Mario Party: The Top 100 – Recensione

Mario Party The Top100

Negli anni, Nintendo ha sempre puntato sui giochi competitivi di gruppo, optando sempre di più per titoli con cui divertirsi in compagnia in serate passate con amici. Per questo motivo nel 1998 venne lanciato il primo Mario Party su Nintendo 64, sviluppato dalla Hudson Soft, casa Giapponese, che successivamente venne assorbita da Konami.

Passarono gli anni e il titolo Mario Party restò in vita creando una vera e propria serie di capitoli, che in primo luogo vennero sviluppati per Nintendo GameCube per poi approdare su GameBoy ed infine sulla Nintendo Wii, che grazie all’avvento dei controller-telecomando rivoluzionò il mondo dei party game.

Nel 2013 la costola di sviluppo di Nintendo, Nd CUBE, sviluppò il primo titolo Party per Nintendo 3DS, chiamato Mario Party: Island Tour. Successivamente nel 2015 la stessa casa di produzione arrivò a sviluppare Mario Party 10 per Wii U.

Nel 2016 arrivò Mario Party: Star Rush su 3DS, con la caratteristica di essere esente dai turni che caratterizzavano i precedenti Mario Party. Visto il grande successo Nintendo ha pensato di racchiudere tutti i migliori minigiochi di Mario Party in un nuovo capitolo Mario Party: The Top 100 sempre su console Nintendo 3DS.

Questo titolo a differenza dei precedenti è una raccolta di minigiochi rimasterizzati e già conosciuti nei precedenti Mario Party partendo dal Nintendo 64 fino ad arrivare al Nintendo 3DS.

mario-party-the-top-100-

[perfectpullquote align=”full” bordertop=”false” cite=”” link=”” color=”” class=”” size=””]Prima dei 100 minigiochi[/perfectpullquote]

All’avvio di Mario Party: The Top 100, potremmo giocare con i seguenti personaggi giocabili: Mario, Luigi,  Peach, Yoshi, Waluigi, Daisy, Wario e Rosalinda. Inoltre ci saranno dei personaggi guida che ci aiuteranno nel proseguimento del gioco, e chi se non meglio di Toad e Toadette può aiutarci nella scelta delle nostre azioni?

Ma in ogni gioco che si rispetti abbiamo sempre un nemico da battere, in questo caso dovremmo vedercela con due avversari noti: Donkey Kong e Bowser. 

Proseguendo con il gameplay, all’avvio del gioco potremo scegliere diverse modalità tra cui: Sfida Minigiochi,  Isola dei Minigiochi, Vinci la serie e Decathlon.

Nella modalità Sfida Minigiochi sarà possibile sfidarsi da 1 a 4 giocatori, controllati dalla CPU oppure locale su altre console in modalità Download, quindi non è necessario possedere il gioco per poter partecipare. I giocatori dopo la scelta del personaggio dovranno accumulare più monete possibili per vincere la sfida. Le monete verranno assegnate in base alla classifica di vincita di ogni minigioco. Questa sfida avviene su un tabellone dove tutti i giocatori possono muoversi insieme senza turni.

Isola dei Minigiochi: È possibile giocarla solo in singolo giocatore, si tratta di 4 mondi che dovremo conquistare battendo i nostri rivali, controllati dalla CPU, sbloccando i vari minigiochi. Questo permette al giocatore di affrontare ogni singolo minigioco alla conquista delle isole. Vincendo nei mini giochi si prosegue nel percorso dei quattro mondi fino a vincere il gioco. Qui incontreremo due temibili avversar,: Donkey Kong e Bowser, che dovremo sfidare per accaparrarci stelle e monete. Se saremo nelle ultime posizioni in classifica perderemo una vita.

Vinci la serie: In questa sessione è possibile giocare da 1 a 4 giocatori anche in modalità download. Qui non ci sono tabelloni di gioco, ma solo sfide in base ai minigiochi scelti a caso dalla CPU oppure dai giocatori. L’obiettivo è vincere il maggior numero di sfide possibili.

Decathlon: Una corsa al punteggio più alto. Questa modalità, ripresa da Mario Party 5, permette di sfidare da 1 a 4 giocatori anche in modalità download. I giocatori dovranno gareggiare in 5 oppure 10 minigiochi e arrivare alla fine con il punteggio più alto.

mario-party-the-top-100-v4

Tutte le modalità elencate precedentemente permettono di giocare ai 100 migliori giochi di Mario Party, alcuni dei quali verranno sbloccati mano a mano, andando avanti con le varie sfide. Passiamo dalle corse frenate con le automobiline al rotolare su una palla in mezzo alla lava. Alcuni minigiochi per Wii sono stati modificati per l’utilizzo di tasti oppure del sensore di movimento del 3DS/2DS. Questo ha dato uno sviluppo maggiore ad alcune sfide per attuarli alla console portatile.

[perfectpullquote align=”full” bordertop=”false” cite=”” link=”” color=”” class=”” size=””]Conclusione[/perfectpullquote]

La grafica, per essere su un dispositivo portatile Nintendo 3DS è molto elevata, dando ai vari giochi un nuovo look in confronto alle precedenti console. Il gioco locale prevede solo un’attesa all’inizio per il download del gioco che poi successivamente appare fluido e senza lunghe attese. Sicuramente la mancanza di un multiplayer online si fa sentire, ma Nintendo è una delle poche aziende che ancora preferisce il contatto fisico tra amici e parenti: forse per questo motivo non è stato ancora inserito in questo tipo di titoli. E poi diciamocelo: Che party sarebbe senza essere nella stessa stanza?

La recensione di Mario Party: The Top 100 si basa su esperienza e sensazioni personali scaturite durante la prova prodotto.

Informazioni su Andrea R. 1983 Articoli
All'inizio era pong, poi c'è stato l'avvento di Wolfestein 3D ed ora Assassin's Creed. Ogni volta che provava un gioco voleva scoprire cosa passava per la testa al team che ci ha lavorato. Appassionato fin da piccolo al mondo dei videogiochi non si stacca mai dal suo gamepad.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*