Thimbleweed Park – Recensione

Acquista

I videogiocatori più giovani forse non si ricorderanno di un nome che è un’autentica leggenda in campo videoludico. Stiamo parlando del mitico Ron Gilbert che ha dato vita a tantissimi capolavori, soprattutto per ciò che concerne le avventure grafiche. Parliamo di capisaldi anni Ottanta e Novanta come Maniac Mansion, Monkey Island o anche titoli più recenti come The Cave e Broken Age.
Tramite il collaudato metodo di Kickstarter Gilbert è riuscito nell’impresa di raccogliere ben 600.000 dollari e così dare vita a Thimbleweed Park, un’avventura grafica vecchia scuola in grado di riportare in auge quel passato glorioso.

ThimbleweedPark

Il perfetto punta e clicca

Il tema è quello poliziesco con omicidio su cui indagano Angela rey e Antonio Reyes, due dell’FBI. Avremo modo di indagare quindi, incontrando tutta una platea di personaggi veramente divertenti e sui generis che nei dialoghi ci strapperanno più di qualche risata.
L’intreccio, che è ambientato alla fine degli anni Ottanta, coinvolge il vecchio Chuck, proprietario di una fabbrica di cuscini, e sua nipote programmatrice Delores. C’è anche spazio per un pagliaccio molto maleducato di nome Ransome che non potrà più lavarsi via il trucco a causa di una maledizione. La storia quindi viene narrata attraverso gli occhi dei protagonisti in alcuni momenti topici della loro vita, ma non vogliamo spoilerare troppe sorprese dato che la forza del gioco sta proprio nella narrazione ricca di colpi di scena inaspettati.

ThimbleweedPark

Apri, Raccogli, Premi e Chiudi…

Per quanto concerne il gameplay il gioco ci consente di controllare fino a cinque personaggi, ma in alcuni punti della storia saremo obbligati a utilizzare l’uno piuttosto che l’altro. Potremo passare da un personaggio all’altro attraverso un’icona in alto a destra anche se, come detto, a volte per obblighi narrativi non saremo in grado di farlo. Da notare che in diversi momenti sarà necessaria l’interazione tra i vari personaggi per arrivare alla risoluzione di enigmi particolari.
Il gioco è un punta e clicca vecchio stampo con enigmi mai troppo frustranti ma comunque piuttosto difficili e complicati. È evidente infatti che il titolo è dedicato agli appassionati del genere, se è stata prevista una modalità più semplice per i giocatori meno smaliziati: è presente infatti un comodo sistema di aiuti.

ThimbleweedPark

La conclusione

L’interfaccia è quella classica di sempre con i verbi corrispondenti alle azioni da effettuare e quindi vi sembrerà realmente di fare un tuffo nel passato.
Lo stile grafico è pixelloso con i personaggi a opera di Gary Winnick e i fondali di Mark Ferrari che ha lavorato anche a Monkey Island. Buono il sonoro con doppiaggio in inglese, che era stato inserito fra gli obiettivi di Kickstarter. Ottima anche la colonna sonora di Steve Kirk.

Un’ottima operazione nostalgia per un gioco di una qualità indiscussa sotto vari punti di vista.

 

La recensione di Thimbleweed Park si basa su esperienza e sensazioni personali scaturite durante la prova prodotto.

Positivo

  • Buona la caratterizzazione dei personaggi
  • Enigmi impegnativi ma mai frustranti

Negativo

  • Cinque personaggi da gestire: a volte è complicato
  • Grafica non sempre all’altezza della storia
8.5

Grande

Grafica - 8
Giocabilità - 9
Longevità - 8.5
Videogiocatore fin dalla più tenera età ha cominciato con le classiche 500 lire nei cabinati delle sale giochi per arrivare a possedere ogni tipo di macchina da gioco in circolazione, provenienti da tutto il mondo. Non disdegna provare nessun tipo di gioco, perfino il simulatore di sassi.

Lasciare una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi HTML tag e gli attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*