News

10 videogiochi del 2015 che (forse) non avete mai sentito

Ogni anno parecchi titoli di videogiochi vengono rilasciati per farci divertire su qualsiasi piattaforma. A volte però non è facile stare dietro a tutte le uscire perdendoci dei videogiochi potenzialmente divertenti, ma a volte sconosciuti.

In questo articolo scopriremo i videogiochi del 2015 che a noi della redazione di Gamepare ci hanno divertito a poco prezzo. […] Continua

News

Drago d’Oro 2016: tutti i dettagli sulla serata di premiazione

Manca soltanto una settimana per scoprire quali saranno i titoli vincitori del Drago d’Oro 2016, il Premio Italiano del Videogioco nato per celebrare e promuovere il valore artistico e culturale del medium. Un evento promosso da AESVI, l’Associazione di categoria dell’industria videoludica in Italia.

La cerimonia di premiazione del Drago d’Oro avrà luogo a Roma il 9 marzo dalle 18.30, presso il Tempio di Adriano. Condurrà la serata un frizzante e dinamico duo composto da Francesco Facchinetti e Tess Masazza. Saranno loro a proclamare il titolo che conquisterà il premio Videogioco dell’Anno, ambito da dieci tra i più apprezzati videogiochi del 2015: Batman: Arkham Knight, Bloodborne, Fallout 4, Her Story, Life is Strange, Metal Gear Solid V: The Phantom Pain, Ori and the Blind Forest, Rise of the Tomb Raider, Splatoon e The Witcher 3: Wild Hunt.

Tra intermezzi di puro svago, messaggi video e altre sorprese, verranno chiamati sul palco i vincitori di tutte le categorie: Miglior App, Miglior Colonna Sonora, Miglior Gameplay, Miglior Grafica, Miglior Personaggio, Miglior Sceneggiatura, Miglior Videogioco di Azione/Avventura, Miglior Videogioco di Corse, Miglior Videogioco di Ruolo, Miglior Videogioco di Strategia, Miglior Videogioco Indie, Miglior Videogioco per la Famiglia, Miglior Videogioco Platform, Miglior Videogioco Sparatutto, Miglior Videogioco Sportivo nonché il Videogioco più Innovativo, il Videogioco più Venduto. Anche i titoli in concorso per il Drago d’Oro Italiano, la sezione dedicata ai videogiochi prodotti dagli studi di sviluppo nostrani, vivranno il loro momento di gloria, che culminerà con la premiazione del Miglior Videogioco Italiano.

Accanto a questi premi, assegnati da una Giuria composta da giornalisti di alcune delle principali testate d’informazione e della stampa specializzata, ne verrà assegnato un altro ugualmente importante, ovvero il Premio Speciale del Pubblico. Votabile da tutti i videogiocatori attraverso il sito del Premio fino ai momenti immediatamente precedenti alla conclusione della serata, vedrà il vincitore annunciato in diretta, decretando qual è il titolo del 2015 più amato dagli italiani. Il pubblico avrà l’opportunità di scoprire questo e tutti gli altri vincitori in tempo reale seguendo la diretta streaming sul sito del Premio, e sui siti e le testate che verranno annunciate sulla pagina Facebook ufficiale del Premio Drago d’Oro.

A rendere questa già eccezionale serata videoludica ancora più speciale ci penserà un importante ospite d’onore, direttamente dallo studio di sviluppo polacco CD PROJEKT RED: Konrad Tomaszkiewicz, Game Director di The Witcher 3: Wild Hunt – titolo basato sui romanzi del celebre scrittore Andrzej Sapkowski e in gara per le categorie Videogioco dell’Anno, Miglior Colonna Sonora, Miglior Grafica, Miglior Personaggio, Miglior Sceneggiatura, Miglior Videogioco di Ruolo e Premio Speciale del Pubblico.

Partner del Drago d’Oro 2016: Radio Deejay, radio ufficiale, Unieuro, partner retail, Ford, main partner. Per maggiori informazioni è possibile visitare il sito del Drago d’Oro: www.premiodragodoro.it. […] Continua

News

Ori and the Blind Forest Ori and the Blind Forest – Recensione

Recensione – Con Ori and the Blind Forest, Mood Studios è riuscita a creare qualcosa di davvero molto speciale, un gioco che prima o poi tutti i possessori di una Xbox dovrebbero sperimentare. Questo titolo, attualmente in esclusiva per Xbox One, potrebbe in futuro approdare anche alla Xbox 360.

