Tom Clancy’s Ghost Recon: Wildlands – Recensione

https://www.gamepare.it/wp-content/uploads/2016/06/Tom-Clancys-Ghost-Recon-Wildlands

Come si può riassumere Tom Clancy’s Ghost Recon: Wildlands in una sola parola? Mediocre!
Inutile girarci intorno, la triste verità dietro all’ultimo gioco di casa Ubisoft è proprio questa. Si potrebbe quasi dire che la software house francese abbia compiuto il passo più lungo della gamba.
Chiariamoci, non tutto è da buttare via, anzi. Tom Clancy’s Ghost Recon: Wildlands è un gioco ambizioso, ma pesantemente penalizzato dai suoi grossi limiti tecnici.
Come potrebbe essere altrimenti? Quando si crea una delle mappe più vaste della storia dei videogiochi (sbandierata con fare quasi presuntuoso durante l’ultima Games Week milanese), bisogna scendere a compromessi. Nota positiva è la totale assenza di caricamenti durante gli spostamenti, prezzo che si paga però con un impoverimento grafico. La vastità del paesaggio, visto soprattutto dalla cima delle montagne, appaga l’occhio, ma basta avvicinarsi allo scenario per notare carenze di texture francamente imbarazzanti per un gioco di ultima generazione, con dettagli scarsamente curati e animazioni incomprensibili. La popolazione locale, ad esempio, vive con estrema serenità gli scontri a fuoco tra fazioni rivali, al punto tale da passeggiare in mezzo ai proiettili con una noncuranza da film hollywoodiano (ma provate a colpirli per sbaglio, e il gioco vi punirà con un game over precoce). Sembra inoltre che abbiano sviluppato una resistenza stoica (ai limiti dell’immortalità) ai veicoli, incapaci di scalfirli in caso di malaugurato incidente.

Il sistema di guida è un altro punto dolente, molto legnoso e poco intuitivo. La dimensione della mappa obbliga a spostarsi per svariati minuti a bordo dei molti veicoli presenti senza che succeda nulla di significativo, se si esclude la costante perdita di controllo del mezzo.
Durante le poche missioni principali legate alla scalata di eliminazione al cartello di Santa Blanca, si è letteralmente sommersi da una quantità smodata di attività secondarie. Ripetitive e poco coinvolgenti, saranno utili solo per incrementare i propri punti abilità. Le missioni spaziano dall’interrogazione di personaggi rilevanti (ostaggi o ufficiali nemici), alla difesa di stazioni radio della Resistenza, passando per conquiste di avamposti e recupero di informazioni o veicoli al fine di supportare la suddetta resistenza locale. Inutile sottolineare l’ovvio, alla ventesima missione uguale cominciano a cadere le braccia.

Meglio soli o accompagnati?

Dal punto di vista del gameplay, Tom Clancy’s Ghost Recon: Wildlands è stato pensato soprattutto per il multiplayer. Il giocatore è invitato, in maniera neanche troppo velata, a vivere l’esperienza di gioco in compagnia dei propri amici, ma non va dimenticato che il gioco può essere completato anche in single-player. Il meglio si da, tuttavia, proprio in coop, scegliendo l’approccio migliore in ogni missione. Da questo punto di vista il gioco è ben bilanciato ed accontenta ogni tipo di giocatore, dal silente infiltratore stealth al distruttivo “one man army”. Chi pensa però di poter annichilire eserciti interi con un semplice schiocco di dita si troverà piacevolmente smentito. Le fazioni avversarie sono sempre organizzate e numerose, passarci sopra non sarà agevole.
In single-player, al contrario, si potrà demandare molto del lavoro ai compagni artificiali, grazie alla rilevazioni dei nemici attraverso un drone e la loro eliminazione grazie all’opzione “colpo sincronizzato” . L’esperienza ne risentirà, penalizzando il lavoro di squadra e la soddisfazione derivante dal l’organizzazione di concerto.

Un uomo per tutte le stagioni

La combinazione di personalizzazioni quasi illimitata è un altro punto di forza di Tom Clancy’s Ghost Recon: Wildlands.
Al di là della possibilità di cambiare l’aspetto e l’abbigliamento del proprio personaggio, il vero valore aggiunto sta nella modifica capillare delle armi. Ogni singolo pezzo potrà essere scelto, colorato e combinato al fine di ottenere l’arma giusta in base alla prossima missione. Al completamento si otterranno punti utili a incrementare le proprie abilità (come la portata del drone di ricognizione, la stabilità della mira o la possibilità di aumentare il numero dei colpi sincronizzati).
In conclusione, Tom Clancy’s Ghost Recon: Wildlands tenta di offrirci una grande opera, finendo però schiacciato dalle sue stesse ambizioni. Un gioco che vuole, ma che purtroppo non può.

La recensione del titolo si basa su esperienza e sensazioni personali scaturite durante la prova prodotto.

Se sei interessato all’unboxing di Ghost Recon Wildlands Calavera Collector’s Case clicca qui

Tom Clancy’s Ghost Recon: Wildlands
7.5 / 10 Recensione
Gameplay7
Grafica8
Longevità7.5

Informazioni su Tommaso Ferraris (Tommy K) 163 Articoli
Il primo amore non si scorda mai, e per Tommy si tratta della prima PlayStation. Cacciatore di trofei, da vent'anni fedele all'unica sua fonte di intrattenimento videoludico. La sua collezione contiene tutte le console Sony (anche in edizione limitata) e diverse centinaia di titoli marcati PS.