The last of Us – Lore e riassunto: Parte 3 di 3

The last of Us – Lore e riassunto Parte 3

[N.B.: Se avete il piacere di visionare e non solo leggere questo articolo, e soprattutto per un immersione maggiore nell’universo di The Last of Us, consigliamo il video in fondo alla pagina]

“Giurami che tutto quello che mi hai raccontato sulle Luci è vero. Lo giuro. Ok.”

Ciao belli, è tutto pronto: mettetevi comodi e rilassatevi, perché il gran finale di quel capolavoro chiamato The Last of Us è in attesa di essere amato e ricordato negli anni a venire. Il cammino verso la salvezza dell’umanità continua esattamente da dove l’avevamo lasciato…

Per chi non avesse visto i precedenti episodi: Parte 1 di 3Parte 2 di 3

Salutato Tommy e giunti finalmente al laboratorio, Joel ed Ellie apprendono da alcune registrazioni lasciate appositamente sul posto, che la base delle Luci ha cambiato posizione: tutti si sono diretti all’ospedale St. Mary di Salt Lake City. Appresa la spiacevole notizia i protagonisti non hanno il tempo di riposarsi; i Cacciatori infatti avendo seguito le loro tracce sono nuovamente lì ad assediarli, ma a differenza delle situazioni precedenti, la fortuna questa volta non è dalla parte dei buoni. In un tentativo di difesa, Joel cade dal primo piano dell’edificio su un asse di ferro, la quale si conficca dritto nella schiena. Ellie in suo soccorso riesce ad eliminare gli ultimi inseguitori, mentre un Joel moribondo è in procinto di perdere i sensi. Trovata l’uscita, la neve sta cominciando a scendere e l’uomo, dopo aver spronato il cavallo, crolla a terra arrendendosi alla sua ferita.

L’inverno è iniziato, il gelo copre ogni parte di roccia e alberi, una piccola lepre cammina ed una Ellie cacciatrice è in cerca di cibo. Di Joel neanche l’ombra. Avvistato un cervo, preda molto più complicata da pedinare ma allo stesso tempo largamente sostanziosa, la ragazza lo insegue riuscendo infine a ucciderlo, ma nel momento in cui è in procinto di recuperare le frecce ecco che due figure compaiono a pochi metri di distanza. Si presentano come David e James e la informano che fanno parte di una comunità poco distante; vengono in pace e chiedono semplicemente uno scambio di merci: una parte del cervo per qualunque cosa serva alla ragazza. Ellie non pensandoci due volte chiede dei medicinali, facendo intuire ai due uomini che il destino di una persona tanto cara alla ragazza è appeso ad un filo. Accettata la richiesta, James si allontana per il recupero degli antibiotici ed Ellie fa la conoscenza in modo più approfondito del nuovo arrivato David. L’uomo sembra un tipo normale, anche lui sopravvissuto come può alla fine del mondo, mentre la ragazza risulta invece visibilmente scettica nei suoi confronti, avendo incontrato sino a quel momento solo assassini e Cacciatori.

La conversazione viene interrotta pressoché subito da alcuni versi sinistri: Clickers e Runners sono in avvicinamento. I mostri inoltre sono molti di più di quanto ci si potesse aspettare, ragione per il quale Ellie e David si salvano la vita a vicenda in diverse occasioni. Questo porta la ragazza a mostrare più fiducia nei confronti del uomo, confidenza destinata però a placarsi di lì a poco. James di ritorno, consegna le medicine ad Ellie mentre David attraverso un piccolo gioco di parole, e con un fare inquietante, mostra finalmente la sua vera natura: dice di essere a capo di una grande comunità di persone oramai decimata, a detta sua da un uomo che si portava appresso una ragazzina. Ellie pertanto, colta la chiara minaccia, si allontana lasciando David e James alle spalle.

The last of Us – Lore e riassunto Parte 3 - ELLIE NEVE

Di ritorno alla baita, scopriamo che la vita di Joel è pressoché alla sua conclusione; la ragazza dunque si affretta a fargli la puntura di antibiotici e infine, esausta e ancora spaventata dagli eventi recenti, si addormenta a fianco al suo compagno. La mattina seguente sembra che l’antibiotico abbia fatto effetto, ma purtroppo gli uomini di David hanno inseguito la ragazza durante la notte. Avvertito e compreso il pericolo, Ellie decide di comportarsi da esca: scappa a cavallo portando dietro i suoi inseguitori, così da difendere in tutto e per tutto Joel e lasciarlo nascosto. Il suo piano però ha come un inizio, anche una fine relativamente veloce: non riuscendo a fermarla in altro modo, i Cacciatori sparano direttamente al cavallo, facendo sobbalzare la ragazza giù da un piccolo dirupo. Attutito il colpo dalla neve, e dopo essersi difesa da numerosi attacchi, Ellie riesce finalmente a far disperdere le sue tracce, fino al momento in cui David le fa perdere i sensi catturandola.

