Tierlist Super Smash Bros. Ultimate parte 1 – Bottom Tier

Super smash tier-im1

Eccoci al primo di una serie di articoli che discuteranno la mia tier-list di Super Smash Bros. Ultimate.

In questo articolo vedremo il gradino più basso della classifica, ovvero i personaggi bottom-tier.

Prima di iniziare però è bene spendere qualche parola per precisare i criteri con cui sono stati ordinati i personaggi.

Anzitutto questa è una tier list basata principalmente sulle mie opinioni, che quindi possono essere non solo sbagliate ma alle volte completamente fuori strada, ciò nonostante trovo di maggior valore per creare discussioni e stimolare pensieri, dare opinioni che possono essere anche forti o controverse. Questo non significa che non abbia tenuto conto dei risultati ottenuti dai personaggi in scenari competitivi di alto livello, ma semplicemente che preferisco mettere in evidenza il potenziale latente di un personaggio piuttosto che basarmi solamente sui freddi numeri.
Inoltre i ragionamenti sono fatti con il gioco offline in mente. Alcuni personaggi nell’ambiente online sono molto più efficienti che offline, ma questi vantaggi non verranno considerati nella tier list.

Parentesi che invece riguarda gli Echo fighter, non tutti verranno inseriti nella classifica, quelli troppo simili come ad esempio Pit e Dark Pit ho preferito raggrupparli in un’unica posizione, mentre per altri con differenze sostanziali che hanno un impatto maggiore come Ken e Ryu utilizzerò posizioni separate.

Ultimi due punti, cercherò di inserire per ogni personaggio qualche nome di giocatori italiani che lo hanno portato ad alti livelli nei tornei e i cui set sono reperibili online e infine nell’articolo userò il linguaggio impiegato dalla scena competitiva di Super smash bros. Ultimate, se non siete particolarmente ferrati coi diversi termini impiegati potete fare riferimento a questo articolo per un’infarinatura generale.

https://www.gamepare.it/smash-linguaggio-competitivo/

Bene, tutto pronto possiamo iniziare dall’ultima posizione della classifica! Anche se qui si parla del fondo del barile state attenti a non sottovalutare questi personaggi, i bottom-tier di Smash Ultimate possono sorprendervi e rivelarsi molto più temibili del previsto.

76 – Kirby

Purtroppo l’allegra palletta rosa nonché figlio prodigo di Sakurai stesso è ancora una volta quella che in gergo tecnico viene definita una “pippa al sugo”.
Kirby purtroppo ha numerose lacune, non ha grandi opzioni per approcciare l’avversario e per via della sua terribile mobilità aerea viene wallato facilmente e non appena si trova in svantaggio percentuale è costretto ad un inseguimento in cui l’avversario può facilmente sfruttare le sue grosse carenze.
Ad aggiungersi a tutto questo Kirby ha combo buone ma non eccelse che inoltre smettono di funzionare anche a percentuali piuttosto basse contro buona parte del cast, ha una recovery che può percorrere buone distanze grazie ai suoi molteplici salti, ma è molto prevedibile, lenta e vulnerabile e infine ha qualche kill-setup che tuttavia sono molto rischiosi e spesso inaffidabili.
Qualche pregio quindi c’è, ma purtroppo bisogna cercare di accontentarsi se si intende utilizzare l’eroe rosato come proprio personaggio di punta.
Ha comunque dalla sua il grande pregio di essere un personaggio semplice da imparare e quindi ottimo per cominciare a capire le diverse sfaccettature di Smash. Inoltre sebbene io lo ritenga un personaggio molto debole, questo non significa che non possa vincere alcun match, anzi giocatori di alto livello come Jesuischoq hanno già dimostrato che anche un personaggio come Kirby può dire la sua in mani che sanno guidarlo “al meglio”.
Giocatori italiani: Porké, Mettyu, Copycat.

75 – Fuffi

Animal Crossing: New Horizons è uscito da poco e la nostra segretaria ha un sacco da fare, purtroppo non ha potuto concentrarsi troppo sulle proprie abilità di combattimento.
Fuffi ha buone mosse che condivide con il personaggio da cui deriva, Abitante, tuttavia le variazioni che ha ricevuto sono quasi in ogni situazioni peggiori rispetto a quelli della controparte.
Il down-b è uno strumento molto passivo e di conseguenza non aiuta Fuffi a forzare l’avversario ad agire, questo fa sì che il personaggio manchi di aggressività e sia incapace di mettere sotto pressione la maggioranza dei personaggi. Anche giusto considerando l’apparenza innocua della segretaria. Compensa questo svantaggio con una buona difesa e una buona capacità nel tenere lontani gli avversari, questo però non basta a darle un piano di gioco solido e a peggiorare la situazione si aggiunge il fatto che il suo zoning è dei più prevedibili e statici, il che lo rende efficacie solo contro gli avversari più lenti.
Ha almeno un vantaggio nella guerra di proiettili tuttavia, grazie al suo neutral-b che le consente di afferrare oggetti e proiettili per riutilizzarli a piacimento, inoltre la sua recovery per quanto molto vulnerabile è piuttosto versatile e copre grandi distanze.
Giocatori italiani: Rezer,Draglen.

