The Last of Us Part II: analisi del finale – Agonia, accettazione e perdono [Spoiler]

The Last of Us Part II analisi del finale - Agonia, accettazione e perdono [Spoiler]

[N.B.: Se avete il piacere di visionare e non solo leggere questo articolo de Il videogiocatore riflessivo, vi rimandiamo al video in fondo pagina]

Come altre opere del settore, The Last of Us Part II lo puoi tremendamente amare o odiare allo stesso tempo. Ti porta ad un coinvolgimento emotivo con i protagonisti difficilmente eguagliabile. The Last of Us Part II è una vicenda che tratta la vendetta come mai prima d’ora, una ritorsione estrema che porta all’ammissione delle proprie debolezze umane.

Ma tutto quello che è accaduto era strettamente necessario? L’ultimo capolavoro Naughty Dog si può davvero considerare tale? E a me, che scrivo queste righe a poche ore dai titoli di coda, è davvero rimasto dentro o sono totalmente condizionato dall’amore provato per il primo capitolo?

Se siete interessati a conoscere le risposte a queste domande, allora l’articolo è quello che fa per voi. E considerando che esso è strettamente correlato all’intero capitolo, da qui in avanti saranno presenti inevitabili spoiler.

Ciao belli, io sono EliRedZ e questa è la rubrica de Il videogiocatore riflessivo dal titolo: AGONIA – ACCETTAZIONE – PERDONO

AGONIA

Questa la parola che secondo il mio punto di vista racchiude in gran parte l’epopea di Ellie ed Abby, protagonisti indiscussi dell’intera vicenda. The Last of Us Part II si pone tra quelle linee videoludiche non convenzionali. Vuole trasportarti in una vicenda tormentata e sofferta all’inverosimile. Coinvolge la psiche del forte per renderlo debole e completamente indifeso, infatti il lutto famigliare e l’omicidio di un proprio caro è la colonna portante del tunnel agonizzante delle due ragazze.

Ponendoci anche solo per un istante sul piano emozionale delle due protagoniste, possiamo percepire appieno quanto la visione del massacro compiuto da Abby nei confronti di Joel e di quest’ultimo nei confronti delle Luci, e quindi di Jerry padre di Abby, sia gran motivo di vendetta. Ma se andiamo ad analizzare i due omicidi, questa vendetta eterna è davvero motivata? Dal mio punto di vista mettendomi nei panni di Abby, si. Ma dagli occhi di Ellie, fino ad un certo punto. Mi spiego meglio.

Dopo aver compreso appieno la causa della brutalità di Abby nei confronti di Joel, non dico che Ellie avrebbe dovuto fermarsi, ma neanche accanirsi così tanto su tutti coloro che stavano dietro ai WLF. Ancor di più se andiamo a pensare che Ellie ad un certo punto capisce perfettamente le motivazioni che hanno spinto Abby a fare quel che ha fatto, quindi il discorso che il fine giustifica i mezzi dovrebbe placarsi. Ma in riferimento proprio a questo, la vendetta a mio avviso è solo un pretesto della ragazza per redimersi da ben altri problemi comunque difficili da superare.

Agonia è anche la sensazione che prova di continuo l’utente giocando; dall’omicidio di Joel fino ad arrivare all’uccisione di Jessie. Un continuo climax di disperazione che pervade nell’aria, come ad indicare che il tunnel del tormento ha un inizio ma non ha una fine.

The Last of Us Part II analisi del finale - ABBY INCAZZUSA

ACCETTAZIONE

L’accettare una situazione che non ci va proprio giù o riconoscere di quanto le nostre scelte sarebbero opposte tornassimo indietro nel tempo, hanno da sempre un ruolo fastidioso nella vita di un essere umano, portandoci a volte a credere e immaginarci cose che in realtà non esistono o nel peggio dei casi convincerci che stiamo facendo determinate azioni semplicemente perché siamo fatti così; perché è nella nostra natura, quando in realtà è un altro noi stessi ad indicare la via. E in quel caso non abbiamo facoltà di scelta, siamo appunto soggiogati da traumi, tristezze e situazioni poco piacevoli. Quello che succede ad Ellie in The Last of Us Part II è la stessa identica cosa: cercare l’accettazione di un trauma attraverso la via più semplice, la vendetta ad ogni costo. Quindi la focalizzazione dell’odio sulla presunta causa che lo ha scaturito.

Ma siamo davvero sicuri che Ellie attraverso la morte di Abby si sarebbe liberata da tutto questo odio? Il finale, secondo me azzeccatissimo, ci dice di no. Ellie non ha bisogno della morte dell’omicida di Joel per tornare a respirare, ma ha bisogno di inquadrarsi su un altro stato d’animo, molto più potente e arduo della vendetta: il perdono, ha bisogno di perdonarsi. Perdonare se stessa non avendo fatto in tempo a perdonare Joel.

