Follow
Gamepare > Home > Trapped Dead: Lockdown > Trapped Dead: Lockdown Trapped Dead: Lockdown – Recensione

Trapped Dead: Lockdown Trapped Dead: Lockdown – Recensione

È probabile che in molti ricordino il titolo Trapped Dead, uscito nel 2011: una sorta di Commandos ambientato in un mondo popolato da zombi. Diversi anni dopo, gli sviluppatori di Bigmoon Studios e Headup presentano la loro nuova creazione Trapped Dead: Lockdown

Lo scenario del titolo è tipico di un classico film di zombie: la trama ci mette nei panni di un personaggio il quale, appena entrato all’interno di una cittadina invasa da un’infestazione di non-morti, non potrà più uscirne dato che le autorità hanno decretato lo stato di assedio, isolando la cittadina.

TrappedDeadLockdown-Gamepare

All’avvio del gioco avremo la possibilità di selezionare uno dei cinque protagonisti, ognuno destinato a seguire un proprio filone di trama. La scelta potrà cadere sul marine, il macellaio, l’assassino, lo sceriffo e l’esorcista, ognuno dei quali sarà in possesso di un diverso set di abilità: ad esempio l’assassino ha una maggiore dimestichezza con le armi da fuoco, l’esorcista potrà utilizzare la sua energia spirituale per sparare palle di fuoco agli zombie mentre il macellaio è adatto al combattimento corpo a corpo.

Parlando del gameplay, Trapped Dead: Lockdown abbandona le dinamiche del suo predecessore concentrandosi maggiormente sull’azione: si tratta di un vero e proprio hack and slash, con all’interno alcune dinamiche dei giochi di ruolo.

TrappedDeadLockdown-Gamepare

Uccidendo i vari nemici che incontreremo lungo la nostra avventura saliremo di livello, guadagnando punti per incrementare le statistiche d’attacco e le abilità in nostro possesso. Vi è inoltre la presenza di un inventario per l’equipaggiamento, con armi e vestiti in grado di offrire bonus differenti.

Da segnalare però l’interfaccia utente ai limiti dell’esaurimento nervoso, con una gestione dei menu quantomeno contorta: vi sono parti dove è necessario confermare le proprie scelte attraverso click aggiuntivi e altre dove invece i cambiamenti vengono immediatamente registrati. Vi è inoltre poca chiarezza sulle skill che compongono l’albero di ogni personaggio, selezionabili in un set ristretto da associare ad alcuni slot divisi tra abilità di tipo attivo, passivo o legato all’arma in uso.

TrappedDeadLockdown-Gamepare

Altro difetto, nonostante la visuale di gioco renda possibile di combattere un numero elevato di nemici nello stesso istante, la scarsa intelligenza artificiale crea situazioni abbastanza inspiegabili. Questo inoltre fa sì che usando le classi specializzate nell’attacco a distanza si va incontro a un livello di difficoltà davvero basso.

Da segnalare la modalità multiplayer cooperativa, la quale risulta divertente e piacevole, mitigando le mancanze che appaiono più evidenti in singolo gameplay.

Il design delle ambientazioni è ben fatto, nonostante a volte l’assenza di dettagli. Per quanto riguarda il sonoro registriamo un doppiaggio di buon livello, anche se al momento non vi è la possibilità di giocare selezionando la lingua italiana.

In definitiva, un titolo per chi non ha grandi pretese e ama il genere zombie.

Positivo
  • Modalità multiplayer cooperativa
  • Ambientazioni ben sviluppate
Negativo
  • Interfaccia utente complicata
  • Scarsa intelligenza artificiale
6.2
Discreto
Grafica - 7.5
Giocabilità - 5
Longevità - 6
Scritto da
Appassionato di videogames di qualsiasi genere, sempre alla ricerca di nuovi titoli da provare. Ancora con il Super Nintendo collegato alla TV, pronto per una partita a Super Mario o Zelda.

Dite la vostra!

0 0