The last of Us – Lore e riassunto: Parte 2 di 3

The last of Us – Lore e riassunto 2 di 3

[N.B.: Se avete il piacere di visionare e non solo leggere questo articolo, e soprattutto per un immersione maggiore nell’universo di The Last of Us, consigliamo il video in fondo alla pagina]

“Non è la specie più forte a sopravvivere. Nemmeno quella più intelligente. Sopravvive la specie più predisposta al cambiamento.”

Ciao belli, benvenuti alla seconda parte del cammino di Joel ed Ellie, due sopravvissuti al cambiamento.  Ovviamente si riparte esattamente dal punto in cui avevamo lasciato i nostri protagonisti: la caduta di Tess. Ricordo inoltre che l’articolo contiene spoiler a tutto spiano. Detto ciò, Buon viaggio!

Per chi non avesse visto il precedente episodio: Parte 1 di 3

Ellie deve arrivare a traguardo sana e salva: questo il pensiero fisso di Joel in seguito alla morte della partner e amica Tess, la quale non può aver perso la vita invano. L’importanza della missione prende ancora più spessore nel momento in cui, sfuggendo alle forze nemiche in una metropolitana piena zeppa di spore da Cordyceps, Ellie non fa uso della maschera, confermando ancora una volta la sua immunità totale al virus.

Raggiunta l’aria fresca, Il caratteraccio di Joel nei confronti della ragazza non tarda ad uscire. Un esempio calzante lo dimostra quando lei, scusandosi e ritenedendosi la causa della morte di Tess, lui la invita in modi non del tutto gentili a non parlare mai più né della sua amica, né tanto meno della condizione di immunità.

Conclusa la conversazione, si parte alla volta della Contea di Jackson per incontrare Tommy, fratello di Joel, trasferitosi lì dopo essersi allontanato prima dallo stesso Joel e poi in seguito anche dalle Luci; avendo fatto parte del gruppo di Marlene, lui saprà sicuramente dove Ellie dovrà essere accompagnata. Il viaggio che si prospetta sarà piuttosto lungo, pertanto un auto è quello che ci vuole. E l’unica persona che può procurarla è Bill: poco socievole e piuttosto paranoico, egli è un vecchio alleato di Joel che vaga tra una città e un’altra scambiando merci di qualsiasi tipo. In seguito a un primo incontro abbastanza improbabile, in cui il carattere combattivo di Ellie e quello poco socievole di Bill si scontrano, nuovi problemi vengono subito a galla dal momento che l’uomo non ha la minima idea di dove possa scovare un veicolo funzionante, ma si renderà comunque utile procurando gli attrezzi corretti per aggiustarlo appena trovato.

Questa piccola deviazione porta il gruppo prima in un cimitero occupato da numerosi Clickers e successivamente all’interno di una scuola dove si imbattono per la prima volta in un Bloater, quarta ed ultima fase d’infezione del fungo. Concluso lo scontro, si addentrano in un centro residenziale conosciuto da Bill. Quest’ultimo, all’interno di una delle abitazioni ritrova l’ex compagno impiccato, e facendo uscire una sensibilità fino a quel momento nascosta, fa notare a Joel di quanto fosse affezionato all’ormai vittima suicida. Per fortuna il partner di Bill nel garage aveva inconsapevolmente tenuto una sorpresa per loro: un auto del tutto funzionante. Così poche ore dopo essere partiti, Bill saluta a suo modo Joel ed Ellie, invitandogli ad andarsene dalla sua città.

Rimessi in marcia, i due protagonisti grazie ad una rivista prettamente maschile rubata a Bill e ad una vecchia audiocassetta, cominciano finalmente a fare amicizia. Affinità che può portare le persone coinvolte a scelte davvero difficili e talvolta anche decisamente inumane, soprattutto in un universo come quello di The Last of Us. I Cacciatori fanno parte di questa categoria, in cui la mancanza di cibo e risorse porta a compiere gesti che superano di gran lunga ciò che la parola “umanità” racchiude. E Joel lo sa bene, avendo fatto parte di quella fazione in passato, pronta a uccidere innocenti pur di sopravvivere in un mondo disastrato.

Separati momentaneamente da un ascensore più che instabile, i due si rincontrano grazie ad Ellie che salva la vita a Joel, uccidendo uno dei Cacciatori, lasciandola incredula e scioccata avendo ucciso per la prima volta non un infetto bensì un umano. La reazione di Joel nei suoi confronti però è tutto fuorché confortante. Nessun “grazie”, “brava”, nulla. Facendole notare quanto abbia ancora un dolore represso interiore e una mancanza totale di affetto dovuta alla sua perdita più grande, Sarah. Poco dopo però, sentendosi in colpa e vedendo Ellie sulle sue, Joel ripaga la piccola mostrandole una fiducia sino a lì tenuta alla larga: nel mentre che si farà strada attraverso una piccola piazzola assediata dai Cacciatori, lei dovrà coprirgli le spalle usando il fucile. Inoltre, un attimo prima di lasciarla al suo compito, le concede con orgoglio un minimo gesto di gratitudine per avergli salvato la vita in precedenza.

 

Concluso l’assedio in cui la ragazza si è rivelata molto più efficiente di quanto ci si potesse aspettare, dopo aver recuperato il fucile, Joel le regala una pistola, aumentando così la fiducia che d’ora in avanti riporrà in lei. Il rapporto sembra si stia consolidando di più.