Abby è semplicemente il pretesto che spinge la ragazza a ritrovarsi all’interno di questo tunnel di incubi. D’altra parte, l’accettare la morte di un proprio caro o di un qualsiasi shock è difficile, se non impossibile per chiunque, ma il “lasciare andare”, quello è già è più plausibile. Il dolore rimane, ma lo scruti da lontano, lo osservi, quasi come se non fosse tuo.

Abby in cuor suo accetta per ben due volte il corso degli eventi. E fatemelo dire, a conti fatti ne combina molte di più Ellie nei confronti di Abby che il contrario. Contando anche solo il fatto che Ellie uccide praticamente tutti, tutte le persone care ad Abby, la sua gente, la sua famiglia. Mentre quest’ultima solo ed unicamente Joel.

A differenza di Ellie, si può notare come Abby invece capisca il momento in cui è ora di finirla e che non ci sia bisogno di tutta quella violenza e vendetta. Mentre Ellie la stessa accettazione la trova solo ed esclusivamente alla fine, grazie ad una sana visione del suo Joel in veranda mentre suona la chitarra.

The Last of Us Part II analisi del finale - ELLIE E JOEL

PERDONO

Da qui il perdono. Prima o poi chiunque raggiunge il fondo. Chi per una perdita di se stesso o di una persona cara, chi per una delusione d’amore, chi per altro, ognuno di noi avrà un momento nella sua vita in cui si sentirà perso. Ellie ha avuto il suo. Abby pure. Ma ciò che l’esperienza è riuscita appieno a farci comprendere secondo me, è l’importanza aldilà di vendette e rivalse personali, della capacità di perdonare.

Nell’ultima sequenza di ricordi in cui si vede Joel, possiamo percepire appieno il dolore che l’uomo ha dentro nei confronti di Ellie. Dolore che porta da circa cinque anni come conseguenza agli eventi che cambiarono per sempre la sua vita: la grande bugia. L’aver salvato una solo persona condannando il mondo intero. Un fardello enorme da portarsi appresso, ma secondo il cuore e il sentimento di Joel, assolutamente essenziale e soprattutto ripetibile.

L’uomo non avrebbe mai fatto nulla di diverso, neanche con il senno di poi conoscendo la reazione di Ellie. Una reazione dura, per certi versi capibile, ma pur sempre severa. Ma lei avrebbe davvero preferito morire per salvare il mondo intero? Probabilmente sì, ma in ogni caso avrebbe voluto scegliere. E una nuova grande scelta nel finale non tarda ad arrivare. Il bisogno estremo e irrefrenabile di uccidere la donna che le ha portato via il suo più grande amico, compagno, padre non la farebbe mai tornare a respirare, ma l’accettazione e soprattutto il perdono, si. Il pianto liberatorio e le cascate di lacrime che sgorgano dagli occhi di Ellie racchiudono la conclusione di un tunnel vizioso alimentato da odio e rimorsi interiori che finalmente può lasciarsi alle spalle. Questo liberandosi dal malessere nei confronti di se stessa, di Joel, di Abby e da tutto il dolore che ha portato la vendetta. Una vendetta talmente inutile da sembrare a volte per certi versi banale.

In conclusione credo che quello che The Last of Us Part II ci ha voluto narrare non è affatto una storia sulla vendetta, ma come avrete capito dai miei pensieri, è un racconto sul perdono. Su quanto sia difficile perdonarsi e quanto facciamo fatica ad accettare che le cose a volte non vanno affatto come vorremmo andassero. Dovremmo semplicemente lasciarle andare.

Abby non ha trovato la sua vendetta, o il suo riposo, uccidendo Joel. Ma salvando Lev. Portandolo con se. Lasciando andare il suo passato.

Ellie non ha trovato la sua vendetta, il suo riposo, uccidendo Abby. Ma salvandola, lasciandola andare. Con lei anche il suo rancore nei confronti di quel l’uomo che l’ha amata come una figlia.

Ellie ha raggiunto il suo perdono…

…E io ho amato tremendamente The Last of us part II.

EliRedZ

Informazioni su Elia Rossi 12 Articoli
Amante di videogiochi, musica e fumetti, EliRedZ nasce prima animatore e dopo presentatore di eventi in tutta Italia. Il pensiero di poter approfondire l’arte del videogioco insieme a tutto ciò che lo fa stare bene è un continuo motivo di stimolo per lui.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*