Total War: Attila – Recensione

In questo nuovo capitolo di Total War ci troviamo in un Europa dove ormai il glorioso Impero Romano sta decadendo, e il team di Creative Assembly valorizza perfettamente la situazione e il disagio di quel terribile periodo.

L’area di gioco di Total War: Attila è molto vasta: va dai confini britannici dell’Impero fino alla Persia, dai confini con la Russia fino a quelli dell’Africa settentrionale. In un così esteso territorio, ben supportato dalle numerose popolazioni disponibili in questo capitolo, il team di sviluppo rende più facile il controllo del nostro esercito attraverso la presenza di province e governatori, in grado di emanare editti sulla zona da essi amministrata.

TotalWarAttila 3

All’avvio del gioco sarà necessario scegliere la popolazione con cui cimentarsi. Abbiamo infatti i vari popoli barbari che attaccano ai confini dell’ Europa, come i vandali, i visigoti e i sassoni, e su tutti l’ombra di un pericolo da est che spinge sempre più popolazioni a spostarsi verso occidente: Gli Unni. E sono proprio questi ultimi insieme ai vari popoli migratori a fare da protagonisti in Attila.

Per i giocatori novizi della serie Total War, il gioco offre delle meccaniche semplici ma per niente banali: il giocatore può condurre il popolo del temibile Lo Re, o gli altri popoli già citati prima, alla prosperità, fondando un regno ed espandendosi strappando province al decadente Impero Romano. Oppure può attraversare i confini dell’impero e dei vicini con tutte le sue forze sopravvivendo come nomadi razziando e saccheggiando le città lungo il nostro cammino.

In alternativa, se non soddisfatti dei popoli germani, i neofiti possono vestire i panni dei potenti regni orientali che da una posizione di forza osservano la crisi dell’impero nell’attesa di fare la propria mossa.

Per i veterani della serie invece la vera sfida in Total War: Attila sarà indubbiamente scegliere di interpretare i panni del decadente impero romano; l’ambientazione non fa sconti e sia alla guida della metà orientale, relativamente più forte economicamente e militarmente, sia alla guida dell’occidente assediato, in bancarotta e con una forza militare insufficiente a proteggere tutti territori, ci troviamo ad affrontare un’ardua sfida adatta forse solo a chi ha già esperienze con questa tipologia di gioco.

TotalWarAttila 1

La prima cosa che salta agli occhi avviando il gioco è il vistoso miglioramento delle texture, ma a suo favore Attila a ben più di un semplice rinnovo visivo: Creative Assembly ha saputo sfruttare appieno gli spunti di quel periodo storico e ne sono la prova le innovative meccaniche del Horde System e il rinnovato sistema di politica interna che diventa più complesso e interessante rispetto ai precedenti capitoli della saga.

Il team britannico ha dato grande risalto alle meccaniche relative alla migrazione dei popoli nomadi, da qui nasce il Sistema delle Orde che è l’erede di quelle meccaniche già accennate nell’espansione “Barbarian Invasion” per il primo Rome: Total War e che ora assumono caratteristiche più definite, per il fatto che questo capitolo punta l’attenzione proprio su questi popoli.

Proprio nei panni di queste popolazioni barbare, esempio lampante gli Unni, per sfuggire ad un nemico troppo forte o per spostare tutti i possedimenti della fazione e abbandonare un’area magari poco conveniente dal punto di vista tattico è ora possibile abbandonare i nostri insediamenti e trasformare gli eserciti in vere e proprie città mobili. Le Orde, non avendo un vero e proprio centro cittadino, possono spostarsi e creare accampamenti per reintegrare le unità e arruolarne di nuove. I vantaggi di questa situazione sono evidenti e se usato con attenzione permette alla fazione di spostarsi in aree favorevoli al saccheggio o di stanziarsi in nuove zone senza perdere la possibilità di reclutare e rinfoltire il proprio esercito. Tuttavia, far spostare completamente la propria Orda porta anche a evidenti svantaggi: si corre sempre il pericolo di venir annientati qual’ora una fazione avversa distrugga completamente le nostre forze.

TotalWarAttila 2

Altro nota di rilievo in questo nuovo capitolo è il nuovo sistema di politica interna che è stato completamente rinnovato. E’ ritornato l’albero genealogico che ci mostra per intero la nostra famiglia e i membri che ne fanno parte o ne sono legati. Molto importante in questa saga, ma in particolare valorizzato in questo capitolo, è il mantenimento del potere politico. Ciò deriva da due fattori

  • il dominio rappresentato dal numero dei nostri familiari in rapporto agli altri
  • controllo su tutti i sudditi della nostra corte dato dall’influenza dei membri della nostra famiglia

Un potere troppo basso porta a rivolte da parte dei sottoposti e così pure un eccessivo controllo. Lo scopo è mantenere il giusto rapporto tra il potere familiare e quello degli altri, e mantenere la lealtà dei sottoposti. Infatti qualora la loro lealtà arrivasse a zero ciò porterebbe ad atti di ribellione degli stessi. Pertanto la soluzione migliore è mantenere il giusto equilibrio sia nelle promozioni che nell’uso di generali e governatori assegnando le posizioni chiave nel modo corretto.

Oltre al rinnovo grafico e tecnico, è stata aggiornata anche l’IA dei nemici che ora risultano più aggressivi e tattici, anche se rimangono alcune debolezze in ogni popolo, che il giocatore dovrà saper sfruttare per sconfiggere il proprio nemico.

TotalWarAttila 5

Sia le battaglie terresti che navali sono state rese più scorrevoli, mentre gli assedi alle città principali sono stati resi più lunghi e realistici con la costruzione in loco delle armi d’assedio che richiede più turni per il completamento.

Questo capitolo della saga non è un nuovo gioco rispetto agli standard della saga. Le meccaniche non sono cambiate anche se ci sono state aggiunte molto interessanti. È innegabile l’ottimo lavoro svolto da Creative Assembly, che oltre ha prodotto un ottimo nuovo capitolo, non troppo incisivo nelle innovazioni ma che offre un periodo storico accattivante per questo genere di gioco.

Insomma, Total War: Attila non deluderà né i vecchi fan della saga, né i novizi, che se vogliono provare la tipologia dello strategico di guerra, si svelerà essere un ottimo gioco con cui iniziare.

Informazioni su Matteo P. 62 Articoli
Appassionato di videogames di qualsiasi genere, sempre alla ricerca di nuovi titoli da provare. Ancora con il Super Nintendo collegato alla TV, pronto per una partita a Super Mario o Zelda.