gettare via un’intera barra speciale contro un avversario che sappia utilizzare la Presa Devastante al momento giusto, ma anche perché la combo intera, per quanto spaventosa, non infligge poi un gran ammontare di danni.

Tutto questo è solo la superficie del sistema di combattimento di Dead or Alive 6, ma fortunatamente il gioco dispone di un tutorial eccellente, decisamente uno dei migliori, se non IL migliore, nel suo ambito.
Grazie ad esso chiunque abbia voglia di migliorare e imparare tutte le sfaccettature del gioco lo può fare in modo semplice ed estremamente efficace, decisamente qualcosa da cui sviluppatori di altri picchiaduro farebbero bene a prendere esempio.

Contenuti

Questo ambito è sia soddisfacente che deludente al tempo stesso. Abbiamo diverse attività tipiche della serie, come l’attacco a tempo e l’ottima modalità sopravvivenza, così come altre due modalità principali. D’altro canto abbiamo anche l’assenza di qualsiasi modalità che preveda combattimento due contro due, un vero peccato visto che è da sempre uno dei capisaldi della serie.

Il roster di personaggi è soddisfacente, vediamo 24 lottatori di cui 3 nuove aggiunte. Ci sono stili per tutti i gusti e chiunque può trovare un personaggio che faccia al caso proprio, anche se personalmente avrei preferito qualche personaggio assente al posto di altri, non posso certo dire che ci sia da lamentarsi.
Inoltre tutti i lottatori hanno diversi costumi da sbloccare giocando, cosa che è data aspettarsi dalla serie visti i suoi precedenti, ma tuttavia anche Dead or Alive 6 è caduto almeno in parte vittima dell’era dei DLC e la mole di costumi è sicuramente molto inferiore a quella dei capitoli passati, oltre a presentare molti recolor dello stesso costume. A proposito di DLC approfondiremo più avanti. Il metodo di per sbloccare i costumi è poi piuttosto discutibile, funziona infatti in modo completamente casuale, si ottengono diversi punti utili allo sbloccare  un singolo costume deciso casualmente e una volta raggiunto l’ammontare sufficiente è possibile acquistare il costume con il denaro di gioco. Un metodo scioccamente intricato che costringe a far numerose partite sperando di ricevere i punti che servono per il costume che tanto ci piace.

Dead or Alive 6

Gli scenari non sono in numero particolarmente massiccio, ma sono tutti molto belli a sufficientemente vari, ci sarebbe stato spazio per una maggiore quantità, ma siamo comunque ad un risultato soddisfacente.

Ma parlando delle due modalità principali, queste sono la storia e le missioni.
La prima presenta le vicende di questo Dead or Alive 6 e lo fa con cutscenes di tutto punto che presentano molto bene le vicende. Non si tratta però di un gran ché in termini narrativi, resta una storia piuttosto banale con solo qualche piccola svolta interessante che tuttavia rimane vittima della narrazione tutt’altro che ottima. Inoltre, se la trama principale è snella e semplice da seguire, le vicende secondarie che accadono ai vari personaggi sono presentate in modo molto confuso.
Nel complesso direi un gran passo indietro rispetto a quanto visto nel capitolo precedente, che se di certo non aveva una trama eccezionale faceva un lavoro migliore nel portarla avanti.

Le missioni sono invece sfide che oltre ad essere superate prevedono che si portino a termine tre condizioni in modo da completarle al 100% e riceverne il massimo guadagno.
Sono davvero parecchie, 150 per la precisione, e sono decisamente soddisfacenti in quanto modalità in giocatore singolo.
Le missioni in se sono inoltre estremamente ben calibrate e hanno una curva di difficoltà che cresce in modo estremamente morbido, rendendole anche un ottimo modo per masticare sempre meglio le tecniche di gioco, per contro questo fattore le rende piuttosto ripetitive.

Arriviamo ora allo scottante DLC al costo di 89,99 euro. Una cifra sicuramente assurda e mai vista per un season pass che inoltre sembra offrire solo contenuti cosmetici in arrivo durante l’anno, oltre che due personaggi.
Son fiducioso che i personaggi saranno acquistabili singolarmente, così come i diversi pacchetti di costumi che arriveranno più in la, perciò, sebbene a prima vista questa somma faccia sicuramente storcere il naso, direi che in realtà non abbiamo davanti nulla di così malvagio. Si tratta di un DLC per quello zoccolo duro di appassionati che non vogliono farsi sfuggire proprio nulla, ma che è facilmente ignorabile dal consumatore medio senza per questo ricevere un titolo più scarno o che non valga il prezzo di vendita.
Certo sarebbe stato bello avere più costumi nel gioco base, ma la situazione in Dead or Alive 6 è già abbastanza in controtendenza con quanto si vede tipicamente sul mercato di questi tempi.