Risvegliata in una cella fredda e angosciante, i suoi occhi vedono ciò che di più brutto una persona può immaginare. Un incubo forse peggiore della morte: i Cacciatori non solo aggrediscono gli innocenti, ma se ne cibano pure. Concluso un breve discorso in cui Ellie si assicura che il cibo sul piatto sia solo carne di cervo, David le spiega in parole grossomodo confortanti che il suo obiettivo non è quello di ucciderla, bensì di inserirla nel gruppo, in quanto lei a differenza di tanti altri è una persona speciale. E con fare a dir poco viscido comincia a sfiorarle una mano in segno di fiducia. Ellie in risposta e attraverso un piccolo bluff di accettazione, rompe un dito al uomo cercando di recuperare nel frattempo le chiavi della cella, sfortunatamente con esito negativo.

Nello stesso momento, Joel si sveglia intontito e totalmente debole. Primo pensiero: Ellie. Uscito dalla baita, senza neanche avere il tempo di comprendere in che luogo si trovi, viene attaccato dagli ultimi uomini di David rimasti sul posto. Nello scontro riesce ad avere sorprendentemente la meglio, catturando anche due ostaggi. Essere prigionieri di Joel non è tanto meglio che esserlo di David, infatti i due Cacciatori non hanno nemmeno il tempo di capire del guaio in cui si sono cacciati che, dopo aver riferito il luogo in cui Ellie è rinchiusa, soccombono sotto i colpi del loro carnefice.

Nel medesimo attimo e non troppo distante, Ellie viene sbattuta con forza sul tavolo in cui James poche ore prima tagliava in pezzi un corpo umano futuro cibo per tutti. Tutto sembra perduto quando alla ragazza arriva il colpo di genio: dichiara di essere infetta e urla a David di guardare il morso sul suo polso.  Servendosi abilmente dello sbigottimento generato dalla rivelazione, si allontana con furia prima accoltellando James e dopo sfuggendo ai proiettili di David. La poca visibilità che trasporta con sé una tempesta di neve è senza ombra di dubbio una manna dal cielo per un uomo in fuga; e per una ragazza audace come Ellie non è da meno. Facendosi strada attraverso la tormenta e superando furtiva il gruppo di Cacciatori, giunge in un pub abbandonato. Uscendo dal lato opposto, viene assalita da David il quale non riesce fortunatamente ad ucciderla. Scampato momentaneamente il pericolo, i due cominciano a giocare al gatto e il topo, sino al momento in cui Ellie, usando il suo piccolo ma pur sempre funzionante coltellino, riesce a cogliere di sorpresa l’uomo colpendolo più volte. Infine, dopo numerose colluttazioni, è nel punto di arrendersi, ma un ultimo sforzo le permette di recuperare l’arma dell’assalitore e ucciderlo con rabbia e dolore, venendo bloccata pochi attimi dopo da un Joel che, abbracciandola e facendola sentire al sicuro, la accompagna fuori da quel luogo maledetto.

The last of Us – Lore e riassunto Parte 3 - ELLIE E JOEL

Con la fine dell’inverno, la primavera bussa alle porte e la destinazione tanto ricercata è finalmente più vicina che mai: l’ospedale St. Mary di Salt Lake City e il gruppo delle Luci capitanato da Marlene è ad un passo. Il profondo rapporto che lega Joel ed Ellie ha raggiunto il suo compimento: quello che hanno vissuto, che hanno dovuto affrontare per sopravvivere, tra paure, dolori e perdite, hanno sviluppato soprattutto in Joel un nuovo spirito di rinascita. Ed è in uno dei momenti di cammino che il destino, l’universo o semplicemente una speranza verso un mondo nuovo, regala alla coppia un momento che per me, fatemelo dire, vale l’acquisto dell’intero capolavoro: l’incontro con un animale pacifico e amorevole come la giraffa. Lo stesso Joel non si sarebbe mai distanziato dalla missione nemmeno per un piccolo momento di gioia, eppure l’entusiasmo di Ellie, con prepotente dolcezza, non può che renderlo partecipe di ciò che la meraviglia della natura è in grado tuttora di donare.

