Follow
Gamepare > Home > Recensioni Indie > Two Point Hospital – Recensione

Two Point Hospital – Recensione

Nel lontano 1997, la cara Bullfrog tirò fuori dal cilindro Theme Hospital. Lo acquistai al Day One e fin da subito lo apprezzai talmente tanto che mi ricordo ancora l’immena quantità di palline del mouse che avevo fatto fuori per il troppo uso.

Nel tempo sono usciti altri titoli manageriali sugli ospedali, ma mai nessuno è riuscito a rimpiazzare Theme Hospital, fino ad oggi.

Two Point Hospital ha saputo fin da subito farsi apprezzare come restyling dell’amato gestionale. Questo anche grazie al team di veterani provenienti da Bullfrog e Lionhead (chissà se penseranno mai di creare un nuovo Black&White).

Appena avviato il gioco ci troveremo nel tutorial, che per prima cosa ci farà collocare la nostra reception, per poi guidarci nell’assunzione del personale e nella costruzione della fantastica sala di prima visita medica.

Two Point Hospital Screen

Lungo tutto il gameplay ci farà compagnia la radio con degli speaker strampalati (in lingua inglese). La gestione dell’ospedale prevede, come per tutti i manageriali, un gruzzolo di denaro a disposizione, da spendere per assumere personale, costruire strutture, nuovi reparti e acquistare arredamenti.

Quindi mettiamo mano al mouse e presto ci ritroveremo a combattere le più strampalate malattie, dalla “testa a lampadina” (cefalea a bulbo) alla mitica malattia di Elvis.

Ora che rivestiamo il ruolo di direttore dell’ospedale, con un clic possiamo creare qualsiasi cosa vogliamo e più si avanza nei livelli più la difficoltà cresce. Riceveremo presto richieste di emergenza in cui dovremo curare in serie più persone con la stessa malattia, quindi dovremo preparare le strutture e il personale per curare le persone nel minor tempo possibile.

Se gestiremo perfettamente il nostro ospedale riceveremo a fine anno, con una cerimonia nomina, l’ambito premio di ospedale dell’anno.

Le strane malattie fantasiose

La bellezza di Two Point Hospital è che cliccando su ogni persona si possono sapere le statistiche di cura, le sue emozioni e lo stato. In questo modo, se vediamo che più persone hanno una necessità, potremo fronteggiarla costruendo per esempio un distributore di bibite. Il lungo tutorial comunque ci darà tutte le informazioni necessarie per proseguire nel gioco e presto ci ritroveremo a creare nuove macchine, nuove stanze e nuovi reparti.

Dobbiamo investire ogni centesimo per curare le infinite e strampalate malattie che i nostri pazienti tireranno fuori e, se dovessimo finire il nostro credito, potremmo richiedere un prestito, ricordando che il tasso annuale è al 15%.

Two Point Hospital Screen

Ricordate poi che ogni paziente morto potrebbe ritornare sotto forma di fantasma e spaventare i clienti, ma non andate nel panico: vi basterà un inserviente specializzato in acchiappa-fantasmi per risucchiarlo con l’aspirapolvere.

Ma non è solo di questa minaccia che ci dobbiamo preoccupare: con l’avanzare degli scenari ci ritroveremo presto anche a combattere eventi naturali come i terremoti.

Two Point Hospital Screen

Mentre l’ospedale cresce, è essenziale gestire ogni singolo spazio in modo perfetto al fine di far stare più reparti possibili, ma con il tempo dovremo comprare anche nuovi terreni per espandere la nostra struttura.

Tutto il gameplay proposto si incastra alla perfezione, dove ogni persona ed ogni cosa è perfetta. Dovremo stare dietro a medici che voglio licenziarsi per stipendi poco elevati oppure perché si riposano poco. Beh, tutto è fondamentale in Two Point Hospital.

Ora che siamo a questo punto dovrete creare laboratorio DNA ed organizzarsi al massimo per avere più scienziati possibili per creare nuovi macchinari di cura. Su questo laboratorio di ricerca dobbiamo investire il più possibile per trovare la cura perfetta per ogni persona.

La zona perfetta

Abbiamo una vasta scelta di attrezzature e arredamenti nell’ospedale, ma anche all’esterno dovremo fare i conti con posizioni geografiche e contee, ma ci sarà anche da studiare bene dove posizionare reception e vari ingressi in quanto presto ci troveremo a gestire molti clienti.

Dovremo poi stare attenti alle ubicazioni di stanze e reparti senza sacrificare nulla, perché se i vostri pazienti dovessero morire presto ci troveremo a terminare il gioco.

Sviluppato in Unity, Two Point Hospital ha buon comparto grafico che rispecchia il buon vecchio Theme Hospital: i personaggi ricordano vagamente le animazioni di Aardman Animations i creatori di Shaun the sheep, Piccolo grande Timmy, ecc…

Ci sono altri elementi che rendono unico il titolo come l’umorismo all’inglese che sentiamo nell’interfono mentre giochiamo, anche questo già presente nel precedente capitolo.

Two Point Hospital Screen

Tutto perfetto, eccetto il fatto che la localizzazione è limitata ai sottotitoli e non alle voci dove il doppiaggio rimane in inglese. Nulla di problematico comunque, visto che il gioco è fruibile tranquillamente senza troppe complicazioni.

Manca un po’ la componente online, con la quale possiamo sfidare per ora solo gli amici. Staremo a vedere se in futuro i ragazzi di Two Point supporteranno il titolo con novità sul fronte multiplayer, visto che sarebbe interessante sfidarsi tra direttori di ospedali.

In conclusione, Two Point Hospital è l’erede perfetto di Theme Hospital: per chi ne ha nostalgia, è il momento di comprare questo titolo.

La recensione di Two Point Hospital si basa su esperienza e sensazioni personali scaturite durante la prova prodotto.

Positivo
  • Un restyling perfetto
  • Ottimo comparto grafico
  • Malattie perfette
  • Perfetta gestione finaziaria
Negativo
  • Manca qualcosa nel multiplayer
8.3
Grande
Gameplay - 8
Grafica - 8
Longevità - 9
Scritto da
All'inizio era pong, poi c'è stato l'avvento di Wolfestein 3D ed ora Assassin's Creed. Ogni volta che provava un gioco voleva scoprire cosa passava per la testa al team che ci ha lavorato. Appassionato fin da piccolo al mondo dei videogiochi non si stacca mai dal suo gamepad.

Dite la vostra!

0 0

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi HTML tag e gli attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>