Follow
Gamepare > Home > MXGP2: The Official Motocross Videogame > MXGP2: The Official Motocross Videogame – Recensione

MXGP2: The Official Motocross Videogame – Recensione

Milestone è tornata a sfornare uno dei suoi titoli motoristici di assoluta qualità, ovvero il seguito di quel MXGP uscito nel 2014 e dedicato al motocross. Un gioco che si basa tutto sui riflessi e sui grandi salti tipici di questo sport.

MXGP2 – The Official Motocross Videogame segue in maniera fedele e pedissequa la stagione appena passata del 2015, sia per la categoria MX 2 che per quella maggiore del MXGP, appunto. I roster sono quindi tutti completi così come le piste dei vari campionati, compresa quella bellissima e suggestiva del Qatar che si è recentemente corsa nel deserto.

Possiamo inoltre salire in sella dei principali costruttori di motocross tra cui Kawasaki, Honda, KTM, Yamaha, Suzuki, Husqvarna e TM Racing. La possibilità poi di mettere a punto la nostra moto con modifiche meccaniche darà al gameplay estremo realismo.

MXGP2 screen 4Tra le varie modalità di gioco introdotte in questo nuovo capitolo, da segnalare è il Motocross delle Nazioni, dove potremo gareggiare in base al nostro team di provenienza geografica, come se fosse un mondiale di motocross. Sono presenti gare sia in esterna che su piste al coperto, e potremo perfino rivivere dei momenti reali del passato, in cui dovremo tentare di ribaltare il risultato di una gara già scritta.

Potremo naturalmente anche cimentarci nella cosiddetta Carriera, creando un pilota totalmente da zero e gareggiando provvisti di speciale ingresso wild card. Potremo così fare colpo sugli sponsor e sugli altri piloti dei team avversari con la nostra maestria e la nostra spregiudicatezza. In base ai risultati su pista fioccheranno i contratti di pubblicità, che ci permetteranno di upgradare il nostro mezzo ma anche semplicemente il nostro abbigliamento, dal casco alla tuta.

In quest’ultima modalità si partirà naturalmente dalla categoria minore , per poi approdare alla categoria superiore della MXGP.

Gli sviluppatori hanno previsto anche un multiplayer in cui potremo gareggiare con avversari di tutto il mondo sia in gara singola che in un campionato. In questo caso potremo in ogni momento settare il tipo di gara, il numero di giri, il livello della fisica su pista e così via.

MXGP2 screen 5

MXGP2 sprizza adrenalina da tutti i pori e risulta divertente e facile da padroneggiare anche per tutti coloro che provano un simulativo per la prima volta. Il modello di guida è infatti abbastanza permissivo e i salti sono molto divertenti da compiere, badando ad atterrare bene, con buoni spostamenti orizzontali e scrub efficaci, per non finire a gambe all’aria al termine di una rampa.

Oltre a tutti i vari aiuti di guida che il gioco offre (e sono davvero tanti,) a tutti noi farà sicuramente comodo la funzione rewind, grazie alla quale per poter correggere i nostri errori e magari ripetere un salto venuto male.

Parlando invece dell’intelligenza artificiale che muove i nostri avversari, si rimane a volte perplessi dalle azioni compiute dai vari piloti. L’AI sembra non essere consapevole del fatto che esistono altri giocatori che si muovono nella sue vicinanze, e quindi è possibile spesso vedere piloti che ci atterrano sulla schiena alla fine di un salto oppure ingressi in curva che ci buttano fuori dalla pista

Da segnalare inoltre anche una fisica delle collisioni non ben gestita, con scontri tra piloti finiti in modo non coerente con le dinamiche dell’azione.

Esteticamente il gioco si presenta molto bene, con una buona grafica e con ottimi dettagli dei piloti e soprattutto degli elementi di contorno delle piste. Buono anche il sonoro con tutti i rombi al posto giusto. Tutte le licenze sono state poi rispettate fedelmente.

Positivo
  • Immediato e divertente
  • Perfetta la gestione del controller
  • Ottimi Contenuti
Negativo
  • Fisica da rivedere
  • Collisioni non perfette
  • AI da formare
7.3
Positivo
Gameplay - 7.5
Grafica - 7
Longevità - 7.5
Scritto da
Videogiocatore fin dalla più tenera età ha cominciato con le classiche 500 lire nei cabinati delle sale giochi per arrivare a possedere ogni tipo di macchina da gioco in circolazione, provenienti da tutto il mondo. Non disdegna provare nessun tipo di gioco, perfino il simulatore di sassi.

Dite la vostra!

0 0