Follow
Gamepare > Home > The Legend of Zelda A Link Between Worlds > The Legend of Zelda A Link Between Worlds – Recensione

The Legend of Zelda A Link Between Worlds – Recensione

The Legend of Zelda: A Link Between Worlds segue gli eventi della storia su Super NES del 1991, narrando di un’avventura nella terra di Hyrule. Le visuali in 3D di Nintendo 3DS, portano un nuovo livello di profondità al mondo di gioco, permettendoti di vivere le altezze come mai prima d’ora. Ai tempi potrebbe esserti risultato difficile percepire la distanza tra i diversi piani, ma le cose sono cambiate, regalando un nuovo realismo alle battaglie e all’esplorazione dei dungeon!

The-Legend-of-Zelda-A-Link-Between-Worlds-vs.-A-Link-to-the-Past

The Legend of Zelda: A Link Between Worlds introduce un set completamente nuovo di rompicapi e dungeon!

Questa volta Link può anche muoversi sui muri come se fosse un dipinto. Questa possibilità cambia completamente la tua prospettiva, permettendoti di pensare in una nuova dimensione e risolvere rompicapi prima impensabili.

gameplay9

La trama ruota ancora attorno ai Sette Saggi, discendenti di quelli conosciuti in ALttP. In pericolo e braccati da un mago misterioso di nome Yuga, deciso a catturarli e a trasformarli in dipinti per risvegliare Ganon e ottenere il suo potere, chiederanno aiuto a Link, apprendista del fabbro di Hyrule. Il giovane si troverà suo malgrado in un vortice di eventi e con l’arduo compito di dover salvare il mondo. Conosceremo la dolce principessa Zelda, sovrana di Hyrule e scopriremo l’esistenza di un mondo parallelo chiamato Lorule e governato anch’esso da una principessa, Hilda, decisa ad aiutarci nella nostra missione per fermare il malvagio Yuga.

gameplay5

Quello che più sorprende giocando è ritrovare, riscoprire quel sense of wonder che la saga aveva in parte smarrito con gli ultimi capitoli.

La possibilità di esplorare in maniera totalmente libera due mondi pieni di sub-quest, di grotte, di tesori nascosti da trovare; l’angoscia di trovarsi davanti a nemici molto più forti di noi e di dover temporaneamente battere in ritirata; la meraviglia di vivere un’avventura che basa tutto il suo cuore, tutta la sua anima, attorno ad una parola: giocabilità.

Forse è di questo che aveva bisogno la saga, forse serviva ritornare alle origini per ritrovare quel cuore, quella magia che aveva parzialmente smarrito negli ultimi anni.

gameplay1

Forse, il restyle di Zelda servirebbe a tutto il mondo dei videogames: uno sguardo al passato per non perdersi in seguiti su seguiti che non riescono a portare innovazione e che vengono acquistati per abitudine, o in saghe ormai stantie e prive di idee che hanno come unica direzione la ricerca di un pubblico sempre più vasto.

Positivo
  • Rimasterizzazione Completa
  • Ottimi Rompicapi
Negativo
  • Nulla da segnalare
8.3
Grande
Grafica - 8
Giocabilità - 9
Longevità - 8
Scritto da
All'inizio era pong, poi c'è stato l'avvento di Wolfestein 3D ed ora Assassin's Creed. Ogni volta che provava un gioco voleva scoprire cosa passava per la testa al team che ci ha lavorato. Appassionato fin da piccolo al mondo dei videogiochi non si stacca mai dal suo gamepad.

Dite la vostra!

0 0

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi HTML tag e gli attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>