Follow
Gamepare > Home > Victor Vran > Victor Vran Victor Vran – Recensione

Victor Vran Victor Vran – Recensione

Haenimont Games è famosa per la serie Tropico e per tanti altri strategici di successo come Grand Ages: Rome. Ora il team ha deciso di cimentarsi con un genere completamente diverso, ossia un action gdr con tantissime somiglianze con la celebre serie di Diablo.
Il protagonista di Victor Vran è molto simile al cacciatore Van Helsing e le sue avventure sono arrivate su Steam in maniera molto repentina, con un titolo davvero divertente, dalle premesse interessanti e realizzato con parecchia cura.
Il gioco ha una visuale isometrica, con tantissimi nemici pronti a farci la pelle e ambientazioni infernali con immense quantità di zolfo e lava.

Victor Vran 6
Ci ritroveremo nella città di Zagoravia, soli e dispersi alla ricerca di un amico scomparso. È importante mettere in evidenza come il personaggio all’inizio non abbia alcuna abilità assegnata ,ma potremo scegliere un’armatura che non varierà molto durante il corso dell’avventura.
Il titolo quindi non prevede nessuna caratteristica da potenziare e neppure nessun passaggio di livello. Tutto è basato sulle caratteristiche delle armi come fucili, asce, martelli e spade. Potremo però assegnare alcune abilità speciali tramite carte che ci daranno anche degli attacchi speciali che potranno essere utilizzati attraverso una barra, la quale si riempirà in base ai nostri risultati sul campo.
Potremo anche unire più oggetti per ottenerne di più potenti e potremo anche saltare per schivare attacchi o raggiungere posizioni prima irraggiungibili o ancora eseguire delle schivate con la rotella del mouse.
Sarà inoltre necessario gestire la visuale sempre a 360 gradi dato che troveremo spesso scrigni e oggetti interessanti che potranno contenere vari bonus e la mini mappa tornerà particolarmente utile.
Anche se non ci sono skills da aumentare, non mancano comunque soluzioni. Le armi offrono buone combinazioni da unire anche con gli attacchi demoniaci e i combattimenti sono parecchio dinamici dato che dovremo utilizzare spesso capriole e schivate assieme agli attacchi.

Victor Vran 1
La longevità si attesta su buoni livelli visto che dovremo spendere parecchio tempo in questo universo fantasy prima di portare a termine tutti gli obiettivi. Oltre alla campagna poi potremo anche cimentarci in una sorta di co-op a quattro giocatori che potrà estendere maggiormente la longevità del gioco.
Sono presenti inoltre delle sfide Elite che si sbloccheranno una volta  terminata la campagna principale.
Il gioco si concentra evidentemente sull’azione pura dato che la trama è parecchio ridotta all’osso e i nemici non spiccano certo per varietà né originalità. Alcuni giocatori più smaliziati potranno trovare la formula di gioco quindi piuttosto noiosa e ripetitiva anche se concentrandosi sull’azione il divertimento è assicurato.

La varietà dei nemici è comunque abbastanza limitata e probabilmente è dovuta a una mancanza di budget che certamente poteva essere colmata con un po’ più di cura e attenzione.
Dal punto di vista grafico il gioco non si comporta affatto male e infatti le opzioni da settare sono moltissime per quanto concerne l’aspetto visivo come antialiasing, bloom, antisostropico, effetti, luci, vignettatura e altro.
Il gioco è una valida alternativa ai vari Diablo e Van Helsing e magari a esperienze simili a Pillars of Eternity. Il costo budget del gioco inoltre lo rende pressochè irresistibile dato che costa solo 19,90 euro su Steam.
Questo hack n’ slash ha un approccio  parecchio sui generis che sicuramente merita di essere provato almeno una volta. Il gioco infatti, nonostante le opzioni limitate, dimostra comunque una profondità invidiabile. Ottimo il sistema di combattimento che vi intratterrà grazie al suo grande dinamismo.
in definitiva, un esordio assolutamente ben riuscito per una prima esperienza in questo tipo di giochi.

Positivo
  • Ottima Longevità
  • Ottimo aspetto visivo
  • Varietà di oggetti
Negativo
  • Varietà di nemici limitata
7.8
Positivo
Gameplay - 8
Grafica - 7.5
Longevità - 8
Scritto da
All'inizio era pong, poi c'è stato l'avvento di Wolfestein 3D ed ora Assassin's Creed. Ogni volta che provava un gioco voleva scoprire cosa passava per la testa al team che ci ha lavorato. Appassionato fin da piccolo al mondo dei videogiochi non si stacca mai dal suo gamepad.

Dite la vostra!

0 0