 

74 – Pianta Piaranha

La Pianta ha diversi aspetti unici nel suo kit e una grande capacità di cogliere di sorpresa, una recovery piuttosto rapida e che copre grandi distanze, è si vulnerabile ma non è semplicissimo riuscire ad approfittarne, inoltre ha un peso decisamente rispettabile che la aiuta a sopravvivere a lungo.
Quindi perché così in basso? Perché i suoi attacchi normali sono per lo più sotto la media e il suo neutral si basa sull’utilizzo di un neutral b che per quanto forte è anche lento e piuttosto prevedibile, all’infuori di esso la pianta fatica a minacciare gli avversari e deve fare affidamento sui passi falsi piuttosto che impiegare uno stile di gioco più attivo.
Anche gli speciali hanno quindi i loro difetti, sebbene restino mosse di tutto rispetto. La sensazione che tuttavia permane è quella che la Pianta sia in realtà una grossa gimmick e contro avversari che conoscono le sue vere possibilità si riducono molto.
In ultimo ad affossare ulteriormente il personaggio c’è la sua mobilità a dir poco mediocre, lenta in aria e lenta a terra con l’unico fattore positivo l’altezza dei salti, che da sola non basta certo ad affrontare i match-up più ostici.
Un punto in cui sembra però eccellere molto è il ledge-trapping, componente molto importante in Smash Ultimate, purtroppo però per arrivare a quella fase bisogna prima riuscire a ricavarsi un vantaggio in neutral e buttare off-stage l’avversario.
Brood ci ha mostrato che in ogni caso, malgrado quello che posso scrivere io, Pianta Piranha può eccellere anche ad alti livelli, ma personalmente credo che andando avanti il personaggio farà sempre più fatica a sorprenderci e quindi a vincere.
Giocatori italiani: firstbones, CapoPianta, Famedoro.

 

73 – King K. Rool

Il coccodrillone è il terrore del gioco online, ma quando si toglie il lag dall’equazione i suoi difetti diventano molto più evidenti.
I suoi proiettili per quanto forti sono piuttosto lenti e prevedibili, richiedono precisione per essere evitati e colpire King K. Rool di rimando, ma nulla che per un giocatore di buona esperienza non sia ordinaria amministrazione.
Le sue mosse a terra sono tutte abbastanza lente e facili da punire se bloccate o schivate, ha il grande pregio di avere armor su molti attacchi, ma questo va solo ad aiutarlo in situazioni in cui è il suo avversario ad essere aggressivo, vice versa se si trova lui costretto ad attaccare non ha molti modi per farlo senza esporsi.
L’essere grosso lo rende inoltre un bersaglio molto facile e per via della lentezza delle sue mosse, fa fatica a contrastare lo zoning. Ha un down-b che funge sia da counter che da riflettore ad aiutarlo, ma si tratta forse del peggior counter-riflettore del gioco, in quanto protegge K.Rool solo sulla pancia.
La sua mobilità non è delle peggiori, ha una buona velocità di corsa e salti piuttosto alti, ma non è abbastanza per compensare la sua stazza.
Quando però il coccodrillo va a segno si fa sentire, ha mosse che fanno molto male hanno un ottimo knockback. I suoi aerials gli consentono di sfruttare bene le situazioni di vantaggio e mettere a segno buoni edge-guard, sono inoltre estremamente potenti e pericolosi, purtroppo non risultano il massimo se bloccati.
La sua recovery è molto limitata, ma copre enormi distanze e non è semplicissima da gestire in quanto l’elica del suo up-b lo protegge abbastanza bene dagli attacchi che arrivano dall’alto.
Infine ha buone opzioni per effettuare ledge-trap estremamente pericolosi e da cui ci sono poche vie d’uscita.
Giocatori italiani: Mago, Ryusei, Ndrept.

