Satoru Iwata, grazie per aver aiutato Nintendo a crescere

Successore dell’ex presidente di Nintendo Hiroshi Yamauchi, Satoru Iwata, nel 2002 diventa presidente di Nintendo, dove in quell’anno non navigava in bellissime acque, grazie al non successo di Gamecube.

Lui trovò la strategia per far risalire sul mercato il Gamecube, guadagnando così un aumento del 41% delle vendite. Successivamente nel 2004 creo la Nintendo DS, che diede all’azienda la forza di rialzarsi ed ideare nuove ricerche e strategie. Nel 2006 arrivò la Wii che portò in tutte le case delle persone l’interazione fisica nei videogames. Quest’ultima console porto buoni risultati a Nintendo che nel 2010 annunciò il Nintendo 3DS.

Nel 2011 viene presentata la Nintendo Wii U, ma purtroppo le sue vendite sono state più basse di quelle previste. In quel periodo visto le scarse vendite di WiiU, Satoru Iwata decide di tagliarsi lo stipendio pur di aiutare l’azienda e dare un segnale forte agli investitori.

Nel 2014 Satoru Iwata subisce un’operazione che lo tiene fuori dalla direzione dall’azienda per un po’ di tempo. A fine 2014 torna sugli schermi in streaming nei Nintendo Direct, regalando emozioni ai propri FAN.

Nel 2015 Nintendo comunica di aver in progetto Project NX, una nuova console ideata sempre dallo stesso Satoru Iwata, lanciando Nintendo nel mondo dei giochi per Smartphone.

Purtroppo però in queste ultime ore, rimbalza su twitter la triste notizia della scomparsa di Satoru Iwata: il presidente della compagnia è morto l’11 luglio 2015 all’età di 55 anni a causa di una neoplasia al sistema biliare.

Ora la guida dell’azienda passerà, temporaneamente, a Genyo Takeda e Shigeru Miyamoto.

Lo Staff Gamepare “saluta e ringrazia”, Satoru Iwata, lasciandoci con una delle sue frasi del 2005:

Sul mio biglietto da visita c’è scritto che sono presidente d’azienda. Nella mia testa sono uno sviluppatore di videogame. Ma nel mio cuore sono un giocatore-

Satoru Iwata

Informazioni su Andrea Raso (Andrea West) 2412 Articoli
All'inizio era pong, poi c'è stato l'avvento di Wolfestein 3D ed ora Assassin's Creed. Ogni volta che provava un gioco voleva scoprire cosa passava per la testa al team che ci ha lavorato. Appassionato fin da piccolo al mondo dei videogiochi non si stacca mai dal suo gamepad.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*