The Repopulation The Repopulation Recensione

The Repopulation è un MMORPG indie, attualmente in Early Access, ambientato in un mondo fantasy chiamato Rhyldan, nel quale un tentativo fallito di colonizzazione porta la popolazione umana a combattere per la sopravvivenza contro creature selvagge e contro le altre fazioni di coloni.

All’avvio del gioco sarà possibile creare il proprio avatar, con il quale esploreremo il mondo di Rhyldan senza limiti artificiali. Potremo infatti muoverci liberamente e compiere le azioni che desideriamo, il tutto con un sistema avanzato di missioni che ci permette di strutturarle a più livelli su misura del nostro personaggio, oltre a cambiare in base ai risultati e alle azioni compiute.

Le missioni da affrontare sono varie, non solo quindi combattimento ma anche ricerca e raccolta di risorse, dove entra in gioco la parte “social” del titolo e del nostro personaggio. Interagire con altri giocatori o con personaggi del gioco sarà infatti necessario per completare alcune missioni, e svolgere le missioni in gruppo permetterà di ottenere benefici bonus da dividere con i propri compagni.

The Repopulation_Screen1

Ogni missione farà crescere l’esperienza del nostro personaggio, e con oltre 75 abilità da scegliere, sarà possibile utilizzare i punti accumulati per sviluppare le caratteristiche del proprio avatar in uno schema ad albero ben strutturato. Non ci sono limiti per lo sviluppo delle varie abilità nel gioco, per cui è possibile avanzare come meglio si preferisce. Potreste potenzialmente padroneggiare ogni abilità nel gioco, ma ci mettereste un tempo estremamente lungo, visto che più alta è un’abilità, più lungo il tempo necessario a impararla. Le abilità rientrano in una classificazione a sei tipi: armatura, benefica, combattimento, difensiva, generale e lavorativa. Ogni abilità ha il proprio rank e può avanzare in 14 diversi livelli da scarso a gran maestro.

Una novità interessante è la possibilità di scegliere la modalità di combattimento. Si potrà scegliere tra modalità RPG classica da MMORPG con bersaglio e pulsanti per le abilità e modalità d’azione, con uno stile molto più simile a uno sparatutto in prima persona.

The Repopulation_Screen2

Altro fattore molto interessante è la casualità delle abilità associate ai boss che incontreremo durante la nostra avventura. Esse infatti cambiano continuamente, quindi difficilmente incontreremo un boss con le stesse caratteristiche incontrate da un altro giocatore. Questo fa si che il videogiocatore dovrà capire nel minor tempo possibile la strategia migliore per fronteggiare e abbattere “l’ostacolo”.
Da tener conto che le abilità di combattimento solitamente aumentano tramite l’utilizzo di un particolare tipo di arma in battaglia, quindi se volete un consiglio non focalizzatevi su una singola lama, potreste essere molto penalizzati.

Oltre a questo,ogni giocatore può creare e progettare le proprie città personalizzando qualsiasi tipo di struttura, ed eventualmente attaccare e conquistare altri territori per espandere il proprio regno. Il sistema di assedi è complesso e diviso in varie fasi che avverranno durante la giornata, consentendo ai giocatori di preparare le proprie strategie in modo da non preoccuparsi di attaccare\difendere in orari improbabili.

Uno dei fattori che distingue The Repopulation dagli altri MMORPG moderni è il modo in cui viene gestita la salute. Tipicamente nei normali MMO otteniamo più punti vita salendo di livello, il che crea un gap tra nuovi e vecchi giocatori impossibile da colmare. In The Repopulation i giocatori avranno sempre gli stessi punti ferita indipendentemente dal livello e dall’equipaggiamento in battaglia. Il fattore determinante sarà invece costituito dalle abilità e dai danni in battaglia del singolo personaggio creato.

The Repopulation_Screen4

Da segnalare la grafica non molto ricca di particolari, sicuramente non il punto forte del titolo.

The Repopulation si dimostra essere un gioco estremamente complesso e articolato, che rischia a volte di diventare troppo lungo nella sua gestione. Per chi non ha molta pazienza e magari è la prima volta che si cimenta in un titolo del genere, il rischio è quello che ben presto finisca del dimenticatoio, nonostante sia un prodotto ben sviluppato.

Informazioni su Andrea Raso (Andrea West) 2522 Articoli
All'inizio era pong, poi c'è stato l'avvento di Wolfestein 3D ed ora Assassin's Creed. Ogni volta che provava un gioco voleva scoprire cosa passava per la testa al team che ci ha lavorato. Appassionato fin da piccolo al mondo dei videogiochi non si stacca mai dal suo gamepad.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*