3D Out Run – Recensione

Con 3D Out Run, recentemente ripubblicato da Sega per Nintendo 3DS, potremo fare un tuffo nel passato e più precisamente negli anni ottanta, quando la software house giapponese era la regina dei cabinati da sala giochi.
Il titolo in questione è stato ai tempi sviluppato dalla AM2 del leggendario YU Suzuki, come arcade con volante e sedile completi per regalare ai videogiocatori un’esperienza di guida totalizzante. Un gioco insomma che ha segnato un’epoca.
Chi ha qualche anno in meno non potrà ricordarsi di questa icona, ma con 3D Classics di Sega viene in soccorso dei più giovani e dopo 3D After Burner ci regala anche questo grande classico.
Out Run, per stessa definizione del suo creatore, non è un gioco di corse bensì di guida perché infatti non dovremo gareggiare con altre vetture bensì raggiungere un punto della mappa prima della fine del tempo stabilito, cercando di evitare tutti gli ostacoli e il traffico in senso opposto.

outrun_05
Il percorso è una strada lunghissima che non si interrompe mai e ogni tappa è segnata di un bivio che ci porterà di volta in volta su tracciati diversi che termineranno con 5 traguardi possibili in totale.
A ogni checkpoint il tempo di percorrenza verrà aumentato anche se con il passare dei chilometri ci verranno regalati sempre meno secondi preziosi e in compenso la difficoltà aumenterà in maniera esponenziale. Allo scadere del tempo scatterà naturalmente l’inesorabile game over con conseguente inizio da capo della corsa. Non esistono quindi né checkpoint intermedi né la possibilità di salvare in alcun modo.
Il gameplay anche su console portatile Nintendo è molto fedele all’originale, con una buona risposta del pad 3DS e opzioni di gioco personalizzabili direttamente dal menù, come ad esempio la possibilità di simulare il movimento dello schermo nelle curve. L’esperienza arcade da sala giochi insomma è rimasta pressochè intatta.
In questo porting per 3DS potremo anche selezionare la difficoltà, così come personalizzare le caratteristiche della nostra Ferrari e perfino salvare i replay delle nostre partite per poi guardarli anche in un secondo tempo.
Dal punto di vista grafico anche in questo caso tutto è rimasto uguale al passato con sprite sempre coloratissimi. In questa versione inoltre il 3D stereoscopico va ad abbellire la grafica e il senso di profondità dei tracciati a schermo. Il gioco inoltre rimane sempre stabile sui suoi 60fps.

outrun_01
La colonna sonora è in puro stile eighties con anche alcune new entries per questa edizione speciale.
3D Out Run è un porting fedele e che nessun appassionato della vecchia guardia dei vecchi giochi da sala giochi può farsi sfuggire. E’ pur sempre un gioco di altri tempi e quindi oggi ridotto quasi a un passatempo da autobus, quasi fosse un titolo giocabile da smartphone. Se quindi vi aspettate longevità o varietà di gameplay statene alla larga. Per tutti gli altri non perdetevi questo pezzo di storia videoludica.

Informazioni su Stefano Mario 579 Articoli
Videogiocatore fin dalla più tenera età ha cominciato con le classiche 500 lire nei cabinati delle sale giochi per arrivare a possedere ogni tipo di macchina da gioco in circolazione, provenienti da tutto il mondo. Non disdegna provare nessun tipo di gioco, perfino il simulatore di sassi.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*