Star Wars Battlefront II: la nostra prova della beta per PlayStation 4

Star-Wars-Battlefront-2

Durante la scorsa settimana, abbiamo avuto modo di testare la open beta di Star Wars Battlefront II. Ecco le nostre impressioni.
Se avete giocato al primo Battlefront, noterete immediatamente le grosse novità a livello grafico e sonoro fatte da DICE.
Già nel reboot del 2015, la qualità sonora era spiccata particolarmente alle orecchie dei fan. La fedeltà nella riproduzione dei suoni di mezzi e armamenti o la colonna sonora direttamente presa dai film di Lucas, aggiunti al minuzioso foto-realismo delle ambientazioni contribuiscono ad immergere il giocatore nell’esperienza di Guerre Stellari.
Dopo un breve video tratto dalla campagna e un tutorial in modalità arcade, dove abbiamo potuto imparare i comandi in co-op locale o in singolo contro il computer, solo tre modalità erano disponibili all’utilizzo in multiplayer online: strike, galactic assault e starfighter assault.
In strike, abbiamo giocato in un deathmacth a squadre volto alla conquista della zona avversaria, impersonando i droidi o la difesa reale. Il pianeta era quello di Naboo, e l’oggetto del contendere la sala del trono.
Galactic assault , simile a strike, e invece il classico match di eliminazione a tempo. Sul pianeta Takodana (quello di Maz Kanata in episodio VII) assaltatori del Primo Ordine e Ribelli si sono sfidati in una mortale gara all’ultima kill, ma la particolare conformità della mappa (di dimensione ridotte e più labirintica) ha dato un ritmo più frenetico all’azione.
Quattro diverse classi di soldato renderanno l’esperienza ancora più coinvolgente. Si tratta di assalto, pesante, ufficiale e specialista. Le prime due sono le classiche classi standard di fanteria. Variano solo armamento e scudi. Ufficiale invece, può ripristinare la salute della squadra o potenziare le skills d’attacco mentre specialista porterà sul campo la copertura necessaria grazie ai cecchini o localizzando i bersagli col binocolo termico. Il gunplay è stato notevolmente potenziato. La maggior precisione dei colpi garantirà maggiore soddisfazione (almeno dalla parte di chi spara) assieme a un rinnovato minigame per il raffreddamento dell’aria, mentre a livello difensivo sono stati inseriti un meccanismo di schivata-copertura e un rinnovato sistema di colpi dalla lunga gittata.

Concludendo con la modalità Starfighter Assault, i giocatori hanno finalmente potuto sperimentare i nuovi comandi di volo. Oggetto di critiche da una piccola parte della comunità, le carenze sul volo sono state sistemate ed addirittura implementate. Utilizzando adesso entrambi gli stick analogici, le possibilità di muovere la propria nave si estendono a tutte le direzioni possibili. Assente la virata automatica, che passa anch’essa ai comandi manuali, mentre i tempi di mira e aggancio di bersagli si sono ridotti. Sarà necessario impratichirsi parecchio, soprattutto per chi era abituato ai vecchi comandi. Anche qui, oltre al tradizionale deathmatch, fa la sua comparsa una versione “spaziale” di strike. L’eliminazione (o la difesa) di bersagli intermedi, come scudi o navi ammiraglie, permetterà l’accesso alle fasi successive della competizione. Le navi disponibili superano le venti unità, e si suddividono in classi predefinite, quali caccia, intercettatore e bombardiere. Ognuna delle classi ha qualità uniche, e starà al gusto del giocatore come utilizzarle al momento opportuno (è ovvio che un X-wing sia più indicato per  annientare le fila imperiali, mentre l’armamento e la rapidità di un intercettore TIE siano più indicati per una durata più lunga sul campo di battaglia).

Tutte le classi (a terra e in volo) possono essere potenziate con il vecchio sistema delle carte stellari.
Anche questa parte ha subito un miglioramento non necessariamente positivo. Se prima si potevano sbloccare attraverso prestazioni e punti cumulati, ora è tutto lasciato al caso. Andando avanti nel gioco i sbloccheranno delle loot boxes, contenenti tre carte stellari. Divise per grado di rarità, potranno essere anche potenziate, andando a implementare le specifiche qualità di eroi, mezzi, classi e armamenti.
Che si profili la piaga delle microtransazioni? Speriamo di no…

Ultimi, ma non per importanza, gli eroi. Avendo provato solo alcuni canonici personaggi della saga (come Darth Maul o Han Solo) e le loro navi (due parole: Millenium Falcon), abbiamo subito notato il cambiamento nella selzione degli eroi. Non più una fortunata e casuale comparsa di “gettoni-eroe” in battaglia, quanto un severo sblocco attraverso le abilità in partita. Il numero di punti accumulati con il nostro rendimento, infatti, sbloccherà la possibilità di trasformare il nostro soldato o nave in eroe. Sempre che qualcun altro non  l’abbia già fatto… Fortunatamente, la revisione dei punti salute degli eroi permetterà un riciclo costante, darà la possibilità a tutti i giocatori virtuosi di cimentarsi nei panni di un jedi (effettivamente, era abbastanza complesso abbattere un eroe nel primo Battlefront).
Trattandosi di una beta, ancora incompleta, appare chiaro come ancora alcuni aspetti vadano ancora sistemati, ma la base di partenza del primo Battlefront e l’hype che accompagna ogni gioco di Star Wars promettono già di garantire parecchie ore sulla galassia “lontana lontana”.

L’uscita di Star Wars Battlefront II è prevista per il 17 Novembre 2017.

Informazioni su Tommaso Ferraris (Tommy K) 152 Articoli
Il primo amore non si scorda mai, e per Tommy si tratta della prima PlayStation. Cacciatore di trofei, da vent'anni fedele all'unica sua fonte di intrattenimento videoludico. La sua collezione contiene tutte le console Sony (anche in edizione limitata) e diverse centinaia di titoli marcati PS.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*