Tekken 7 – Recensione

tekken-7-screenshot 4

Il Torneo del Pugno di Ferro è tornato! Chi trionferà? Tutti questa volta!
Nessuno spoiler, perché con “tutti” si intendono gli appassionati del genere.

Il ritorno della saga di Tekken è sempre un evento, data l’importanza storica di un brand che ha contribuito a rendere PlayStation la console che tutti conosciamo.
Tekken 7 sfrutta appieno la potenza offerta dalle moderne tecnologie, evolvendosi ma mantenendo al tempo stesso i propri tratti fondamentali.
Lo stile di combattimento è fluido e dinamico, e permette di affrontare scontri sempre equilibrati. Anche il plus/minus delle qualità dei personaggi è ben bilanciato, con punti di forza e debolezza che si equivalgono, contribuendo a generare quell’incertezza che renderà avvincenti ogni match, allungando la longevità di gioco. L’Unreal Engine 4 è essenziale nel dare agli scontri la scioltezza necessaria a spettacolarizzare le fasi di lotta, curando i particolari e le interazioni di movimento tranne quelle di Kuma/Panda (Gli appassionati dei due animali troveranno seccanti alcuni piccoli difetti grafici durante gli attacchi con prese). Un giusto connubio tra tecnica e spettacolo che per fortuna non viene perso durante la foga delle battaglie.

tekken-7-screenshot 7
Novità importante sono gli attacchi rage, ovvero attacchi speciali che possono essere utilizzati una sola volta per round e solo quando ci si trova in fin di vita. Si tratta di combo di alto impatto, attivabili però in maniera semplice (solitamente premendo contemporaneamente due tasti). Se usata con saggezza, la modalità rage può pareggiare o addirittura ribaltare una situazione che pareva segnata. Vi è anche un’ulteriore possibilità, costituita dai rage drive, combo più pericolose e dal numero maggiore di danni, ma più difficili da eseguire. I professionisti del genere avranno di che studiare, data anche la vastità del roster.
Persino i personaggi aggiuntivi come Akuma si integrano bene, senza perdere le loro caratteristiche e non andando a snaturare troppo l’essenza di Tekken.
In generale, l’intero combat system gode di aggiunte intelligenti e precise, che non snaturano la natura o lo stile di Tekken, ma anzi, lo rendono soddisfacente a tutti i tipi di giocatore.
Molto interessante è la modalità di gioco battaglia tesoro, una serie di incontri ad oltranza che premia ogni singola vittoria. Completato un match, si otterrà in ricompensa uno o più scrigni, contenenti denaro o personalizzazioni per i propri personaggi. Salendo di livello, si sbloccheranno incontri con avversari speciali, o con regole specifiche (es. danni raddoppiati, match velocizzato o ricompense aumentate).

tekken-7-screenshot 5
Arrivando alle note dolenti di Tekken 7, non si può non parlare della tanto pubblicizzata campagna. La storia che dovrebbe raccontare la resa dei conti finale del clan Mishima, è senza troppi giri di parole debole e patetica. Infarcita da spettacolari sequenze in CG, si alterna a scontri a volte inutili o a poco inerenti allo sviluppo della trama. Non c’è mordente, e l’approfondimento è così approssimativo da non appassionare mai il giocatore. E’ un peccato, perché ormai i principali picchiaduro puntano molto su una story mode completa e dal taglio cinematografico (es. Injustice).
Sarebbe bello parlare anche del comparto online…se ce ne fosse uno. Solo ieri è stata rilasciata da Bandai Namco una patch migliorativa per il matchmaking online (https://www.gamepare.it/la-strana-patch-tekken-7-solo-playstation-4/). Molti utenti si erano lamentati riguardo l’impossibilità di partecipare a scontri in rete (ad oggi ho affrontato solo 2 match, al fronte di innumerevoli tentativi di ricerca). La speranza è che questo aggiornamento possa così sbloccare la possibilità di competere contro altri giocatori.
In conclusione, Tekken 7 è un gioco molto solido sotto quasi tutti gli aspetti. Rispetta e potenzia i suoi tratti caratteristici, evolvendosi al tempo stesso verso gli standard sempre più alti che la comunità richiede.

La recensione di Tekken 7 si basa su esperienza e sensazioni personali scaturite durante la prova prodotto.

Tekken 7
8.2 / 10 Recensione
Gameplay8
Grafica8.5
Longevità8

 

Informazioni su Tommaso Ferraris (Tommy K) 156 Articoli
Il primo amore non si scorda mai, e per Tommy si tratta della prima PlayStation. Cacciatore di trofei, da vent'anni fedele all'unica sua fonte di intrattenimento videoludico. La sua collezione contiene tutte le console Sony (anche in edizione limitata) e diverse centinaia di titoli marcati PS.