Follow
Gamepare > Home > This War of Mine > This War of Mine This War of Mine Recensione

This War of Mine Recensione

Dopo due anni di lavoro la 11 bit studios rilascia This War of Mine, un titolo basato su storie vere di guerra. Un gioco indie d’azione, dove la sopravvivenza ed anche il gestionale, portano al titolo un vero e proprio livello di interattività.

In questo gioco non ci troveremo, come nella maggior parte delle simulazioni di guerra, a guidare un soldato d’èlite o uno squadrone d’assalto, ma vestiremo i panni dei sopravvissuti durante uno scontro bellico e ci dovremo impegnare per mantenerci tali. Nel corso della storia infatti dovremo lottare contro la carenza di cibo e medicine, stando in costante allerta nei confronti dei cecchini e degli sciacalli che vogliono eliminarci senza pietà.

ThisWarOfMine-Gamepare

Saremo noi a proseguire con la nostra storia ed il nostro salvataggio, ma nel corso del gioco dovremo salvare anche altre persone che hanno un loro racconto e la propria storia di come sono sopravvissuti.

Avanzando nei vari scenari incontreremo anche altri sopravvissuti, alcuni dei quali chiederanno il nostro aiuto per essere salvati. Mano a mano che incontriamo le persone possiamo includerli nella nostra squadra di sopravvivenza, in modo da aiutarsi a vicenda e soccorrere altre persone in difficoltà.

Nel gioco è presente inoltre l’alternanza fra il giorno e la notte, che ha effetti diretti sulle azioni da intraprendere: ad esempio di notte sarà possibile saccheggiare case ed edifici per reperire risorse, con l’aiuto delle tenebre.

Un altro fattore che influenza This War of Mine è la temperatura atmosferica, segnalata in alto a sinistra sullo schermo. Dovremo tenere in considerazione questo dato, per evitare conseguenze come morti per assiderazione a temperature estreme.

ThisWarOfMine-Gamepare

Come già citato, nel corso della storia di This War of Mine dobbiamo stare attenti a soldati o cecchini, ma con alcuni di questi potremo barattare provviste e medicinali in cambio di altre merci.

Una nota interessante del gioco è che ogni personaggio ha abilità diverse: per esempio alcuni potranno creare oggetti con i materiali recuperati oppure creare medicine utili per curarsi con erbe raccolte o barattate durante le missioni

A livello grafico il gioco si presenta molto bene, in quanto le ambientazioni e i personaggi, rappresentati con effetto a matita, si sviluppano su dei fondali con visuale laterale a piani. Lo stile cupo e oscuro del gioco è anche personalizzabile dal menù opzioni, in quanto è possibile regolare l’intensità del tratto matita.

ThisWarOfMine-Gamepare

Gli ambienti, unici nel suo genere, portano il giocatore a girovagare alla ricerca di materiale per creare oggetti, scavare tra macerie e frugare negli armadi alla ricerca di risorse utili per la sopravvivenza.

Piccola pecca di This War of Mine è la lentezza di gioco, oltre all’impossibilità da parte dei sopravvissuti di portare grossi carichi di materiale durante le ricerche. Le azioni, anche se con l’avanzare della storia risultano a volte ripetitive, vengono ben mimetizzate dagli scenari sempre diversi.

La longevità è alta, anche se la lentezza del gameplay potrebbe portare il videogiocatore ad annoiarsi. Sebbene la rigiocabilità sia ottima, il giocatore si troverà davanti personaggi, eventi e zone differenti ogni volta che riavvierà la partita. La generazione delle difficoltà nelle partite cambierà sempre ogni volta che riavviamo il gioco.

Provando il gioco possiamo affermare che il realismo di This War of Mine è talmente alto che a volte ci immedesimeremo nei personaggi. Un gioco da acquistare sicuramente, capace di creare molta suspance e in cui la strategia non manca di certo.

Positivo
  • Visione di gioco innovativa, dalla parte dei civili
  • Grafica e ambientazioni ben studiati
  • Ottima interazione dei personaggi
Negativo
  • Lentezza del gameplay in alcune situazioni
8.5
Grande
Grafica - 9
Giocabilità - 8
Longevità - 8.5
Scritto da
All'inizio era pong, poi c'è stato l'avvento di Wolfestein 3D ed ora Assassin's Creed. Ogni volta che provava un gioco voleva scoprire cosa passava per la testa al team che ci ha lavorato. Appassionato fin da piccolo al mondo dei videogiochi non si stacca mai dal suo gamepad.

Dite la vostra!

0 0

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi HTML tag e gli attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>