Wanda A Beautiful Apocalypse – Recensione

Wanda-Gamepare

Wanda: A Beautiful Apocalypse, un nuovo gioco Indie sviluppato da Kodots Games Studios e pubblicato da KISS, narra la storia di un simpatico robot umanoide il quale, risvegliatosi da un lungo sonno, scopre di essere l’ultimo droide funzionante in un mondo post-apocalittico.

Wanda-Gamepare

Inizieremo così a vagare in città distrutte e in rovina, disseminate di cadaveri metallici. Qui, frugando tra le rovine, ricostruiremo la vita e la successiva caduta della civiltà robotica tramite frammenti di cartoline sparsi nei vari scenari; da precisare che l’esplorazione è praticamente nulla, e saremo sempre abbastanza legati alla linearità della storia narrata.

Oltre a questo, ben presto scopriremo di non essere poi così soli: lungo il nostro cammino incontreremo un piccolo robottino con il quale si creerà fin da subito un forte legame, e proprio questo legame darà vita alla maggior parte delle vicende di gioco. Avremo quindi modo di vedere i due droidi alle prese con le varie difficoltà e situazioni causate dal vivere in un mondo ormai annientato.

Wanda-Gamepare

Simpatica inizialmente, ma alla lunga frustante, la scelta degli sviluppatori di inserire una lingua aliena per la comunicazione tra i robot. Questa decisione, data l’incomprensibilità della lingua, risulta noiosa e stancante ai fini nella narrazione.

Per quanto concerne il gameplay, il titolo si può collocare a metà tra un puzzle game e un’avventura grafica, dove le limitate esplorazioni si alternano enigmi più o meno complessi. E proprio gli enigmi sono tutti skippabili, ma questo comprometterà l’esperienza di gioco e la possibilità di sbloccare il Good Ending.

Sulla parte grafica non vi sono particolari pregi da segnalare, anzi nonostante molti fondali sarebbero apprezzabili e alcune location molto evocative, la povertà di dettagli e a volte la mancanza di profondità e rilievo degli oggetti vanno a pesare negativamente in questo settore.

Wanda-Gamepare

Punto piacevole risulta essere invece il comparto sonoro, con delle soundtrack molto piacevoli e ben inserite all’interno dell’avventura.

Un problema ben maggiore è quello inerente alla fluidità della storia narrata, che passa attraverso noiose transizioni di filmati ripetitivi e snervanti intramezzati tra un puzzle e l’altro.

Il titolo, disponibile solo in lingua inglese, presenta una longevità di alcune ore e una rigiocabilità praticamente assente, non essendoci scelte che possono variare la trama narrata. Wanda: A Beautiful Apocalypse si presenta quindi come un titolo Indie quasi sufficiente, che riesce a strappare poche emozioni al giocatore.

Informazioni su Matteo P. 62 Articoli
Appassionato di videogames di qualsiasi genere, sempre alla ricerca di nuovi titoli da provare. Ancora con il Super Nintendo collegato alla TV, pronto per una partita a Super Mario o Zelda.