 

72 – Incineroar

Il gattone picchia duro, ha combo niente male e buone opzioni per pressare un avversario in scudo e minacciarlo grazie a potenti throw e al side-b che può essere letale, il down-b è un’utile meccanica unica che lo aiuta contro gli zoner a base di proiettili e lo rende pericolosissimo. Incineroar ha però come tutti gli altri bottom-tier dei grossi punti deboli che gli avversari possono sfruttare facilmente.
Il più evidente è la sua mobilità che lascia molto a desiderare, molto semplicemente Incineroar è troppo lento. I suoi attacchi sono rapidi al punto giusto, ma lui purtroppo non è in grado di stargli dietro ed è costretto a muoversi per lo stage in modi che sono tutt’altro che ottimali. Anche la sua recovery è un grosso punto debole, è pur vero che è una recovery piuttosto versatile, ma nonostante questo non ha molti modi di coprire lunghe distanze ed è vulnerabile in diversi momenti che un giocatore attento può facilmente punire, è però buona abbastanza da garantirgli una discreta capacità in edge-guard.
Anche i suoi punti di forza hanno in realtà alcuni problemi. Il down-b è facile da perdere una volta caricato e la mossa in sé una volta che va a segno non porta a particolari follow-up, mentre le sue mosse sebbene picchino veramente duro, a volte faticano a prendere stock perché sono dotate di alto base-knockback ma hanno un knockback-growth mediocre. Insomma Incineroar è si pericoloso, ma ha alcuni grossi problemi che gli rendono la vita particolarmente difficile.
Giocatori italiani: Genarog, Ryusei.

71 – Dr. Mario

Come tanti altri bottom-tier, il problema di Dr. Mario è la mobilità limitata. Il dottore in realtà non è nemmeno tanto male a saltellare per lo stage e correre in giro, ma ha comunque problemi a gestire hitbox grandi o disjointed come le spade, anche personaggi molto migliori di lui hanno questo problema, quindi non c’è poi molto da stupirsi. Tuttavia a questo va a sommarsi la pessima recovery, che spesso risulta peggiore persino di quella proverbialmente pessima di Little Mac, che lo rende un bersaglio facile e estremamente vulnerabile off-stage.
Il per resto Dr. Mario picchia veramente duro, non ha il potenziale di combo della sua controparte senza laurea ma quelle che ha sono più che sufficienti non solo ad accrescere la percentuale nemica, ma anche a terminare le stock. L’aggiunta di down-tilt to up-b al suo kit gli rende prendere stock molto più semplice grazie al fatto che il down-tilt è una mossa rapida e abbastanza safe da essere utilizzate senza rischiare una punizione ingente.
Giocatori italiani: Elmartho, Famedoro.

 

70 – Ganondorf

Il re del male fa veramente paura, ha hitbox grandi e letali che gli permettono di prendere stock con pochissimi colpi a segno, sebbene sia lento è in grado di muoversi bene sullo stage e rendersi minaccioso in modi inaspettati, questo anche grazie al suo down-b che è molto rapido, potente, pericoloso e può anche superare alcuni proiettili per arrivare dritto in faccia all’avversario.
Il suo side-b lo aiuta a gestire avversari che abusano dello scudo e se si legge la reazione avversaria nel giusto modo può portare a prendere la stock.
Il problema grosso però è che un avversario paziente e che non si faccia intimorire può costringere Ganondorf a mosse azzardate e punirlo se sbaglia ad essere aggressivo. Ganondorf che è costretto a giocare ai termini del proprio avversario fa purtroppo molta fatica a braccarlo e rendersi pericoloso e purtroppo sono molti i personaggi che possono dettare il ritmo di gioco contro di lui.
Anche la sua recovery è problematica, ha purtroppo pochissime opzioni off-stage e il side-b lo è solamente in vantaggio stock, se non si vuole rischiare di perdere per un suicidio assistito. La sua mobilità aerea bassa lo rende un bersaglio facile e rende prevedibili i suoi movimenti e il suo up-b si limita a svolgere il suo compito, senza lode ma con qualche infamia visto che Ganondorf può perdere una stock se mette a segno il suo up-b e l’avversario esegue una wall-tech in risposta. L’up-b si redime un po’ grazie al fatto che può essere una buona opzione per prender stock contro avversari che tengono molto lo scudo, ma questo è un aspetto di cui Ganondorf non beneficia molto, considerato che ha un dottorato in frantumazione scudi.
Giocatori italiani: Kuro, Thanos, Anderson.

