The Last Of Us Part II: Naughty Dog e l’ennesimo centro perfetto!

The last of US - Parte II - ennesimo centro perfetto

~ 13 Giugno 2013 – 19 Giugno 2020 ~

7 anni di attesa e una parte di me in questo momento è qui che vorrebbe scrivere per ore ed ore, l’altra invece… Non riesce a spiccicare nemmeno mezza parola.

È arrivato il momento di parlare però… O almeno provarci, perché davvero questa volta è difficile. Veramente tanto, tanto, tanto difficile.

Vi dico la verità. Una parte di me ha paura di scrivere, perché… Il rischio di essere banali quando si parla di un opera del genere è altissimo e davvero… No, non se lo merita.

Prima di cominciare però voglio fare tre premesse importantissime:

  1. In tutto quello che vi dirò, non ci sarà alcun tipo di Spoiler.
  2. A causa dell’incredibile polverone che si è generato di fronte a questo videogioco, io non assegnerò alcun tipo di voto a The Last Of Us Part II.
  3. Con alta, altissima probabilità molte cose che dirò, non riusciranno completamente a descrivere ogni singola sensazione che ho provato, giocando il titolo pad alla mano e immergendomi completamente, in quella che è l’atmosfera che si respira nella produzione, secondo dopo secondo.

The Last Of Us Part II è un videogioco che se volessi utilizzare 3 aggettivi per descriverlo in modo decente, questi sarebbero:

  1. Coraggioso.
  2. Maturo.
  3. Imparziale.

Iniziamo dal primo:

  1. The Last Of Us Part II è un titolo coraggioso, perché la sua narrativa è così all’avanguardia, da spingere il giocatore alla costante e minuziosa riflessione di tutto ciò che gli accade intorno, sia per gli eventi di trama che per il Gameplay vero e proprio in effetti… Un Survival-Stealth unico nel suo genere, in cui il livello di coinvolgimento, va dalla soddisfazione di superare intere aree di gioco senza essere scoperti, fino ad arrivare alla possibilità di combattere con tutto ciò che avete in quel momento, se volete sperare di sopravvivere. Badate bene a ciò che dico… Qui dovete avere il coraggio di combattere mettendo in conto che se giocate almeno a difficoltà Standard, non avrete a che fare con dei “fantocci”, ma quasi con dei veri esseri umani, dotati di nome e sviluppati con un Intelligenza Artificiale fuori scala per questa generazione. Nemici reattivi, aggressivi oltremodo e MAI “stupidi”, vi aspettano al varco, pronti a farvi sudare in ogni singolo scontro, che sia con armi da fuoco o corpo a corpo. The Last Of Us Part II è un titolo coraggioso per questo e per molto, molto di più. Il suo coraggio deriva dalla sua capacità di voler offrire qualcosa di diverso dagli altri videogiochi… Una diversità e un coraggio, che porta questo titolo a contraddire la sua stessa natura, di videogioco destinato al mercato di massa, perché la verità è che The Last Of Us Part II, NON è un opera per tutti e soprattutto ha il coraggio di sbatterti in faccia che è così in continuazione.
  2. The Last Of Us Part II è un titolo maturo dall’inizio alla fine dell’opera. Forse anche troppo maturo per quello che il livello medio del medium videoludico, perché è capace di toccare delle corde così profonde e soprattutto così in anticipo, rispetto ai sentimenti di qualunque tipo di videogiocatore, che quasi lo detesti… Lo detesti perché è dieci passi avanti a te, perché è come quel genitore “stronzo” , che usa il pugno di ferro per farti capire un insegnamento importante dalla vita, ossia che non sempre puoi avere tutto quello che vuoi, che il dolore talvolta è necessario per arrivare alla comprensione di certi concetti e tu alla fine ti senti uno sciocco immaturo, convinto di avere tutte le risposte e quando ti prendi il tuo tempo per arrivarci e ti accorgi che non è così, ti esce uno spontaneo e sincero: “Allora non ho capito veramente un cazzo.”The Last Of Us Part II è un titolo così maturo che in certi punti del gioco, sembra quasi che se ne infischi dei vostri sentimenti, delle vostre lacrime e dei vostri sacrifici, ma in realtà tutto ciò viene fatto per arrivare a darvi una visione ancor più ampia dell’opera, in cui tutto ciò che in un primo momento sembra quasi implodere su di se, in realtà… Esplode!!! E il danno di questa esplosione è semplicemente senza precedenti, lasciando il videogiocatore davvero senza parole.
  3. The Last Of Us Part II è un titolo imparziale, perchè racconta ma soprattutto ti fa vivere una storia, in cui il concetto di bene e male assoluto, non esiste per davvero.

The Last Of Us Part II - Chiatarra

Tutto è assolutamente in discussione, tutto è assolutamente uno strumento alla mercé di un mondo di gioco, che ha la priorità su chiunque e su qualsiasi cosa e tutto ciò, è reso in un modo così naturale, incredibile e soprattutto non forzato, da lasciare davvero a bocca aperta.

Questa imparzialità, rende il gioco assolutamente imprevedibile, pieno di sorprese, ma soprattutto e questo ci tengo proprio tanto a dirlo… A vivere di luce propria rispetto al primo The Last Of Us, visto che a conti fatti questo gioco, è vero che Part II prosegue su ciò che è stato finale del primo capitolo, ma tutto ciò che costruisce, è assolutamente indipendente da qualsiasi tipo di legame con esso e anzi… In questo senso tornando sempre al discorso imparzialità, Naughty Dog ha davvero fatto di tutto nel non dare in alcun modo, una sorta di “favoritismo”, a tutto ciò che è stato il primo The Last Of Us, che siano personaggi o relazioni tra loro.