Procedendo nel loro viaggio verso Tommy, i due incontrano e si uniscono ad Henry e Sam, fratelli sopravvissuti anch’essi alla follia. Henry, il più grande, ha un senso di protezione a volte quasi maniacale nei confronti del fratellino, pertanto Ellie, notando la pesantezza accumulata dal piccolo, gioca e si diverte con lui nelle poche occasioni che la situazione lo permette.

Henry deve raggiungere una stazione radio militare per incontrare un piccolo gruppo di Luci. Destinazione che si unisce a pennello con quella di Joel. Così a notte inoltrata i quattro sopravvissuti proseguono il loro cammino superando inizialmente un posto di blocco, poi un malcapitato rifugio fognario cosparso di Stalkers e Clickers e infine un piccolo centro residenziale bloccato dai soliti Cacciatori il quale hanno addirittura dei cecchini nei loro ranghi. Prendendosi la briga di uccidere quest’ultimo in solitaria per non mettere in pericolo i suoi compagni, Joel concluso il compito li urla di raggiungerlo di corsa, siccome un gruppo numeroso di infetti è in avvicinamento. Coprendoli a distanza con il fucile, si rende conto però che questa volta i mostri sono davvero in troppi, perciò lascia la sua postazione e aiuta gli altri a barricarsi in casa per poi scappare dal lato opposto.

Messi in salvo, il gruppo può concedersi una pausa. Tra una chiacchiera e un’altra sembra che il mondo intorno li stia lasciando un po’ di tregua: Joel ed Henry se la godono attraverso vecchi ricordi di Harley Davidson sfreccianti in strada, mentre Ellie dona a Sam un piccolo robottino che in precedenza il fratello più grande gli aveva vietato di prendere. Sembra però che Sam non sia particolarmente felice di questa regalo ed Ellie quindi, salutando il piccolo, va a dormire, non avendo la minima idea degli eventi che la mattina seguente avrebbero sconvolto l’intero gruppo. Purtroppo il piccolo Sam è stato morso nell’ultimo attacco e per lui non c’è più nulla da fare; dopo aver attaccato Ellie, ormai completamente posseduto dall’infezione, soccombe sotto i colpi di Henry il quale a sua volta, rendendosi conto di aver appena ucciso il fratello, si punta la pistola alla tempia e spara nuovamente.

The last of Us – abbraccio Joel e Tommy

I giorni si susseguono. Il viaggio di Ellie e Joel continua. La perdita di Henry e Sam diventa una tra i tanti dolori di routine che colpisce le persone in un pianeta affiancato dalla disgrazia. Arrivati alla centrale idroelettrica in cui risiede il fratello di Joel, i due non vedendosi da circa dieci anni, si abbracciano calorosamente; cosa del tutto inaspettata dal momento che all’epoca in cui scoppiò l’epidemia, entrambi erano stati costretti a servirsi di diverse brutalità per sopravvivere, eventi che avevano portato Tommy ad allontanarsi volontariamente dal fratello maggiore, provando un senso di ripudio per lui.

Camminando verso l’entrata della centrale, si può notare come Tommy, insieme alla moglie Maria, si siano organizzati davvero bene, avendo oltre che mura difendibili anche cibo ed elettricità, dettaglio non da poco considerando il contesto. All’interno dell’edificio Joel chiede ad Ellie di andare con Maria, in quanto lui deve parlare di cose importanti insieme al fratello. La richiesta è tanto semplice quanto rischiosa: informato dell’immunità della ragazza, Joel chiede a Tommy di scortarla fino alle Luci, dal momento che ha fatto parte del gruppo di Marlene, conoscerà sicuramente la via più veloce. Ma poco prima che la discussione sfoci in qualcosa di più grande, la centrale viene attaccata da un gruppo di Cacciatori. Risolta velocemente la faccenda, Ellie accorgendosi del “segreto” che Joel le ha tenuto nascosto, ossia che il loro viaggio insieme si sarebbe concluso lì, scappa rubando un cavallo dall’insediamento. Ritrovata in un ranch abbandonato, ha luogo un’aperta discussione in cui la ferita ancora apertissima di Joel nei confronti della figlia morta vent’anni prima, fa uscire parole che solo la rabbia e la sofferenza tirano fuori, infierendo su Ellie e facendole comprendere di quanto lei non potrà mai essere messa a confronto con Sarah.

Percorso un breve tragitto a cavallo, Tommy è in procinto di salutare il fratello quando avviene l’inaspettato: Joel con un gesto quasi paterno, chiede a Ellie di riconsegnare il cavallo al fratello e salire sul suo. Oramai è tutto chiaro: l’uomo orgoglioso e burbero non lascerebbe mai e poi mai a nessuno di prendersi cura della sua Ellie. Così, salutato il fratello e spronato il cavallo, si dirigono insieme verso il laboratorio delle Luci, destinazione che cambierà per sempre le loro vite.

to be continued…

 

Se volete conoscere il gran finale di questo viaggio terribile ma allo stesso tempo meraviglioso, non perdetevi l’ultima parte seguendo le nostre pagine su Gamepare.it e/o attraverso il canale YouTube di EliRedZ.

Ciao belli.

E’ disponibile anche la The last of Us – Lore e riassunto: Parte 3 di 3

EliRedZ

Informazioni su Elia Rossi 8 Articoli
Amante di videogiochi, musica e fumetti, EliRedZ nasce prima animatore e dopo presentatore di eventi in tutta Italia. Il pensiero di poter approfondire l’arte del videogioco insieme a tutto ciò che lo fa stare bene è un continuo motivo di stimolo per lui.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*