Valentino Rossi The Game – Recensione

Valentino Rossi è indubbiamente un personaggio molto carismatico che nel mondo del motociclismo ha vinto tutto e rappresenta tutto. Milestone ha quindi deciso di dedicare un titolo monografico al centauro proveniente da Tavullia per ribadire la sua grandezza e la sua importanza. Questa è una nuova tendenza della software house milanese, dato che è il secondo titolo di questa tipologia. Simile a quanto già visto nell’ambito rallystico, con il gioco dedicato al grande Sébastien Loeb (recensione).

Il titolo con protagonista il Dottor Rossi è un gioco molto enciclopedico. Potremo cominciare infatti con la “Rossi Experience”, dove avremo la facoltà di battere i vari tempi segnati da Rossi sui vari tracciati oppure affrontare sfide di volta in volta differenti su varie piste.
Potremo anche consultare la cosiddetta Rossipedia, dove potremo sapere tutto su Valentino, sulla sua storia, le sue moto e perfino i suoi caschi e le sue tute.
Nella sezione VR46 lo stesso Valentino ci potrà raccontare le sue gesta più importanti vissute nel Motomondiale, con tantissime informazioni sempre a nostra disposizione e con ben venti sequenze, a lunghezza variabile, che ci faranno rivivere appunto questi momenti.

In Valentino Rossi The Game la sensazione, soprattutto per gli amanti del motociclismo e del MotoGp, è grandiosa e conquista fin da subito.
Non mancano anche gli eventi speciali targati sempre Valentino, con diverse specialità da correre nel ranch di Tavullia. Conosciamo tutti l’amore di Valentino anche per le quattro ruote e soprattutto per il rally, quindi i ragazzi di Milestone ci danno questa grande opportunità proprio ricreando delle ottime gare di rally. Ci saranno tutte le gare del Monza Rally Track, completo di prove speciali e le sfide di drifting.

Accostata a queste modalità interamente dedicate a Valentino e al suo mondo troviamo poi una tipologia di gioco mutuata completamente dal classico gioco MotoGp. Potremo infatti creare un pilota virtuale della VR 46 Academy e quindi tentare in questo modo di scalare le gerarchie della MotoGp partendo dal basso.
Cominceremo come wild card nella Moto 3 per poi raggiungere appunto i vertici della MotoGp. Tra una gara e l’altra potremo sempre ricevere i simpatici consigli di Valentino in persona, magari attraverso un SMS o una mail.
In questo caso nella modalità carriera più vinceremo più potremo modificare le peculiarità del nostro pilota, crescere e migliorare.

Valentino Rossi The Game screen18Il parco moto è molto ampio e comprende le 125 di venti anni fa, quando Valentino cominciò la sua carriera, fino alle MotoGp attuali.
Per quanto concerne gli aspetti più tecnici, il gioco è stato completamente mutuato dal gioco principale dedicato alla MotoGp. Il modello di guida quindi è simulativo ma strizza l’occhio all’arcade e quindi è adatto a tutti i tipi di giocatori.

Valentino Rossi The Game, offre grandi emozioni per i fan di Valentino Rossi, ma pecca con la IA dei piloti guidati dalla CPU. Sembra infatti che gli altri piloti abbiamo sempre la strada libera, non dovendo badare a ciò che li circonda. Anche i contatti tra piloti controllati dalla CPU non danno alcun esito di caduta, facendo così sembrare i concorrenti quasi incollati all’asfalto.

Il comparto grafico è anch’esso ottimo, soprattutto nella cura certosina tipica dei produttori nel ricreare livree, carrozzerie e dettagli dell’abbigliamento dei piloti.
Fiore all’occhiello è rappresentato dal comparto sonoro, dove i suoni sono stati ricreati alla perfezione riproducendo anche le differenze fra i rombi delle varie moto. Possiamo quindi dire che il gioco si presenta come un vero proprio inno alla gioia per gli amanti del mondo del motociclismo e i fan del Dottore.

Valentino Rossi The Game screen5

Informazioni su Stefano M. 362 Articoli
Videogiocatore fin dalla più tenera età ha cominciato con le classiche 500 lire nei cabinati delle sale giochi per arrivare a possedere ogni tipo di macchina da gioco in circolazione, provenienti da tutto il mondo. Non disdegna provare nessun tipo di gioco, perfino il simulatore di sassi.