Follow
Gamepare > Home > Recensioni > Recensione PS4 > Shadow of The Tomb Raider – Recensione

Shadow of The Tomb Raider – Recensione

Diciamo la verità: da quando Square Enix e Crystal Dynamics hanno preso in mano la creazione di Tomb Raider nell’universo Survivor, Lara Croft è completamente rinata, quasi come fosse un nuovo personaggio.

Con Shadow of The Tomb Raider si dovrebbe concludere la trilogia dei capitoli che ha reso Lara più pragmatica e pensierosa, portandoci nei meandri della sua vita. In quest’ultimo episodio troviamo tutte le dinamiche dei precedenti 2 capitoli, in aggiunta ad alcune novità che scopriremo insieme.

Avviando Shadow of The Tomb Raider, ci troveremo in volo sopra le lande peruviane, con Jonah al nostro fianco; ben presto però l’aereo inizierà a precipitare, per poi spezzarsi in due. A questo punto un flashback ci riporterà a ciò che era successo pochi giorni prima.

Inizieremo così il gioco vero e proprio nelle grotte messicane mentre ci accingiamo a recuperare un antico manufatto Maya. Giunti davanti al manufatto (un pugnale) lo recupereremo e, leggendo alcune iscrizioni scolpite nelle rocce circostanti, scopriremo una maledizione che cela terremoti, maremoti, eruzioni vulcaniche e altri disastri naturali.

Shadow of the Tomb Raider

In questo capitolo ci ritroviamo avvolti da una trama molto dettagliata e intrigante con Lara pronta ad essere spietata e assassina più che mai. Un’evoluzione nel comportamento che si potrà notare facilmente se avete giocato i precedenti due capitoli della serie, Tomb Raider e Rise of Tomb Raider.

Ma torniamo a Shadow of The Tomb Raider: in questo titolo viaggeremo in luoghi dell’America latina tra Messico e Perù sulle tracce delle civilità e delle mitologie Maya e Inca. Si tratta di ambientazioni ultra dettagliate che vi immergeranno in un vero e proprio film d’avventura e azione.

Shadow of the Tomb Raider

Scopriremo via via che il titolo per essere apprezzato a pieno dovrà essere giocato per la totalità dei suoi obiettivi, perché ogni punto del gioco, compresi gli incarichi secondari, costituisce un vero e proprio completamento dell’avventura, che merita di essere apprezzata in ogni minimo particolare.

Durante il gameplay gestiremo una Lara più Stealth che mai. Avremo per esempio la possibilità di mimetizzarci cospargendo Lara di fango, utilizzare il fogliame per effettuare attacchi a sorpresa e, come sempre, arrampicarsi su alberi per scoccare frecce avvelenate o impiccare qualcuno con una corda.

In questo capitolo ci troveremo spesso in lunghi cunicoli e in apnea per trovare qualcosa, per poi risolvere puzzle molto curati e elaborati che daranno all’avventura le vere sembianze di Lara Croft in Tomb Raider l’avventuriera.

Shadow of the Tomb Raider

Le mappe di gioco saranno esplorabili liberamente, con tante cose da scoprire e da effettuare. Fra queste rientra l’esplorazione delle tombe. Le tombe da scoprire sono 9 in tutto, ma sono davvero vaste e piene di segreti da svelare. Le ambientazioni si integrano perfettamente fra loro, portando alla costruzione di un’avventura in pieno stile Indiana Jones.

Proseguendo recupereremo importanti punti per lo skill tree, invariato rispetto ai precedenti capitoli, ma con un miglioramento grafico e un crafting molto più approfondito.

Nuovi strumenti includono il coltello di fortuna, e la capacità di Lara di diventerà tutt’uno con la giungla e utilizzare la paura in combattimento per eliminare gli avversari mentre si precipita a fermare l’Apocalisse Maya.

Il comparto grafico è davvero ottimo e, con le musiche e gli effetti che accompagneranno ogni nostra azione, saprà immergere il giocatore nelle ambientazioni e nelle foreste dell’amazzonia in modo veramente realistico. Il perfetto doppiaggio in italiano regala poi emozioni uniche. Dal punto di vista grafico Eidos Montreal ha fatto un ottimo lavoro utilizzando la base del motore grafico Foundation Engine sviluppato da Crystal Dynamics e spingendolo al punto giusto per poter creare ambientazioni stupefacenti e panorami mozzafiato. Inoltre, le varie scene di intermezzo vi rimarranno talmente impresse da rendere Shadow of The Tomb Raider un vero e proprio film cinematografico.

Gli effetti visivi saranno più marcati se si utilizza una scheda grafica NVIDIA che supporta il ray tracing.

Shadow of the Tomb Raider 01In conclusione, il gioco ha un comparto talmente vasto da rendere imperdibile l’acquisto per i fan della serie. La durata del gioco è discreta, visto che giocando solo la campagna principale lo finiremo in circa 10 ore, ma consigliamo vivamente di completare anche gli obiettivi secondari per godersi a pieno il gioco e scoprire di più riguardo alla trama. Attendiamo poi il fatidico DLC per il gioco in co-op e altri nuovi add-on che usciranno in futuro per questo capitolo finale della serie, in cui Lara avrà molte delle risposte che cercava da tempo.

La recensione di Shadow of The Tomb Raider si basa su esperienza e sensazioni personali scaturite durante la prova prodotto.

Positivo
  • Grafica e sonoro perfetti
  • Level design perfetto
  • Ottimo stealth
Negativo
  • Manca di qualcosa nella narrazione
  • La storia principale dura poco
8.3
Grande
Gameplay - 8
Grafica - 9
Longevità - 8
Scritto da
All'inizio era pong, poi c'è stato l'avvento di Wolfestein 3D ed ora Assassin's Creed. Ogni volta che provava un gioco voleva scoprire cosa passava per la testa al team che ci ha lavorato. Appassionato fin da piccolo al mondo dei videogiochi non si stacca mai dal suo gamepad.

Dite la vostra!

1 0

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi HTML tag e gli attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>