The Town of Light aggiornamento disponibile per Oculus

LKA.it, sviluppatore indipendente con base a Firenze, annuncia oggi che il suo primo gioco, The Town of Light, è stato aggiornato per supportare Oculus Rift.

L’aggiornamento è disponibile gratuitamente per chiunque possieda già il gioco.

Per festeggiare questo avvenimento, LKA offre ai nuovi utenti il 25% di sconto dal 9 Maggio fino al 16 Maggio incluso.

Vincitore del premio Indie DB Editor’s Choice 2015 per la miglior grafica e finalista alla Game Connection di Parigi 2014 come miglior narrazione e del premio “gioco consigliato” di Eurogamer, The Town of Light è un thriller psicologico in prima persona ambientato nel manicomio psichiatrico di Volterra.

Il manicomio venne chiuso nel tardo secolo scorso da una legge del 1978 promulgata dal governo italiano che stabiliva la chiusura di tutti i manicomi e, contestualmente, di restituire i diritti civili ai pazienti.

Il gioco, basato su ampie ricerche ed ispirato a fatti realmente accaduti, permetterà di giocare dal punto di vista di Renée, una ragazzina di 16 anni che soffre di una malattia mentale. La ragazza vuole scoprire la verità che si nasconde nel suo passato esplorando uno dei luoghi in cui ha passato la maggior parte della sua giovinezza (potete trovare il diario personale di Renée qui).

“Siamo davvero felici di rilasciare la versione Oculus del gioco oggi. Uno dei nostri obiettivi con The Town of Light è far immergere i giocatori in un’esperienza realistica e siamo entusiasti di poter offrire il gioco con il pieno supporto alla tecnologia VR”. Ha dichiarato il direttore creativo Luca Dalcò.

Caratteristiche principali del gioco:

– Ispirato a fatti e eventi reali
– Ambientato in uno dei più grandi manicomi d’Europa
– Oltre 7.000 mq del vero manicomio di Volterra ricreati con estrema cura
– Una ricca bibliografia riguardante la storia delle strutture per la cura delle malattie mentali basata su un’ampia ricerca
– Esperienza di gioco non lineare che consente una differente evoluzione della storia principale

Informazioni su Andrea Raso (Andrea West) 2601 Articoli
All'inizio era pong, poi c'è stato l'avvento di Wolfestein 3D ed ora Assassin's Creed. Ogni volta che provava un gioco voleva scoprire cosa passava per la testa al team che ci ha lavorato. Appassionato fin da piccolo al mondo dei videogiochi non si stacca mai dal suo gamepad.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*