Con l’ospedale a pochi minuti di distanza, in una galleria completamente alluvionata, il pullman che regge i due eroi crolla sotto i loro piedi facendoli arrendere alla corrente d’acqua. Joel riesce a recuperare Ellie ma mentre cerca di farla rinvenire, ecco un membro delle Luci che gli urla di mettere le mani in alto; non trovando riscontro, lo colpisce duramente facendolo svenire. Joel apre gli occhi in un letto di ospedale. Accanto a lui il capo delle Luci Marlene. La destinazione è raggiunta. La donna dopo essersi scusata per il colpo infieritogli e averlo aggiornato sul fatto che Ellie sta bene, lo informa che il corpo di quest’ultima è finalmente pronto per l’intervento; infatti i dottori dicono che il Cordyceps, il fungo all’interno della ragazza, è come mutato e rimuovendolo saranno in grado di creare un vaccino per l’intera umanità. Notizia alquanto magnifica dal momento che il viaggio è stato a dir poco frustrante, ma Joel non tarda a capire che asportando il fungo, contagio del cervello nella sua totalità, porterebbe inevitabilmente alla morte della sua Ellie.

A causa degli ovvi motivi che spingono Joel a non accettare questa soluzione, l’aria nella stanza comincia a surriscaldarsi, così Marlene ordina alla guardia di portare l’uomo fuori dall’ospedale chiedendogli persino di giustiziarlo nel caso si opponesse alla scelta ormai presa. Accompagnato come un prigioniero, con una pistola puntata alla schiena, Joel riesce a liberarsi con abilità e uccidere il malcapitato, non prima però di aver richiesto in modo brutale il numero della stanza in cui Ellie dovrà essere operata e uccisa. Facendosi spazio nei corridoi tra Luci pesantemente armate, raggiunge l’ultimo piano dove l’operazione su Ellie sta per avere inizio. Aperta la porta della sala operatoria, uccide senza pensarci due volte il chirurgo, e tenendo tra le braccia il corpo anestetizzato della ragazza, comincia a fuggire. In quegli istanti è come se Joel rivivesse tale e quale la sequenza che portò alla morte di Sarah vent’anni prima. Però questa volta farà di tutto purché le cose vadano nel verso opposto.

Scampato il pericolo delle Luci, l’uomo deve vedersela ancora con Marlene: ella, puntandogli una pistola, lo informa che è ancora in tempo per fare la cosa giusta, informandolo tuttavia che sarebbe anche la soluzione che sceglierebbe Ellie se potesse. Purtroppo o per fortuna Joel ci tiene ormai troppo alla ragazza, motivo per il quale, spara al capo delle Luci senza rimorsi.

In un epilogo ad impatto emotivo davvero alto, vediamo Joel in macchina in direzione della Contea di Jackson ed una Ellie intontita che si sveglia chiedendo a l’uomo cosa sia successo. Lui la informa che nel mondo sono presenti tantissimi immuni e che purtroppo non è possibile creare un vaccino al virus.

Da qui il gran finale dell’opera, che consiglio a chiunque di vederlo piuttosto che leggerlo. Perché l’ultima conversazione tra i due protagonisti è schizzata da tempo in cima all’olimpo dei videogiochi.

Di seguito il dialogo:

Joel: Ok, andiamo.
Ellie: Aspetta. Là a Boston, quando mi hanno morsa, non ero sola. C’era anche la mia migliore amica ed è stata morsa anche lei. Non sapevamo cosa fare, e allora… lei ha detto: “Aspettiamo e basta. Possiamo rendere tutto poetico e perdere la testa insieme.” Sto ancora aspettando il mio turno.
Joel: Ellie…
Ellie: Si chiamava Riley ed è stata la prima che ho visto morire, e dopo Tess… e poi Sam.
Joel: Tu non hai nessuna colpa.
Ellie: No, non hai capito!
Joel: Ho dovuto… lottare a lungo per sopravvivere, e non… Qualunque cosa accada, continui a trovare una ragione per cui lottare. Lo so che non è ciò che ti vuoi sentir dire ora, però…
Ellie: Giuramelo! Giurami che tutto quello che mi hai raccontato sulle Luci è vero.
Joel: Lo giuro.
Ellie: Ok.

Così si conclude il racconto di The Last of Us, un racconto si di sopravvivenza e di violenza. Ma soprattutto un racconto d’amore e di rinascita. Senza troppe parole che sarebbero riduttive, io vi ringrazio per avermi accompagnato in questo viaggio.

Ciao belli!

EliRedZ

 

Informazioni su Elia Rossi 8 Articoli
Amante di videogiochi, musica e fumetti, EliRedZ nasce prima animatore e dopo presentatore di eventi in tutta Italia. Il pensiero di poter approfondire l’arte del videogioco insieme a tutto ciò che lo fa stare bene è un continuo motivo di stimolo per lui.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*