Scopriamo i retroscena di Trine 4: The Nightmare Prince nel nuovo video sviluppo

Trine 4: The Nightmare Prince

Il publisher Modus Games si unisce all’autore, al direttore artistico e al vicepresidente di Frozenbyte per parlare dei retroscena, della grafica e della storia di Trine 4: The Nightmare Prince nell’ultimo video Modus Indie Access.

Guarda i video esclusivi direttamente da Frozenbyte Studio, scopri la storia della serie di Trine e tutto ciò che ha ispirato la direzione artistica di Trine 4 e le ambientazioni di Trine 4: The Nightmare Prince, in arrivo su Nintendo Switch, PlayStation 4, Xbox One e PC l’8 ottobre 2019.

Nel video vedrai i concept art dei diversi giochi della serie Trine e le creazioni a cui stanno lavorando gli artisti nello studio, darai uno sguardo a due battaglie contro i boss di Trine 4 e scoprirai la flora e la fauna finlandesi che hanno ispirato l’ultimo capitolo di Trine. Ispirandosi alla meravigliosa natura della Finlandia. Trine 4: The Nightmare Prince, con le sue ambientazioni rigogliose, garantisce un’incantevole gamma di viste mozzafiato. Tuttavia, la bellezza di queste terre piene di vita è minacciata delle evocazioni del principe Selius, che diffondono l’oscurità e riempiono tutto con la loro minacciosa presenza dalle funeste tinte violacee.

Trine 4: The Nightmare Prince segna il ritorno della serie alle sue radici di platform a scorrimento orizzontale ed è il primo capitolo in grado di supportare squadre di quattro giocatori e  cambiare i rompicapi a seconda del numero di membri della squadra. Gli avventurieri possono tuffarsi nell’ultimo capitolo della serie già dal giorno dell’uscita, oppure possono immergersi nella storia completa scegliendo Trine: Ultimate Collection, anch’esso in uscita l’8 ottobre, che include Trine Enchanted Edition, Trine 2: Complete Story, Trine 3: The Artifacts of PowerTrine 4: The Nightmare Prince.

 

Informazioni su Andrea Raso (Andrea West) 2505 Articoli
All'inizio era pong, poi c'è stato l'avvento di Wolfestein 3D ed ora Assassin's Creed. Ogni volta che provava un gioco voleva scoprire cosa passava per la testa al team che ci ha lavorato. Appassionato fin da piccolo al mondo dei videogiochi non si stacca mai dal suo gamepad.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*