Ho riassunto The Last Of Us Part II, con questi 3 aggettivi e solo con questi potrei tranquillamente chiudere questa mia analisi sul gioco, dicendovi che è il capolavoro che “ci si aspettava” ed uno dei migliori videogiochi di questa generazione, ma no… Non lo farò. Non questa volta.

Ripeto. Non voglio essere banale o riduttivo. Per quello che ho detto prima Naughty Dog a questo giro, non se lo merita… Almeno da parte mia.

Ma perché questa volta, cosa ha fatto Naughty Dog? Beh… Per quanto mi riguarda ha preso l’asticella delle ambizioni del mondo videoludico e con The Last Of Part II, non l’ha semplicemente “alzata ad un nuovo standard”, che già di per sé non è cosa assolutamente da tutti, ma in termini di sceneggiatura e su come raccontare una storia, questi hanno letteralmente preso l’asta come oggetto fisico e l’hanno alzata ad un livello stratosferico e scelto da loro, che in passato non era mai stato raggiunto e per come stanno le cose, posso tranquillamente dirlo ora… Molto molto difficilmente, qualcuno riuscirà a raggiungere questo risultato per molto tempo.

E pensare che tutto ciò è stato fatto con una tematica così banale, come quella della vendetta… Un tema visto in tante di quelle salse, eppure proprio in questo Naughty Dog in passato ha sempre dimostrato di eccellere. Prendere dei temi semplicissimi e costruirci su una profondità narrativa mai vista altrove e dei personaggi caratterizzati alla grandissima, ma questa volta sono stati davvero allucinanti.

Così come è stato allucinante il lavoro svolto sulle macchine, su cui il gioco è stato sviluppato. Nel mio caso mi riferisco alla PS4 Slim, una console che ormai può definirsi come “superata” e su cui anche alcune esclusive, girano senza compromessi ma sulla versione PS4 PRO. Qui invece… Quasi 50 ore di gioco e nessun Bug, nessun calo di frame rate, ma soprattutto… Un comparto grafico sbalorditivo, che non mi ha assolutamente fatto invidiare i possessori di una console Mid Gen e una cura per ogni singolo dettaglio che va oltre quello che mi aspettavo di vedere in questa generazione di console.

In questo senso altra cosa che davvero sbalordisce di questo capitolo è la longevità. Nel mio caso oltre 30 ore per poter finire la storia! Praticamente più del doppio, di quelle che ci ho impiegato per finire il primo The Last Of Us su PlayStation 3, per la prima volta.

Una storia che per tante cose, avrebbero potuto tranquillamente fare cut content e distribuire alcune cose sottoforma di DLC, invece… Mi sono ritrovato di fronte un prodotto completo, che in questo senso è davvero di altri tempi ed anche qui, il coraggio di avere una logica che è tanto distante da quella che è il mercato di massa…

Quindi in definitiva cosa ne penso di The Last Of Part II?

Credo che oggettivamente parlando, se devo analizzare il lato tecnico, la qualità della sceneggiatura, il gameplay, sonoro, caratterizzazione dei personaggi, ecc siamo di fronte a uno dei più grandi videogiochi della storia di questo medium. Uno di quelli dove non c’è gusto che tenga, poiché ha dei meriti e dei valori così grandi, che sarebbe da pazzi attribuirgli una votazione più bassa del 9.5 ragazzi.

Qui non si tratta del videogioco “perfetto”, perché anch’io sono convinto che quello non esiste e in questo senso anche The Last Of Us Part II non è il videogioco perfetto, ma così come il suo predecessore e mi permetto di dire personalmente… MOLTO di più del suo predecessore, questo titolo merita tutti i voti e soprattutto gli elogi, che gli sono stati attribuiti dalla stampa specializzata.

Se devo parlare invece del mio parere soggettivo… Io credo che esistano giocatori prima e dopo The Last Of Us Part II. E come tutti i grandi videogiochi, dopo che li hai giocati e finiti, questi ti cambiano e rimangono dentro in un modo o nell’altro… Ma soprattutto non li dimentichi mai più.

The Last Of Us Part II non sarà mai il mio videogioco preferito, perché c’è un lato di me che nel suo ipotetico videogioco perfetto cerca “altro” e magari qualcosa di più “soggettivo” ma… Sarà quello che ricorderò da oltre 20 anni che gioco ai videogames, come il gioco più forte, più maturo e più coraggioso di sempre.

” ~ L’atrocità della vendetta non è proporzionale all’atrocità dell’offesa, ma all’atrocità di chi si vendica ~ “

Informazioni su Antonio Amoroso (DevilGame) 7 Articoli
Conosciuto principalmente come DevilGame sul web! Videogiocatore e sognatore da un tempo così immemore, da averne perse le origini. Percorso iniziato con i platform e i survival horror, a seguire i J-RPG, i souls-like, e via via esplorando tutto ciò che questo fantastico mondo ha da offrirgli! Le parole che non dimenticherà mai, sono quelle di un conoscente che gli disse: "Ho conosciuto in tutta la mia vita, ragazzini che riuscivano ad essere felici, con un pallone da calcio... A te invece quello che serve per esserlo, è con un videogioco. " Il resto è storia.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*