La storia, che non vi voglio rovinare, non poteva essere più triste, resa ancora più emozionante dal modo in cui il team di sviluppo Moon Studios ha strutturato la narrazione. Definirlo “cinematografico” è veramente poco: vi sembrerà di vedere uno dei migliori film di animazione Disney.

Si gioca la storia nei panni di Ori, uno spirito, o più precisamente, una semplice foglia di luce, la cui casa è un albero particolare che dà vita all’intera foresta. Purtroppo, ad un certo punto una folata di vento lo trascina via, portandolo lontano da casa sua. Ori si ritrova da solo in un luogo a lui sconosciuto, dove per fortuna incontra Naru, una strana creatura che deciderà di prendersi cura di lui, crescendolo e proteggendolo da tutto, come se fosse suo figlio.

Sarete guidati da una luce di nome Sein, che servirà anche come potere di attacco. L’obiettivo è trovare un modo per ripristinare la foresta ritrovando i tre elementi: acqua, vento e fuoco. Incontreremo un gran numero di diversi ostacoli e nemici sul nostro cammino, lungo la strada che intraprenderemo per risolvere il problema. La difficoltà del gioco è ben bilanciata, rendendo Ori perfetto sia per i giocatori più casual che quelli hardcore.

Come accennato prima, Ori è accompagnato da Sein, il quale di fatto ci permette di utilizzare l’energia della luce. Quest’ultima è rappresentata da sfere verdi che indicano la salute del nostro personaggio, e da sfere blu che ci permettono di utilizzare attacchi speciali, di creare punti di salvataggio e di aprire alcune porte specifiche. Il tutto è ulteriormente rafforzato dalla sfere arancioni che permettono ad Ori di accumulare esperienza e sbloccare potenziamenti di vario tipo .

Ori and the Blind Forest ci porta in un mondo abbastanza grande da esplorare, in una terra gigantesca. Il gameplay è stato sviluppato davvero bene, senza mai presentare schermate di caricamento tra le aree. Potremo volare, nuotare in profondità, scalare le montagne e gli alberi. All’inizio avremo a disposizione solo i comandi base di tutti i platform, ma con il susseguirsi della storia andremo veramente a evolvere Ori, che successivamente potrà accedere alle aree off limits, grazie all’utilizzo di nuove abilità.

Ori and the Blind Forest è un platform puzzle avventura in 2D; ma non fatevi ingannare dalle 2 dimensioni, perché la qualità grafica di questo titolo è veramente alta e ricca di particolari e le immagini di gioco vi meraviglieranno lungo tutta la sua durata. I colori vivaci rendono ancora più sorprendente gli intricati dettagli sugli sfondi, mentre i nemici e gli altri simpatici personaggi che si incontrano lungo la strada vi impressioneranno sempre di più. Da vulcani di fuoco alle profonde grotte sottomarine, ogni elemento brilla e rende sempre di più di quello precedente. Le zone della foresta sono qualcosa di fantastico. Il level design è davvero alto, in quanto ogni oggetto, leva o ostacolo è creato davvero alla perfezione, dando al giocatore la sensazione che tutto sia a portata di mano.

Questo meraviglioso platform utilizza il motore Unity e su Xbox One gira a 1080p e 60fps, una velocità che porta le animazioni e la fluidità di gioco veramente al massimo.

Ori and the Blind Forest è un gioco che può essere giocato da chiunque. La storia è semplice e affascinante da seguire, e vi prenderà il cuore lungo l’avventura. È un gioco che vi terrà incollati allo schermo, per giocare ed esplorare fino a notte fonda, e con il quale non vi pentirete di aver sacrificato qualche ora di sonno. In realtà, è difficile trovare qualche difetto in Ori, se non lo stile di combattimento un po’ troppo semplificato e la gestione dei salvataggi che potrebbe non essere particolarmente gradita. Se acquisterete Ori and the Blind Forest, non rimarrete delusi nello spendere una piccola quantità denaro per un gioco che lascerà veramente il segno. […] Continua