Retrogaming, perché collezionare cimeli del nostro settore?

retrogaming perché collezionare cimeli

In questo articolo parlerò di una delle branche del videogioco a cui sono più affezionato, del vintage per eccellenza nel nostro settore, il retrogaming (Wikipedia). Andrò a soffermarmi sul perché molti amano collezionare questi cimeli del passato e sul perché anche voi dovreste avere qualche hardware datato in cameretta o in bacheca, quindi oggi non starò a parlarvi di emulazione, titoli in salsa digitale o mini console ma non escludo di trattare questi specifici argomenti nei prossimi articoli su questa rubrica.

La forte attrazione per il retrogaming, spinge un videogiocatore a collezionare console e titoli delle precedenti generazioni è equiparabile all’amore che provano i ragazzi di oggi a recuperare vecchi album musicali del loro genere preferito, magari di artisti defunti che questi fan avrebbero preferito vivere durante i vari periodi d’oro, una passione smisurata per il vintage applicabile allo stesso modo su svariati campi. Tra i motivi principali che dovrebbero suscitare in voi interesse ad acquistare determinati device c’è sicuramente quello che possedendo “vecchie glorie” donereste prestigio alla vostra collezione videoludica, omaggiando delle antenate fondamentali per l’arrivo alle nostre attuali PlayStation 4, Xbox One e Switch, negli scorsi decenni infatti sono state essenziali aziende come Atari, SEGA e Nintendo che hanno contribuito allo sviluppo delle tecnologie e al raddoppio progressivo dei bit, gen dopo gen, tutta una sorta di lore della storia del videogioco che stuzzicherebbe la curiosità dei vostri amici creando automaticamente solide basi per piacevoli giornate all’insegna del passato. Molto interessante anche l’idea di tentare qualche investimento economico, molte di queste console infatti sono ancora reperibili a dei prezzi modesti che in futuro potrebbero lievitare e fruttarvi fior di quattrini, tenendo sempre conto delle condizioni degli oggetti. Elementi validi anche per i singoli titoli solitamente reperibili in compact disc o in cartucce.

E voi possedete qualche reliquia del retrogaming? Se si, quante ? Fatecelo sapere sotto nei commenti e al prossimo articolo su Radical Chic Gaming!

Sempre dello stesso autore hai letto anche Fattore competizione: Colonna portante dei Battle Royale e Mobile gaming in continua evoluzione

Informazioni su Antonio Feole 15 Articoli
Arruolato nell'armata del mondo videoludico ormai da 14 anni, diplomato come perito tecnico informatico e ricco di passioni, con i miei articoli proporrò un modo diverso di approfondire il gaming.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*