Follow
Gamepare > Home > Recensioni > SoulCalibur VI – Recensione

SoulCalibur VI – Recensione

Bentornati sul palcoscenico della storia. A sei anni di distanza dal capitolo precedente torna finalmente SoulCalibur con la sua sesta iterazione, picchiaduro che da sempre si è distinto per alcune particolarità che lo rendono unico nel panorama del genere, quali l’utilizzo delle armi da parte dei combattenti e la possibilità di muoversi in completa libertà nello spazio tridimensionale.

Questo nuovo capitolo offre molto sia all’appassionato di
vecchia data, sia al neofita che si avvicina alla serie per la prima volta e
rappresenta un ottimo punto di incontro fra il giocatore più interessato
all’esperienza personale e alle opzioni in singolo e il giocatore competitivo
interessato a comprendere tutte le finezze e migliorare il proprio punteggio
online abbattendo avversario dopo avversario.

Storia di anime

Il roster di SoulCalibur VI è composto da 22 personaggi, di cui uno DLC incluso nel season pass e un personaggio sbloccabile giocando. Un numero che di certo non impressiona, tuttavia resta rispettabile e riesce a includere la maggioranza dei personaggi iconici della serie, portando così solo un paio di gradite nuove aggiunte.
Ogni personaggio è realizzato con ottima cura e chi segue la serie saprà rapidamente riconoscere le mosse dei propri preferiti, che pur restando familiari hanno comunque ricevuto miglioramenti e revisioni per mantenere il gioco fresco e nuovo.
La presenza di Geralt dalla serie “The Witcher” è estremamente gradita e il personaggio è realizzato con estrema cura, andando quindi a soddisfare sia i fan dello strigo. Il personaggio si adatta inoltre estremamente bene all’ambientazione di Soul Calibur, amalgamandosi alla perfezione con lo stile del gioco Namco Bandai.

Oltre a questi 22 abbiamo poi la possibilità di andare a creare una moltitudine di personaggi originali grazie all’editor incluso nel gioco, ormai diventato un simbolo della serie.
I nuovi personaggi non potranno avvalersi di nuovi set di mosse, ma dovranno andare a scegliere quale fra i personaggi principale andare a mimare.
Parlando dell’editor, è sicuramente stato migliorato rispetto ai capitoli precedenti in termini di possibilità che ci offre, permettendoci persino di scegliere la razza del proprio personaggio non limitandolo ad essere un umano ma espandendo la selezione a figure iconiche come uomini lucertola e malfestati.
Tuttavia a questo avanzamento tecnico dell’editor segue anche una riduzione massiccia degli elementi a nostra disposizione per andare a modificare i personaggi, molti oggetti sono riportati direttamente dal capitolo precedente mentre altri appartengono proprio ai personaggi originali inclusi in Soul Calibur 6, dando quindi un tasso di varietà buono ma decisamente migliorabile.

Possiamo consolarci sapendo che con il season pass avremo presto a disposizione un totale di cento nuovi oggetti per la creazione personaggio, sicuramente aggiunta gradita, ma che non è una scusante per la scarsità presente al momento del lancio.

Nonostante questo difetto l’editor resta soddisfacente oltre
ad essere una feature unica nel mondo dei picchiaduro.

Storia di spade

Passiamo quindi alle modalità in cui potremo cimentarci
nelle prodezze di questi personaggi.

Per giocatore singolo abbiamo diverse opzioni: oltre alla classica modalità arcade sempre gradita questa volta Namco Bandai ci propone ben due modi di vivere le vicende delle spade leggendarie Soul Edge e SoulCalibur.

Nella modalità Cronache dell’anima abbiamo sia quella che viene presentata come la trama principale del titolo, che di fatto ripercorre eventi già visti in Soul Calibur 2 ma conditi con approfondimenti ed extra molto graditi, che aiutano a conoscere meglio i personaggi, il gioco si colloca infatti nella timeline della serie fra il primo e il secondo episodio.

