Follow
Gamepare > Home > The Culling > The Culling – Recensione

The Culling – Recensione

Per chiunque ami le atmosfere alla Hunger Games, o semplicemente desideri cimentarsi in un buon survival, The Culling potrebbe essere la scelta più adatta per quanto riguarda il panorama video ludico attuale.

Ci ritroveremo infatti in una sorta di arena-prigione in cui 16 giocatori dovranno fronteggiarsi in continuazione, sotto l’attento occhio delle telecamere che seguiranno i contendenti in ogni momento in una sorta di reality game. Ogni sessione durerà 25 minuti e solo i migliori riusciranno a sopravvivere.

In The Culling per vivere il più a lungo possibile dovremo trovare tutte le armi che avremo a nostra disposizione e dovremo perfino crearne di nuove con gli oggetti che potremo reperire in giro attraverso del crafting sfrenato.

The-Culling-06Questa Battle Royale in salsa tropicale, da cui non potremo scappare dato che il perimetro è circondato da laser, ci prenderà fin dalla prima battuta e ci farà vivere nella tensione dall’inizio della sessione fino alla fine, con match crudi e violenti dove l’obbiettivo sarà uccidere per vincere.

All’inizio del mach non avremo armi, dovremo quindi esplorare l’isola in lungo e in largo e recarci negli edifici abbandonati per trovare risorse e un arsenale rispettabile.
Naturalmente, in The Culling, l’obbiettivo sarà arrivarci prima dei nemici, altrimenti rischieremo di dovere scappare dall’assalto di coloro che ci hanno preceduto e si saranno impossessati delle armi destinate a noi.

Lo scappare in ogni caso rappresenta un elemento molto importante del gameplay visto che non solo dovremo sconfiggere tutti i vari nemici che ci verranno contro, ma anche trovare un sistema per fuggire dall’isola, dato che verrà rilasciato progressivamente un gas che ucciderà tutti gli esseri viventi presenti nelle vicinanze.

The-Culling-05Il gameplay di The Culling ricorda parecchio da vicino ciò che abbiamo visto con Dead Island. L’arsenale in questo caso è molto completo e potremo fare affidamento sia su armi da taglio di vario tipo, come machete e lance, ma anche su arnesi più interessanti come ad esempio martelli di varia foggia, seghe elettriche o dell’utilissimo man tracker che vi segnalerà in maniera precisa e utile tutti i nemici presenti nelle vicinanze.
Potremo anche settare 3 perks per sessione, ovvero 3 oggetti particolari che potranno garantire dei bonus sia a livello d’attacco che di difesa.

La personalizzazione rappresenta un elemento importante nel gioco, dato che potremo sbloccare vari oggetti e potenziamenti che poi potremo vendere e comprare su Steam come accade con Counter Strike.

Il gioco, nonostante sia stato rilasciato in early access, risulta ancora un po’ acerbo dal punto di vista tecnico. C’è ancora da lavorare, soprattutto a livello di eliminazione di fastidiosi bug. Non sono ancora disponibili il personaggio femminile, le nuove modalità, le nuove mappe, i nuovi costumi e molte altre features ma speriamo che verranno implementate presto.

Un gioco che comunque in cooperativa promette molto bene e già da adesso diverte parecchio.

Positivo
  • multiplayer in coop molto divertente
Negativo
  • ancora tanti bug
6
Giusto
Gameplay - 6
Grafica - 7
Longevità - 5
Scritto da
All'inizio era pong, poi c'è stato l'avvento di Wolfestein 3D ed ora Assassin's Creed. Ogni volta che provava un gioco voleva scoprire cosa passava per la testa al team che ci ha lavorato. Appassionato fin da piccolo al mondo dei videogiochi non si stacca mai dal suo gamepad.

Dite la vostra!

0 0