Dragon Quest Builders 2 – Recensione

La quintessenza della costruzione in un perfetto equilibrio tra Sandbox e RPG, che raggiunge il suo pieno splendore

DragonQuestBuilders2

Da molti anni a questa parte nell’ambito dei J-RPG, la serie di Dragon Quest è riuscita a ritagliarsi uno spazio davvero importante, nel cuore dei videogiocatori di tutto il mondo!

A quasi un anno di distanza dall’uscita dell’undicesimo capitolo della serie in occidente, ecco arrivare anche qui da noi il seguito diretto del particolare spin-off, capace di prendere gran parte delle meccaniche di gioco che hanno fatto la fortuna di Minecraft, unite però ad un componente narrativa e ruolistica tutta da scoprire.

Indice:

Dragon Quest Builders 2

Una storia da “realizzare”

Gli eventi di gioco di Dragon Quest Builders 2, si ricollegano direttamente alla conclusione del primo capitolo e alla sconfitta di Malroth e Hargon, due vecchie conoscenze per chi ha giocato il titolo canonico della serie Dragon Quest II: Pantheon di spiriti maligni, tuttavia sarà possibile godere appieno della narrativa di gioco, visto che i riferimenti ad altri capitoli della serie finiscono qui.

Dopo una creazione del personaggio sufficientemente profonda, con tante possibilità di scelta tra: sesso, carnagione, colore dei capelli e quello degli occhi, prenderemo subito il controllo del nostro protagonista. Non dovremo aspettare molto per capire il nostro ruolo in questa particolare storia, visto che ci ritroveremo imprigionati in un vascello pieno di mostri, in cui riveleremo a questi ultimi di essere un Costruttore, un’entità temuta dagli stessi mostri e dai credenti del sacerdote Hargon! Tuttavia grazie alle nostre abilità uniche, che ci permetteranno di realizzare ogni tipo di richiesta che ci verrà assegnata, ben presto riusciremo a far breccia nei cuori di coloro che fino ad un attimo prima, dubitavano delle nostre buone intenzioni.

Dragon Quest Builders 2

Alla fine del prologo a bordo della nave, che svolge a tutti gli effetti il ruolo di tutorial, ci ritroveremo naufragati sull’isola del Risveglio, un luogo totalmente sperduto dal resto del mondo, in cui faremo la conoscenza di un altro ragazzo di nome Malroth (esattamente come il pericoloso demone) che incapace di ricordare le sue origini a causa di un’amnesia, sarà a tutti gli effetti il nostro partner per tutto il corso dell’avventura. Dopo questa prima fase di gioco in cui prenderemo possesso dell’isola in modo legittimo, il nostro obiettivo sarà quello di viaggiare da un’isola all’altra, alla ricerca delle persone e delle risorse necessarie affinché il nostro isolotto, diventi un luogo che respiri di vita propria.

In ogni isola avremo come scopo, quello di realizzare numerosi progetti che ci porteranno a guadagnare la fiducia degli abitanti del posto. I vari territori isolati hanno un loro tratto distintivo e materiali unici, inoltre ognuno di essi si concentrerà su un aspetto ben preciso della costruzione!  Ad esempio nella prima isola, dovremo occuparci di tutto ciò che riguarda la coltivazione, nella seconda verrà approfondito il processo di creazione mineraria e così via, fino a comprendere tutto ciò che il nostro avatar è in grado di costruire e al tempo stesso, giungere ai titoli di coda di una trama principale dal ritmo sempre piacevole e rilassante, che però non brilla sia per originalità della scrittura, che per livello un sfida non in linea, a ciò che in passato ci ha abituato la serie.

Dragon Quest Builders 2

Costruisci, combatti e gestisci

Siamo dei costruttori! Questa è la prima informazione di cui verremo a conoscenza durante l’avventura e tanto ci basterà sapere per descrivere in un’unica parola, la moltitudine di azioni di gioco che il nostro protagonista è in grado di eseguire.

Immaginate l’intera mappa come se fosse una gigantesco quadro in movimento, in cui ogni cosa è potenzialmente in grado di interagire con voi, grazie a dei particolari strumenti capaci di compiere azioni ben specifiche! Inizieremo nel prologo con dei particolari guanti, che ci permetteranno di spostare qualunque tipo di oggetto, per poi passare ad un martello capace di distruggere gran parte dei blocchi che ostruiscono il nostro cammino, ma ben presto vi accorgerete che le possibilità di gioco sono numerosissime, grazie all’aumentare del numero di strumenti a disposizione, in relazione a quelle che sono le situazioni di gioco, che Dragon Quest Builders 2 è in grado di offrire.

Dragon Quest Builders 2

Costruire tuttavia pur essendo il cuore pulsante dell’esperienza, non è per fortuna l’unico aspetto interessante di un gameplay altrimenti poco vario e divertente. Questo grazie ad una componente RPG, che muovendosi di pari passo alle meccaniche di puro crafting, fornisce una varietà alla produzione assolutamente da non sottovalutare. Come accade nei Dragon Quest più tradizionali, c’è un sistema di crescita del personaggio, che in proporzione alle numerose decine di nemici sconfitti in battaglia, ci permetterà di salire di livello, apprendere nuove abilità, nuove ricette da costruire e migliorare il nostro equipaggiamento, con armi e protezioni sempre più efficaci!