 

69 – Byleth

L’ultima aggiunta al roster, è anche visto dai più come il più debole dei personaggi del fighter pass 1. Byleth ha un ottimo range su molte mosse e può rendersi molto difficile da prendere, grazie alla costante minaccia di hitbox in grado di battere moltissime mosse. Ha una frame data che non è ottima, ma risulta sufficientemente buona per la maggioranza delle situazioni, rendendo il personaggio in grado di minacciare gli avversari in modo abbastanza safe.
Ha anche un proiettile tutto sommato buono con il proprio neutral-b, è vero che è molto lento, ma la possibilità di cancellarlo con lo scudo o con un salto lo rendono un ottimo tool per il neutral, rendendo Byleth in grado di forzare l’approccio dell’avversario ma mantenendolo comunque sull’attenti per la possibilità di un contrattacco repentino.
Le mosse hanno anche un ottimo kill-power oltre a fare ottimi danni anche agli scudi e l’edgeguard game del personaggio, nonché la recovery, risultano piuttosto buoni.
Il problema di Byleth sono le enormi debolezze che in certi casi quasi impediscono di utilizzare a dovere i suoi punti di forza. In primis abbiamo una mobilità al limite del pessimo, lenti in aria e lenti a terra, il protagonista dell’ultimo Fire Emblem fatica a posizionarsi nel modo corretto per pressare il proprio vantaggio, nonostante abbia mosse potenzialmente formidabili per farlo, come l’up-air.
La recovery è buona ma suscettibile a gimp da parte di molti personaggi, mentre la frame data è buona sì, ma molto limitata e costringe Byleth in pattern semplici da comprendere e da punire, soprattutto per personaggi rapidi. Inoltre una volta che un avversario arriva loro addosso, fanno molta fatica a riottenere la preziosa distanza che serve per essere efficaci.
Byleth è un personaggio che può dire la sua, ma fatica a ritagliarsi uno spazio in un metagame stracolmo di personaggi che hanno vita facile nell’abusare delle sue debolezze.
Giocatori italiani: Don

 

68 – Mii Swordfighter

Il Mii spadaccino ha la kill-confirm più ignorante del gioco in “tornado”, il neutral-b numero 1, che comba con aerial o con l’hero-spin, l’up-b numero 3. Questa combo è in grado di prendere stock molto presto sia verso l’alto che lateralmente è da sola rende questo personaggio estremamente minaccioso. Il problema è che non c’è molto altro di cui gli avversari debbano preoccuparsi e tenere sotto controllo il tornado non è particolarmente complicato una volta che lo si conosce. Questo Mii ha buone opzioni nelle proprie mosse speciali, fra cui ottime alternative negli up-b, che offrono a scelta versatilità nella recovery o migliore killpower, copertura di più opzioni e buon out of shield. Anche i side-b offrono alternative valide, si può avere una recovery migliore grazie al side-b numero 1 e 2, che oltre a coprire ottime distanze lascia il Mii libero di agire dopo aver eseguito la mossa, o il side-b numero 1, il temibile chackram che è uno dei proiettili migliori del gioco, con l’unico difetto che l’ottima versione lenta richieda un input pessimo per essere eseguita. Allo stesso modo ha ottime opzioni sul down-b, in grado di renderlo versatile a seconda di ciò che serve nel match-up che si deve affrontare.
Tutto questo aiuta il personaggio, ma non basta a renderlo davvero pericoloso a chi lo conosce, questo perché purtroppo le sue mosse normali sono per lo più sottotono, mancando spesso di range o di potenza. Il forward-air ad esempio fa discreti danni, ma il posizionamento delle hitbox lo rende poco versatile e pessimo sullo scudo. Tutti questi attacchi non sono male e hanno ognuno il proprio utilizzo, ma lasciano spesso a desiderare nella loro mono-dimensionalità. Anche la mobilità lascia a desiderare, non è certo delle peggiori, ma non costituisce un vanto per il personaggio andando ad aggravare i limiti delle sue hitbox.
Quindi il personaggio vive e muore con il suo tornado, se si è in grado di sfruttarlo a dovere con ledge-trap, edgeguard e tech-chase allora si può riuscire a farlo brillare, diversamente si faticherà a trovarne punti di forza.
Giocatori italiani: Copycat, il Socio, Rezer.

