Follow
Gamepare > Home > Recensioni > Kingdom Come: Deliverance – Recensione

Kingdom Come: Deliverance – Recensione

Il gioco in questione è il risultato di tantissimi anni di lavoro di quel genio di Daniel Vavra, nome dietro al quale si celano grandissimi successi come Mafia II, Hidden and Dangerous e Mafia The Lost Heaven.
Dopo avere abbandonato il suo vecchio studio alla ricerca di maggiore libertà. Ha fondato così Warhorse Studios nel 2011 e nel 2014 ha finalmente completato la sua campagna Kickstarter per il suo progetto più ambizioso. Ci giunge quindi questo Kingdom Come: Deliverance con un hype degli appassionati del genere veramente alle stelle e moltissime aspettative da soddisfare. Ci sarà riuscito? Scopriamolo assieme.

kingdom-come-deliverance

Il gioco ha premesse narrative molto forti, infatti la ricostruzione storica è uno dei fiori all’occhiello dell’intera produzione.
Noi vestiremo i panni di Henry, il figlio di un umile fabbro nella Boemia del quattordicesimo secolo. E’ il periodo dello scisma di Occidente, con Venceslao IV detto il Pigro che succede al vecchio re Carlo IV, amatissimo dal suo popolo, che viene rapito per essere sostituito con qualcuno di più valido sul trono di Boemia. Sigismondo di Ungheria infatti, suo fratellastro, grazie all’appoggio dei nobili, tenta la conquista del trono e per farlo invade la Boemia, massacrando gli abitanti e radendo al suolo i villaggi.
Anche il villaggio di Henry viene distrutto e così il nostro protagonista si ritrova a perdere tutti gli affetti più cari in brevissimo tempo.
Cominceremo il gioco però prima dell’invasione, con Henry che si risveglia dopo una forte ubriacatura. Questo prologo ci consentirà di prendere confidenza con il personaggio e con l’epoca. Il padre gli affiderà dei compiti e noi quindi potremo visitare il villaggio e renderci subito conto della precisione storica nella ricostruzione di questa oscura epoca medievale.
In base alle scelte che opteremo durante il gioco potremo mettere in discussione i valori religiosi e di autorità propri di Henry, oppure rafforzarli maggiormente e quindi assistere a differenti pieghe della storia.

kingdom-come-deliveranceTutto è scritto in maniera eccellente e i dialoghi anche quelli più insignificanti sono diretti in maniera magistrale e esprimono tutte le preoccupazioni dell’epoca.
Tutto è insomma ben contestualizzato e ricostruito alla perfezione e i personaggi non saranno mai dei comprimari ma sempre degli elementi fondamentali della narrazione.
Anche le missioni sono realizzate alla stessa maniera e quindi sia quelle principali che quelle secondarie hanno sempre molta coerenza con il costrutto generale e con l’epoca descritta. Tanti pezzi di un puzzle che si forma piano piano davanti ai nostri occhi.

kingdom-come-deliveranceA questo proposito è stata inserita anche una enciclopedia che ci darà un resoconto accurato di tutte le abitudini e i costumi dell’epoca così da inquadrare al meglio il tutto.
Le nostre scelte come dicevamo influenzano la crescita del nostro personaggio e quindi starà noi decidere se magari diventare un borseggiatore oppure un abile oratore in grado di convincere le persone. Anche l’abbigliamento e l’igiene personale faranno molto e infatti se saremo vestiti come degli straccioni ci saranno precluse alcune missioni piuttosto che altre.
Il sistema di combattimento è invece basato su fendenti e stoccate, con la possibilità anche di parare naturalmente.
Anche la forza e il peso dell’arma avranno naturalmente un ruolo importante per la buona riuscita di un combattimento.

kingdom-come-deliverance

Un titolo vastissimo e dalle mille capillarità che vi terrà impegnati veramente a lungo. Il comparto tecnico è più che buono, soprattutto nel caso degli scorci e dei vari paesaggi. Buone anche le animazioni dei vari personaggi, anche nei combattimenti più indiavolati. Ottima anche la colonna sonora in pieno stile medievale.
Kingdom Come: Deliverance non è un titolo perfetto ma certamente come prova del piccolo studio Warhorse Studios non si poteva chiedere di meglio.

Positivo
  • Ricostruzione storica eccezionale
  • Ottima storia e dialoghi
  • Sistema di combattimento realistico
Negativo
  • Alcune skill difficili da portare a termine
  • Alcune sottomissioni ripetitive
8.7
Grande
Gameplay - 8.5
Grafica - 9
Longevità - 8.5
Scritto da
Videogiocatore fin dalla più tenera età ha cominciato con le classiche 500 lire nei cabinati delle sale giochi per arrivare a possedere ogni tipo di macchina da gioco in circolazione, provenienti da tutto il mondo. Non disdegna provare nessun tipo di gioco, perfino il simulatore di sassi.

Dite la vostra!

0 0

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi HTML tag e gli attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>