Sta per iniziare la finale mondiale di Red Bull M.E.O. by ESL

Red Bull M.E.O. by ESL

Si chiama Luca, ha appena 16 anni e vive a Milano. A prima vista un adolescente come tanti, se non fosse per il suo indiscusso primato nel mobile gaming. Luca Javier ‘Pasti’ Pegna, infatti, è il campione italiano di Clash Royale. Lo scorso novembre si è classificato al primo posto del Red Bull M.E.O. by ESL, aggiudicandosi l’ambita finale che si è svolta nella Cattedrale dedicata all’esport del Lucca Comics & Games 2018. Ma non solo, adesso si inizia davvero a fare sul serio: a lui l’onore e l’onere di rappresentare l’Italia in occasione della finalissima mondiale. Il giovanissimo player del team Mkers volerà a Dortmund per competere a livello internazionale per la prima volta, sfoggiando il suo talento nel più prestigioso torneo esport mobile al mondo con ben 36 Stati partecipanti. Dal 2 al 3 febbraio, infatti, 78 finalisti si contenderanno il primato di Clash Royale, Arena of Valor e Brawl Stars. Un appuntamento imperdibile per gli esport lover. Stay tuned!

Nato con l’intento di omaggiare l’attivissima scena competitiva presente su mobile a livello globale, la prima edizione del Red Bull M.E.O. by ESL giunge al culmine con un evento spettacolare che attirerà migliaia di appassionati. Il torneo internazionale ha visto centinaia di migliaia di giocatori sfidarsi durante le tornate di qualifier online e tornei nazionali con l’obiettivo di aggiudicarsi un posto alle finali mondiali che si svolgeranno nelle prossime settimane.

Il Warsteiner Music Hall di Dortmund sta per trasformarsi nel più grande campo di battaglia mobile del mondo e gli atleti si stanno già preparando per dare il meglio di sé in uno scontro senza esclusione di colpi. Non resta altro che prenotare il proprio biglietto gratuito per partecipare dal vivo o collegarsi al canale ufficiale Twitch di Red Bull.

Informazioni su Andrea Raso (Andrea West) 2512 Articoli
All'inizio era pong, poi c'è stato l'avvento di Wolfestein 3D ed ora Assassin's Creed. Ogni volta che provava un gioco voleva scoprire cosa passava per la testa al team che ci ha lavorato. Appassionato fin da piccolo al mondo dei videogiochi non si stacca mai dal suo gamepad.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*