Il gioco è inoltre scaricabile in versione free to play, in questo caso avremo pochi personaggi disponibili in modo permanente e modalità di gioco limitate, ma c’è la possibilità di pagare per parte dei contenuti che si vogliono in modo da “fare il proprio prezzo” per ciò che vogliamo farne del titolo.
Scelta molto singolare ma davvero interessante, che da a chiunque la possibilità di provare il gioco senza spendere un singolo centesimo e solo in un secondo momento acquistarlo a prezzo pieno per avere tutto, o sbloccare solo i personaggi che interessano lasciando quelli che non si vogliono usare da parte.

Online

C’è bisogno di un solido online per far si che la vita di un picchiaduro non finisca nel giro di due settimane, in questi termini Dead or Alive 6 è al momento purtroppo un po’ carente.

Il comparto online è funzionale e piuttosto stabile, soffre di un leggero lag ma nulla di drammatico o di inaspettato da un titolo di questo tipo, in cui anche il minimo ritardo diventa ingigantito dalla velocità di gioco che si ha normalmente.
Abbiamo persino la possibilità di sapere se il nostro avversario sta giocando in Wi-Fi, tipicamente meno stabile, o con una rete cablata, permettendoci se vogliamo di evitare match potenzialmente singhiozzanti.

Il problema però lo abbiamo dalla carenza di opzioni, online si può solamente giocare contro un avversario casuale che il matchmaking troverà per noi. Niente lobby, niente possibilità di trovarsi con amici, niente di niente.

Sono elementi che a detta di Tecmo Koei verranno introdotti lungo il percorso di vita del titolo, tuttavia è comunque sgradevole che sia stato lanciato sul mercato senza.

Grafica e sonoro

Su questo fronte la serie Dead or Alive ha sempre avuto ottimi risultati, mostrandoci i muscoli non solo dei personaggi ma anche dei processori grafici e anche questo numero sei non è differente dai predecessori.
Il dettaglio grafico è eccellente, mostrandoci scenari realizzati in modo sopraffino, pieni di dettagli e ben curati.
Ma il meglio arriva coi personaggi, realizzati in modo davvero sopraffino in ogni piccolo dettaglio di ogni singolo costume, inoltre durante il combattimento questi si sporcano cadendo a terra, sudano e ogni tanto si beccano pure qualche livido ed escoriazione per le botte ricevute, niente che arrivi vagamente vicino alla violenza di un Mortal Kombat, ma è un dettaglio decisamente molto gradito e che riesce a dar veramente bene l’idea di una sfida combattuta all’ultimo colpo.

Dead or Alive 6

L’unica nota dolente in termini grafici arriva su pc, purtroppo il team di sviluppo non è stato in grado di dare una gran modulabilità grafica al titolo, che presenta infatti opzioni carenti in questi termini, rendendo il gioco più vessante di quanto dovrebbe essere su macchine che non incontrano i requisiti consigliati. Niente di drammatico, ma è comunque un punto a sfavore.

L’audio rimane ottimo, ma non raggiunge lo stesso livello qualitativo.
Gli effetti sonori sono molto buoni e aiutano a leggere il gioco con facilità, a livello musicale abbiamo buone tracce ma nulla che impressioni, sono però assolutamente in grado di dare il giusto tono ai combattimenti e di caricare il giocatore prima che questi sia entrato nell’azione.
Il doppiaggio è buono in entrambe le lingue, ma l’inglese è vessato da un problema che potrebbe infastidire molti, ovvero un pessimo lip syncing che non trasmette affatto bene l’idea che i personaggi stiano parlando, dando proprio l’impressione della voce registrata. Questo problema influenza principalmente la modalità storia, ma personalmente l’ho trovato comunque sufficientemente fastidioso da farmi preferire il doppiaggio giapponese.

La recensione di Dead or Alive 6 si basa su esperienza e sensazioni personali scaturite durante la prova prodotto.

Dead or Alive 6
8.3 / 10 Recensione
Gameplay9
Grafica9
Longevità7
Pro
  • Intuitivo senza sacrificare la profondità di gioco
  • Stile unico e grafica eccelsa
  • Buona quantità di contenuti
  • Contro
  • Opzioni online scadenti
  • Narrazione debole
  • Pesante per PC sotto i requisiti consigliati
  • Informazioni su Michele Michienzi (Sig Mike) 60 Articoli
    Michele inizia a giocare grazie al NES. Nel tempo ha potuto maturare una buona conoscenza videoludica che spazia in molti ambiti, merito della varietà di titoli giocati. Appassionato principalmente di Action e Picchiaduro è cresciuto con numerosi platform e gdr a fargli compagnia. Fa parte da qualche anno della comunity competitiva italiana di Super Smash Bros.