Follow
Gamepare > Home > Kung-Fu for Kinect > Kung-Fu for Kinect – Recensione

Kung-Fu for Kinect – Recensione

Kung-Fu High Impact, uscito nel 2011 su Xbox 360, è uno dei primi titoli associati a Virtual Air Guitar. Dopo questo videogioco la casa produttrice pubblicò altri titoli tra cui Beatsplosion for KinectSquid Hero for Kinect e Boom Ball for Kinect, giochi di cui abbiamo effettuato le recensioni in passato.

La finlandese Virtual Air Guitar ha voluto quindi trasportare le emozioni proposte su Xbox 360 anche sulle console di nuova generazione, portando il titolo su Xbox One, editandolo con le funzionalità che il nuovo Kinect ha reso disponibili. Gli sviluppatori non hanno semplicemente portato il titolo in retro compatibilità, ma hanno creato proprio un nuovo titolo rimasterizzato per Xbox One.

Kung-Fu-for-Kinect-screen12Kung-Fu for Kinect ha la stessa trama del precedente titolo per Xbox 360, ma con migliorie nella tecnologia di rilevazione Kinect. Portando al titolo maggiore fluidità nei movimenti, il giocatore ora non è più statico con un immagine bitmap, ma in tempo reale verrà catturato da quello che vede il Kinect. Infatti la nostra immagine interattiva sarà presente per tutta la durata del gioco, partendo fin da subito con scatti inseriti nella storia.

Il titolo ci porta all’interno del racconto introducendolo in modalità fumetto, e ad inizio di ogni capitolo dovremo stare fermi davanti al Kinect nelle pose indicate dal gioco per far si che la nostra immagine venga inserita nella storia a fumetti. A tutti gli effetti ogni introduzione di livello, dove si narra la storia, verrà sempre posta come un fumetto interattivo.

La trama di Kung-Fu for Kinect è molto semplice: una serie di nemici si materializzerà dal nulla e ruberà dei preziosi manufatti. Il nostro compito sarà quello di batterli a colpi di Kung-fu per riprendere il tesoro.

Kung-Fu-for-Kinect-screen11Il gameplay è composto da 22 livelli, dove è possibile selezionare la difficoltà che più si avvicina alla nostra esperienza di gioco. Kung-Fu for Kinect si pone come un titolo di picchiaduro a scorrimento, battendo in 3 ondate per livello i nostri nemici.

Come tutti i giochi di Virtual Air Guitar sono proposti in chiave fitness, aiutando il videogiocatore ad effettuare palestra divertendosi. Durante il gameplay apprenderemo molte nuove mosse per sconfiggere i nemici, alcune delle quali ricorderanno molto da vicino Dragon Ball oppure Street Fighter.

Sul tema grafico, i livelli risultano ben disegnati con una grafica piacevole dai lineamenti regolari, la quale regalerà alcune ore di divertimento al giocatore (anche se alla lunga potrebbe stufare).

Avendo provato il precedente titolo, il nuovo Kung-Fu for Kinect ha una risoluzione maggiore nella cattura delle immagini grazie dal Kinect 2, offrendo un’immagine nitida e perfetta nei contorni, immergendo così il giocatore ancor di più di prima nella storia.

Kung-Fu-for-Kinect-screen1Il gioco risponde bene ai comandi impartiti tramite Kinect, rispetto al precedente titolo Kung-Fu High Impact non ci sono paragoni, anche se ancora presenta qualche imperfezione: a volte, per esempio, non rileva correttamente le mosse speciali, portando il giocatore a ripetere più volte la mossa desiderata invano.

Il sonoro e il doppiaggio in inglese sono ben fatti. Inoltre, a differenza degli altri titoli della stessa casa, Kung-Fu for Kinect è sottotitolato in italiano.

In conclusione Kung-Fu for Kinect può essere descritto come un gioco brucia grassi, il quale però non compromette l’esperienza del videogiocatore. Posizionandosi nei giochi arcade, quasi da sala giochi, per il prezzo abbordabile e per perder peso è un ottimo gioco per far movimento divertendosi. Sicuramente non apprezzato dagli hardcore gamer, ma pur sempre un titolo indie di tutto rispetto.

Positivo
  • Divertente
  • Ti tiene in forma
  • Originale
Negativo
  • Rilevamento masse speciali Kinect
6.7
Giusto
Gameplay - 8
Grafica - 6
Longevità - 6
Scritto da
All'inizio era pong, poi c'è stato l'avvento di Wolfestein 3D ed ora Assassin's Creed. Ogni volta che provava un gioco voleva scoprire cosa passava per la testa al team che ci ha lavorato. Appassionato fin da piccolo al mondo dei videogiochi non si stacca mai dal suo gamepad.

Dite la vostra!

0 0