Ryse: Son of Rome – Recensione

Siamo di fronte ad un gioco dalla grafica avanzata, con cui sfrutteremo al massimo tutta la potenza della nostra scheda video.
Ryse: Son of Rome, iniziato come esclusiva per XBox One, sbarca ora su PC per essere alla portata anche di chi non ha una console.

Come detto in precedenza, appena avviato il gioco notiamo subito il dettaglio grafico di questo titolo, dato dal motore CryEngine 4. Sono visibili molti dettagli, dai più piccoli particolari del viso, ai disegni sui vasi di creta.
Questo conferisce al gioco una perfezione che solo pochi titoli hanno presentato negli ultimi anni.

Ryse-Son-of-Rome1

Il mondo dei gladiatori

Inseriti nel mondo di Ryse, vestiremo i panni di un soldato che dovrà salvare Roma dai temuti barbari.

L’inizio vi introduce all’utilizzo dei controlli con mouse e tastiera, che però a volte può sembrare molto scomoda da utilizzare. Detto questo vi consigliamo, per gestire al meglio il gameplay, l’acquisto di un controller XBox per PC. Utilizzando il controller avremo visione immediata dei tasti di gioco, e potremo utilizzare le varie combo nelle battaglie in un modo molto più semplice.

Ma tornando a Ryse: Son of Rome, la storia si basa sul soldato Marius Titus di Roma e sulle sue gesta. La sua vita nei suoi alti e bassi darà al protagonista vittorie che lo faranno crescere verso la gloria di Roma.

Ryse non punta all’affidabilità storica, ma prevede ad una storia di fantasia che in certi passaggi è degna di Hollywood.

Ryse-Son-of-Rome3

Il soldato Marius all’inizio avrà abilità limitate, ma dopo qualche ora di gioco avremo accumulato abbastanza punti da utilizzare per evolvere le abilità del personagggio, così da avere maggior impatto sulle battaglie, con attacchi con combo perfette che creeranno animazioni diverse nell’uccisione dei barbari.
Il gioco però non offre molta varietà: a volte ci troveremo a combattere con gli stessi nemici più volte, e le mosse durante un combattimento sono sì varie, ma alla lunga risultano ripetitive.
Per quanto riguarda la trama, la storia è coinvolgente, anche se in certe occasioni il gioco somiglia più a un “dvd-game”, dove le scene di intermezzo sono più caratteristiche delle sezioni giocate . La durata di tutta la campagna è più o meno di 6-7 ore.

Ryse-Son-of-Rome2

Conclusioni

Il motore CryEngine 4 dà al gioco un buon rendimento grafico, portando su PC la possibilità di giocare a Ryse: Son of Rome a risoluzione 4K.
Il gameplay è costituito da punti di forza che richiedono al giocatore reattività e prontezza di riflessi. Purtroppo però la ripetitività delle battaglie può rendere il titolo poco interessante.

Informazioni su Andrea Raso (Andrea West) 2548 Articoli
All'inizio era pong, poi c'è stato l'avvento di Wolfestein 3D ed ora Assassin's Creed. Ogni volta che provava un gioco voleva scoprire cosa passava per la testa al team che ci ha lavorato. Appassionato fin da piccolo al mondo dei videogiochi non si stacca mai dal suo gamepad.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*