 

67 – Corrin

Questo piazzamento per molti sarà forse un po’ troppo generoso e posso comprendere perché, ma ritengo che Corrin sia un personaggio sottovalutato, non particolarmente sottovalutato sia chiaro, solo un pochetto.
Cosmos ci ha mostrato tempo fa che tutto sommato il personaggio può dire la sua e sebbene il passaggio da smash 4 sia stato distruttivo, qualcosa di buono è rimasto e le ultime patch hanno aiutato almeno ad ammorbidire la situazione.
Corrin non gode di grande mobilità, ma risulta comunque migliore di altri sia sotto che sopra di sé nella tier-list. Ha ottime mosse con disjointed-hitbox grazie alla spada in grado di vincere molti confronti e con cui è facile mettere a segno semplici combo utili ad aumentare la percentuale. Grazie ad esse riesce facilmente a pressare il proprio vantaggio e mantenere gli avversari in aria, l’ottimo up-air in questo è uno strumento formidabile che è anche in grado di prendere stock abbastanza presto.
Il side-b non è quello dei fasti di smash 4 e lo sappiamo bene, ora è molto più facile punire i calci infatti, tuttavia presenta anche ora buona versatilità grazie al miglioramento delle altre opzioni, il calcio quindi va usato quando lo si può fare in sicurezza mentre le altre due opzioni per staccarsi da terra sono utili per non mettersi in pericolo e tenere l’avversario in uno stato di allerta. Inoltre colpire con la punta della mossa è ancora estremamente letale.
I problemi del personaggio risiedono principalmente in una recovery limitata e vulnerabile e in una certa difficoltà a chiudere stock se non si riesce a mettere a segno una buona read, in quanto Corrin manca di kill-confirm affidabili. Inoltre le sue mosse per quanto buone sono poco versatili nel compito che svolgono, costringendo il personaggio a comportarsi in modi piuttosto specifici e in un certo senso prevedibili. Compensa grazie ad un buon kill-potential e ledge-trap molto pericoloso, ma questo non è abbastanza per farlo salire più di così.
Giocatori italiani: Don

66 – Little Mac

E questo è sicuramente il piazzamento più controverso di questa bottom-tier! Per molti Little Mac è sul fondo della classifica, l’ultimo degli ultimi, il personaggio peggiore. Per me è vero che il suo design è estremamente fallace, rendendolo il personaggio concepito peggio in assoluto, ma questo non lo rende il meno pericoloso o spaventoso da avere davanti.
Little Mac costringe l’avversario a giocare a un gioco molto diverso da quello che è Smash solitamente, questo perché sfruttare le sue debolezze è relativamente facile e alla portate di quasi tutto il cast di personaggi. In sostanza bisogna costringerlo ad approcciare in modi che lo mettano in pericolo, forzandolo in situazioni in cui è costretto a saltare e esporsi. Questo non è però sempre così semplice come può sembrare e se non si gioca in modo lame contro di lui si rischia di prendere schiaffi di una certa portata. Grazie infatti alla rapidità a terra Little Mac può rendersi pericoloso da distanze inaspettate e anche se non ha grandi combo a sua disposizione ogni colpo a segno fa veramente male. Contestarlo inoltre è sempre rischioso per via dell’armatura sugli attacchi smash che rischiano di trasformare un trade in un disastro. Ciliegina sulla torta il noto K.O. Punch, in grado di polverizzare stock a percentuali buffe. Ovviamente resta un personaggio bottom-tier, ma un bottom-tier che può far davvero paura se ci si trova nel posto sbagliato al momento sbagliato.
A distruggerlo e impedirgli, grazie al cielo, di essere un personaggio davvero valido c’è la sua recovery oscena e il gioco aereo praticamente inesistente. Per certi versi direi che la sua recovery non è in realtà la peggiore del gioco, battuta in questo da quel disgraziato di Dr.Mario, ma comunque non è qualcosa di cui potersi vantare.
Giocatori italiani: Midoriss, Amarillo.

 

Siamo arrivati alla fine della bottom-tier di Smash Ultimate, come già detto questa è semplicemente una mia interpretazione, molti piazzamenti controversi servono per stimolare la conversazione e a riguardo ci piacerebbe sapere la vostra versione di questa scala più bassa della tier-list.

Ora vi lascio e vi do appuntamento qui per la seconda parte che vedrà posizionati i personaggi low-tier.

La tier-list nell’immagine è stata composta grazie a https://www.smashtierlist.com/

Informazioni su Michele Michienzi (Sig Mike) 69 Articoli
Michele inizia a giocare grazie al NES. Nel tempo ha potuto maturare una buona conoscenza videoludica che spazia in molti ambiti, merito della varietà di titoli giocati. Appassionato principalmente di Action e Picchiaduro è cresciuto con numerosi platform e gdr a fargli compagnia. Fa parte da qualche anno della community competitiva italiana di Super Smash Bros.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*