Z Steel Soldiers – Recensione

Abbiamo davanti a noi una riedizione del gioco Z Steel Soldier del 2001, anno in cui uscì la versione CD per PC. Era infatti il lontano 2001 quando la Bitmap Brothers creò il seguito del videogames Z (Zod).
Il team della Kavcom Limited nel 2011 acquisì i diritti della serie Z creando poi i remake dei due capitoli per dispositivi mobili e PC.

Z Steel Soldier è stato praticamente rieditato sia dal punto di vista grafico sia nei menù di gioco, adattandolo ai nostri giorni.

ZSteelSoldiers-Gamepare

Il gioco è il seguito di Z, la trama è ambientata 500 anni dopo il primo gioco, in cui le due fazioni principali, la TransGLobal Industries e la MegaCom Corporation, si sono sontrate per la supremazia del mondo. In seguito, è stato siglato un cessate il fuoco e un accordo di smilitarizzazione per entrambe le fazioni.
Le operazioni di disarmo vengono affidate al Capitano Zod, un robot programmato per combattere, dall’ambizione sfrenata.
Sostanzialmente, la “persona” sbagliata nel posto sbagliato.
La guerra riprende e a questo punto interverrete voi per decidere le sorti della battaglia.

Ottimo, ce l’abbiamo fatta!

Z Steel Soldier, come in passato, è contraddistinto da 30 distinti lussureggianti livelli sparsi in 6 pianeti unici. Questo gioco di strategia in tempo reale prevede la produzione di robot e automezzi da combattimento. Per costruirli però sono necessari degli edifici, che andranno catturati nelle varie zone da conquistare.
In Z Steel Soldier per conquistare le varie zone biosgna aggiudicarsi le varie bandierine sparse per il territorio.

A questo punto una volta “catturata” la bandierina, se è presente un edificio di produzione, possiamo selezionarlo e scegliere cosa costruire.
La gestione della produzione è regolata dal tempo, mentre non dovete preoccuparvi delle risorse: l’unica cosa da fare è aspettare alcuni secondi o minuti per far si che la produzione si concluda con la generazione di un robot o un mezzo.

Le battaglie

Negli scontri l’intelligenza artificiale del nemico è buona e garantisce una difficoltà superiore a quella riscontrata in altri giochi di strategia, quindi preparatevi a sfide molto dure nelle quali dovrete impegnarvi a fondo per avere la meglio.

ZSteelSoldiers-Gamepare

Conclusioni

Un punto a sfavore per il team della Kavcom Limited è che non hanno inserito il multiplayer, che era invece già presente nella versione originale e avrebbe potuto aumentare la longevità del titolo. La traduzione in italiano del gioco, pur essendo già presente nel titolo di origine, è stata effettuata parzialmente per l’interfaccia, mentre i dialoghi sono doppiati in italiano.

Auspichiamo l’inserimento del multiplayer tramite eventuali aggiornamenti futuri, oltre alla correzione dell’interfaccia.

Per maggiori informazioni http://www.kavcom.co.uk/zsteelsoldiers/.

Informazioni su Andrea R. 2009 Articoli
All'inizio era pong, poi c'è stato l'avvento di Wolfestein 3D ed ora Assassin's Creed. Ogni volta che provava un gioco voleva scoprire cosa passava per la testa al team che ci ha lavorato. Appassionato fin da piccolo al mondo dei videogiochi non si stacca mai dal suo gamepad.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*