Snake Pass – Recensione

Il team Sumo Digital ha voluto cimentarsi in una sfida molto interessante per tutti gli amanti del mondo videoludico, ossia provare a dare vita a un platform vecchia scuola che ricordasse le atmosfere dei titoli Rare alla Banjo e Kazooje.
Un progetto velleitario, senza dubbio, specialmente per un gruppo di sviluppatori come i ragazzi di Sumo Digital che si sono sempre dedicati ad altro, regalandoci perle come Broken Sword: L’angelo della morte, Virtua Tennis 3, LittleBigPlanet 3 o Forza Horizon 2, solo per citarne alcuni. Vediamo però come si sono comportati con queste atmosfere da Nintendo 64.

Snake Pass appena lo si avvia si butta a capofitto nell’azione con la sua grafica in stile cartone animato dai colori accesissimi. Potremo fare anche immediatamente confidenza con il sistema di comandi, molto basilare, che ci permetterà di muovere al meglio il nostro personaggio all’interno dei variopinti scenari.
Il gameplay infatti, grazie anche alle peculiarità del protagonista, è molto immediato e istantaneo da capire quasi si trattasse di una sorta di riedizione, molto ben fatta, del vecchio Snake per cellulari Nokia.

In Snake Pass avremo il controllo di Noodle, un serpentone che deve trovare tre pietre preziose per aprire l’ingresso al livello successivo.
Dovremo quindi essere in grado di guidare Noodle ovunque, strisciando, guardandoci attorno e arrampicandoci per quanto possibile.

Il motore di gioco è piuttosto performante dato che il feeling con Noodle è totale. Ci troveremo a girovagare per i livelli utilizzando le spire del nostro amico serpente per rimanere aggrappati ai vari appigli che ci offrirà l’ambiente che ci circonda, il tutto realizzato con un buon senso della fisica, nonostante si parli di un platform molto fantasioso.
Dovremo bilanciare sempre il nostro lunghissimo corpo, ad esempio, per salire sui gradini di una scalinata oppure raggiungere monete in luoghi molto “districati”. Il grado di sfida consiste proprio in questo e dovremo quindi dosare sapientemente la pressione sui tasti del Gamepad per direzionare Noodle e nel contempo alzare la testa e avere grip con le nostre spire da boa. Ad aiutarci nei nostri spostamenti c’è anche Doodle, ossia un piccolo colibrì che, a richiesta, potrà alzarci la punta della coda per farci trovare un equilibrio.

Snake Pass ha tutte le caratteristiche per essere un platform alternativo, divertente e spensierato; infatti non dovremo badare a vite o alzare il nostro livello per essere più potenti. Il fulcro di tutto è esplorare i livelli da cima a fondo per trovare, oltre alle gemme, anche altri collezionabili come le venti gocce d’acqua e le 5 monete d’oro. Passati i vari checkpoint manterremo anche tutti gli oggetti raccolti in caso di morte del nostro amico “strisciante”.

Il level design è degno di nota anche se inizialmente potrebbe sembrare molto complicato, ma con una dose giusta di pazienza e esperienza arriverà ad essere tutto molto più semplice. Certo inizialmente gli spostamenti, anche quelli più banali, potranno risultare frustranti ma passate le prime fasi c’è molto da divertirsi. Ci si impiegherà un po’ a capire che Noodle non ha due gambe e quindi non può saltare, ma il gioco è punitivo solo quando ci dimenticheremo di questi elementi. Ripetiamo che la curva di apprendimento è stata ben calibrata dagli sviluppatori e che perciò si imparerà progressivamente a gestire i controlli con efficacia.

I livelli in totale sono quindici per quattro mondi differenti e capiremo presto che ogni trovata e ogni elemento dello scenario può avere importanza nelle dinamiche di tale gameplay.

Buono il comparto tecnico, soprattutto per ciò che concerne la grafica brillante e cartoonosa e la fluidità del protagonista quando in movimento. La colonna sonora sembra essere presa da uno dei grandi classici del passato, grazie al tocco del grande David Wise.
Un buon prodotto che dosa sapientemente ragionamento da puzzle game e movimenti e atmosfere da platform. Un po’ difficile all’inizio ma se avrete un po’ di pazienza vi conquisterà.

 

La recensione di Snake Pass si basa su esperienza e sensazioni personali scaturite durante la prova prodotto.

Informazioni su Andrea R. 1976 Articoli
All'inizio era pong, poi c'è stato l'avvento di Wolfestein 3D ed ora Assassin's Creed. Ogni volta che provava un gioco voleva scoprire cosa passava per la testa al team che ci ha lavorato. Appassionato fin da piccolo al mondo dei videogiochi non si stacca mai dal suo gamepad.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*