In questa prima parte prenderemo i panni di diversi
personaggi per andare a vedere le vicende che li porteranno a confrontarsi con
Soul Edge.

Successivamente potremo osservare la storia personale di ogni personaggio presente nel titolo, Geralt e Tira inlcusi, per scoprire le motivazioni e desideri di ognuno.
Approfondimenti molto piacevoli e graditi, che aiutano a dar vita ai personaggi, permettendoci quindi di affezionarci maggiormente a loro.
Tuttavia per quanto il potenziale delle vicende sia elevato, sia la storia principale che quelle personali dei diversi personaggi soffrono da una narrazione singhiozzante e poco ispirata, oserei dire tipica di Namco Bandai, piena di cliché e frasi fatte che sarebbero stati facilmente evitabili con una scrittura più accorta. C’è inoltre grande povertà di cutscenes e per la narrazione della storia si ha preferito ricorrere a diverse linee di testo e immagini immobili, che in se avrebbero potuto funzionare bene, ma dato il livello piuttosto basso della qualità narrativa il più delle volte servono solo ad allungare un brodo non poi tanto saporito.

Bizzarro il contrasto tra quantità di scene e qualità delle stesse, verrebbe infatti da pensare che il tutto sia stato un po’ snobbato e inserito per riempire potenziali vuoti dando ai giocatori qualcosa da fare anche offline, tuttavia la mole di testo contrasta molto questa sensazione. Indipendentemente dalla ragione, se di mancanza di budget o di talento, sta di fatto che le potenzialità della trama di Soul Calibur avrebbero meritato una narrazione più curata e al passo coi tempi.

In SoulCalibur VI passando alla seconda modalità in singolo abbiamo la Bilancia dell’Anima, una modalità che presenta diverse idee parecchio interessanti.
Anzitutto andremo a creare il nostro personaggio, protagonista di questa storia che va a intrecciarsi con quelle degli altri personaggi e delle spade.
Con lui andremo a affrontare diverse missioni, molte delle quali rivedono la formula tipica dei picchiaduro inserendo qualche elemento di disturbo, come pavimento scivoloso, o cambiando le carte in tavola, ad esempio con nemici vulnerabili solo ai calci.
Abbiamo sia missioni che fanno avanzare la trama principale, sia missioni secondarie che potremo raggiungere girando sulla mappa di gioco e spendendo denaro per simulare i nostri viaggi.
Spesso avremo inoltre scelte da fare che cambieranno il destino e le attitudini del nostro personaggio, oltre ad aprirci nuove missioni e differenti sbocchi.
Proseguendo per le missioni il nostro personaggio aumenterà il proprio livello e migliorerà il proprio equipaggiamento in modo simile ad un gioco di ruolo, aggiunta che sicuramente aiuta ad aumentare il numero di cose da fare, ma della quale la modalità avrebbe potuto tranquillamente fare a meno.

L’idea ricorda molto modalità già viste in passato nei
titoli precedenti, ma è innovata da una maggiore libertà e personalizzazione.
Nel complesso è decisamente un’aggiunta gradita e di spessore, che ci permette
di dare uno scopo al tempo speso nella creazione personaggio, al di là delle
sfide online e in locale.
Nel complesso è una modalità solida e gradevole che tuttavia potrebbe
decisamente venir migliorata in eventuali versioni future.
Soffre a sua volta di carenze narrative piuttosto deludenti, ma risultano più
facilmente perdonabili e meno fastidiose.

Combattenti in tutto il mondo

Molti potrebbero non interessarsi affatto a tutto questo e dedicarsi direttamente alle sfide online.
Son felice di poter dire che il comparto online funziona bene e anche con connessioni piuttosto deboli le partite risultano almeno giocabili. Inoltre se si accetta una rivincita il gioco non dovrà ricaricare la partita una seconda volta, come accade in Tekken 7, ma sarà subito pronto a partire.

Gradevole la possibilità di aspettare una partita anche
nella modalità allenamento, in modo da rendere le tutto sommato brevi attese
meno tediose.

