Ride 2 – Recensione

Siamo pronti per sentire il rombo dei motori con la recensione Ride 2. Iniziamo con un po’ di storia:

Milestone, la casa Milanese produttrice e distributrice di videogiochi di simulazione di auto e moto,
sfodera un nuovo capito del gioco Ride.

Il primo capitolo rilasciato da Milestone nel 2015 si era classificato come il granturismo delle moto,
grazie al già vasto parco moto di oltre 100 esemplari e alla possibilità di poter modificare
il proprio mezzo e aggiungervi accessori a piacimento.

Con Ride 2, la casa milanese ha deciso di migliorare e incrementare
questa possibilità creando un parco moto ancora più vasto.
Il titolo gode infatti di un comparto moto di oltre 200 modelli, portando miglioramenti rispetto
al precedente capitolo e con la possibilità di customizzare i nostri mezzi con oltre 1200 pezzi.

Recensione il Mondo di Ride 2 

Ride 2 arriva sulle nostre piattaforme grazie alla versione PlayStation 4, Xbox One e PC.
Troveremo il titolo totalmente doppiato in Italiano e sottotitolato,
certamente non poteva mancare questa traduzione visto che il titolo è stato creato proprio nel territorio nazionale.

E così dopo neanche un anno dall’uscita del primo capito abbiamo
la possibilità di gareggiare nei 30 circuiti messi a disposizione, partendo dall’Irlanda
con l’International North West 200, in Italia con Monza e Vallelunga
e al Giappone con il circuito Sportsland Sugo. Tutti i circuiti sono riprodotti nei minimi dettagli,
non soffermandosi solo alla riproduzione fedele del tracciato ma anche alberi, guard rail ed edifici.
Tutto riprodotto fedelmente.

Ritornando al vasto mondo delle moto abbiamo parecchi modelli da utilizzare,
iniziando dalle mitiche moto a Due Tempi, alle Supermotard, le Cafè Racer,
le Naked, le Supersportive, le Superbike e tante altre.

Recensione Ride 2 ScreenIn Ride 2 l’ interfaccia utente è rimasta quasi del tutto inalterata;
il menù interamente rivisto ci permetterà di gareggiare in eventi
e partecipare a corse tematiche. La modalità principale, che è possibile affrontare,
è la World Tour: in questo evento potremo gareggiare rispettando dei requisiti richiesti per la corsa,
i quali saranno soddisfatti svolgendo le varie fasi di gioco.

Tra realismo e Simulazione

Il gameplay di Ride 2 completa il discorso simulativo rivisto in Valentino Rossi The Game.
Quello che possiamo notare fin da subito sono le migliorie lato simulazione,
completandosi in realismo modificando il livello di difficoltà del gioco.

Guidare una moto con il gamepad è abbastanza impegnativo, infatti fin dall’inizio
dovremo allenarci parecchio prima di controllare la moto alla perfezione;
per fortuna Ride 2 ci farà fare il primo giro di prova per prendere confidenza con la guida.
Nella fase successiva potremo scegliere la nostra moto ed iniziare la fase di gare ufficiali.

Recensione Ride 2 ScreenIn gara la fisica della moto viene riprodotta quasi fedelmente,
non è invece lo stesso in merito a cadute dovuti a scontri tra piloti.
Le animazioni sono infatti limitate e non propriamente realistiche,
a volte ci ritroveremo per terra semplicemente sfiorando un guard rail.

Giocare con Ride 2

Gareggiando nei circuiti di Ride 2 potremo guadagnare crediti in modo da acquistare
nuove moto e nuovi pezzi così da potenziare la nostra due ruote.
All’inizio però avremo pochi crediti con la possibilità di acquisto di moto non troppo performanti.
In questo modo ci ritroveremo a gareggiare con gli avversari
sullo stesso circuito più volte fino a raggiungere l’obbiettivo
di comprare una nuova moto o effettuare del tuning per renderla più performante.

All’inizio il dover ripetere più volte la stessa gara potrebbe risultare frustrante,
ma mano a mano che andremo avanti troveremo grandi soddisfazioni.Recensione Ride 2 Screen

Da segnalare anche alcuni aspetti negativi, come la scarsa “intelligenza” degli avversari
e la presenza di alcuni dettagli grafici non molto ben riusciti,
soprattutto nelle ombre delle moto e alcuni aspetti di giochi di luce.
L’engine del motore simulativo andrebbe aggiornato così da poter tenere testa alla grafica dei nuovi titoli appena usciti.

In conclusione gli appassionati delle due ruote non rimarranno delusi soprattutto
nell’osservare il bel lavoro fatto da Milestone per la visione dei modelli 3D,
ma sopratutto perché nel panorama videogames Ride 2 si posiziona come unico titolo nel campo 2 ruote.
Una titolo che offre continua a regalare grandi soddisfazioni.

Informazioni su Andrea Raso (Andrea West) 2506 Articoli
All'inizio era pong, poi c'è stato l'avvento di Wolfestein 3D ed ora Assassin's Creed. Ogni volta che provava un gioco voleva scoprire cosa passava per la testa al team che ci ha lavorato. Appassionato fin da piccolo al mondo dei videogiochi non si stacca mai dal suo gamepad.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*