Molto interessanti anche le meccaniche relative alla gestione dei personaggi comprimari, che potremo letteralmente armare durante alcuni scontri, dare da mangiare, rendere la loro vita più agiata e persino trasformarli in una sorta di apprendisti costruttori, capaci di aiutarci nella realizzazione di progetti più ambiziosi, che altrimenti richiederebbero ore di grinding compulsivo, per la raccolta di tutti i materiali necessari alla costruzione.

Tutti questi elementi miscelati davvero sapientemente e con equilibrio da parte degli sviluppatori, rendono Dragon Quest Builders 2 un titolo capace di offrire nel gameplay, una varietà di situazioni di gioco notevolmente ampia e che con difficoltà rischia di annoiare il giocatore, anche in sessioni di gioco particolarmente lunghe.

Dragon Quest Builders 2

Bigger And Better

Uno degli aspetti più importanti da elogiare di Dragon Quest Builders 2, è sicuramente tutto il lavoro svolto dagli sviluppatori, per rendere questo sequel un titolo praticamente più grande e migliore sotto ogni punto di vista, rispetto al suo predecessore uscito nel 2016!

Seppur il primo capitolo riesca perfettamente a ricostruire le atmosfere e il mondo di gioco, tipico delle opere disegnate da Akira Toriyama, con una struttura di base perfettamente in linea con il Sandbox di casa Mojang, il titolo non riesce a pescare sino in fondo tra le caratteristiche più celebri, delle due produzioni a cui si ispira così fortemente.

A causa di una mancata componente ruolistica e della totale assenza di una qualche sorta di crescita del protagonista, il precedente spin-off della serie, risultava tutto fuorché un Dragon Quest. Seppur non sullo stesso piano, anche sul fronte Minecraft il titolo soffriva di forti limitazioni, come l’impossibilità di poter giocare in prima persona (elemento tipico della serie madre)  e la mancata presenza di una componente online, che permettesse ai giocatori non solo di poter costruire, ma anche farsi aiutare e condividere con il mondo intero i propri capolavori!

Nelle numerose ore di gioco trascorse con Dragon Quest Builders 2, possiamo sicuramente affermare che gli addetti ai lavori hanno svolto il loro compito a dovere, introducendo sul piano del gameplay, tutte le lacune citate poc’anzi, oltre che migliorare ed espandere tutto ciò, che già si era visto di buono nel primo capitolo.

In riferimento a queste ultime meccaniche, quelle che indubbiamente stuzzicano di più gli appassionati del puro Building, sono legate alla possibilità di poter conservare tutte le risorse raccolte tra un’isola e l’altra, a differenza di ciò che accadeva nel primo capitolo, così come una maggiore libertà di poter costruire progetti, con un livello di altezza decisamente maggiore!

Insomma tanti piccoli grandi dettagli, che vanno a limare un impianto di gioco, che se di base già riusciva a convincere in passato seppur con qualche riserva, difficilmente ora sotto questo punto di vista, gli si può muovere una critica seria o giustificata da qualche seria mancanza.

Maturità raggiunta

A distanza dalla sua prima uscita nel 2016, dopo circa tre anni di sviluppo, un combat system totalmente rivoluzionato rispetto al primo capitolo, una direzione artistica di un certo prestigio ed una longevità che oltre ad offrire una modalità storia, in grado di intrattenere per almeno 40 ore di gioco, va ad aggiungersi un multiplayer potenzialmente in grado estendere questo aspetto all’infinito, Dragon Quest Builders 2 è una produzione solida, divertente e appagante, che a netto di qualche inciampo sull’originalità dello story mode, raggiunge la sua piena maturazione  inseguendo una formula di gioco tutta sua, che sfocia in un Sandbox/RPG questa volta perfettamente bilanciato e in grado di scavare un solco, non solo tra gli appassionati di questi generi presi a se stanti, ma anche per coloro che cercano nel vasto oceano del mercato videoludico, qualcosa di diverso e in grado di stuzzicare i videogiocatori non esattamente di primo pelo e dal palato un po’ più fine.

La recensione si basa su esperienza e sensazioni personali scaturite durante la prova prodotto.

Informazioni su Antonio Amoroso (DevilGame) 4 Articoli
Conosciuto principalmente come DevilGame sul web! Videogiocatore e sognatore da un tempo così immemore, da averne perse le origini. Percorso iniziato con i platform e i survival horror, a seguire i J-RPG, i souls-like, e via via esplorando tutto ciò che questo fantastico mondo ha da offrirgli! Le parole che non dimenticherà mai, sono quelle di un conoscente che gli disse: "Ho conosciuto in tutta la mia vita, ragazzini che riuscivano ad essere felici, con un pallone da calcio... A te invece quello che serve per esserlo, è con un videogioco. " Il resto è storia.