E’ presto per parlare di bilanciamento dei personaggi, maper il momento sembra che il team di Motohiro Okubo e Michinori Ozawa abbia fatto un ottimo lavoro.

I personaggi sono stati resi più semplici da imparare,
grazie ad alcuni capisaldi che si possono riscontrare nelle mosse di ognuno
rendendoli più veloci da comprendere.
Questo senza però togliere profondità di gioco, ma anzi mantenendo il numero di
opzioni elevato e la profondità gratificante. In questo modo il titolo si
adatta molto bene ai neofiti pur offrendo un succulento pasto anche ai
veterani.

Diverse sono le meccaniche storiche della serie a fare ritorno, in primis la parata a impatto torna ad essere slegata dalla barra per le super, scelta che ha reso felici molti fan.
Abbiamo però anche numerose nuove meccaniche, come la Carica dell’Anima, uno stato di potenziamento di durata limitata che renderà i nostri attacchi estremamente pericolosi, e il Taglio Invertito, che ci permettono di difenderci da ogni attacco per poi contrattaccare e andare a sfidarci in un “sasso, carta,forbice” con l’avversario.

Nel complesso il gameplay e il sistema di gioco sono agli apici della serie, in grado anche di rivaleggiare con lo storico numero uno riconosciuto dai più in SoulCalibur II.

L’arte e la sua parte

Passando al comparto grafico, la serie ha da sempre eccelso
in questo ambito, mostrando muscoli molto avanti a quelli dei propri
competitor, in questo caso però sembra si sia scelto di non puntar troppo sulla
forza della grafica.
Resta un gioco molto bello all’occhio e la cura nei dettagli è decisamente
visibile, i personaggi sono più belli che mai e realizzati con una cura ottima,
tuttavia anche se non si tratta di nulla di impressionante resta un risultato
soddisfacente e di buon livello.
Curioso l’utilizzo di fondale fuori fuoco, questo aiuta molto l’occhio a
focalizzarsi sui combattenti e riesce a dare un look più cinematografico allo
scontro, avendo inoltre l’effetto aggiuntivo di rendere il gioco più snello
graficamente.

Per quanto concerne invece il sonoro abbiamo musiche degne
di ciò a cui la serie ciò ha abituati, mantenendo alta la qualità e regalandoci
tracce memorabili, oltre a sentire ritorni storici molto apprezzati.
Gli effetti mantengono lo stesso livello qualitativo, rendendo il gioco non
solo bello da sentire ma aiutando a rendere le situazioni più leggibili e
chiare.
I personaggi infine mantengono l’ottimo doppiaggio che caratterizza la serie,
urlandosi in faccia provocazioni e insulti dall’inizio alla fine dello scontro
riescono a mostrare carattere e a divertire.

Per concludere si tratta di un titolo che ha certamente le sue pecche, ma riesce in ciò che è fondamentale aggiungendo anche una spruzzata di pepe per ravvivare il tutto.
Per i veterani è un colpo sicuro, ha tutto ciò che si può desiderare da un nuovo SoulCalibur, per chi è neofita e si interessa alla serie per la prima volta è indubbiamente il titolo perfetto con cui cominciare grazie ad una grande accessibilità e buoni contenuti per giocatore singolo.

La recensione di  SoulCalibur VI si basa su esperienza e sensazioni personali scaturite durante la prova prodotto.

Positivo
  • Ottimo roster di 22 personaggi
  • Perfetto in single player
  • Comparto grafico ottimale
Negativo
  • Tyra perché non sei subito disponibile?
8
Grande
Gameplay - 8
Grafica - 7
Longevità - 9
Scritto da
Michele inizia a giocare grazie al NES. Nel tempo ha potuto maturare una buona conoscenza videoludica che spazia in molti ambiti, merito della varietà di titoli giocati. Appassionato principalmente di Action e Picchiaduro è cresciuto con numerosi platform e gdr a fargli compagnia. Fa parte da qualche anno della comunity competitiva italiana di Super Smash Bros.

Dite la vostra!

1 0

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi HTML tag e gli attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>