Paint the Town Red – Recensione

Paint the Town Red, sviluppato da South East Games, è rimasto accessibile in early access già dall’ormai lontano 2015, ma finalmente vede la sua release ufficiale il 29 luglio 2021.

Il gioco è veloce, dinamico, violento e piuttosto balordo se vogliamo dirla tutta, ma onestamente questo aspetto dovreste intuirlo già dall’aspetto dei personaggi.

È sicuramente un gioco unico in molti aspetti, ma per certi versi mi ha dato sensazioni non dissimili da quelle provate giocando a Doom e sono certo che gli appassionati dello storico shooter troveranno di che gioire in Paint the Town Red.

Gameplay

Si tratta di un brawler in prima persona, ovvero il nostro obiettivo è scorrazzare per lo schermo incazzati al punto giusto e riempire di botte tutto ciò che è così sfortunato da capitarci a tiro.

I comandi del gioco sono piuttosto basilari: Possiamo menare, parare, menare più forte, correre, saltare e usare quattro capacità speciali legate alla classe del personaggio.

La profondità del gameplay arriva principalmente dal movimento rapido con il quale bisogna riposizionarsi velocemente e strategicamente per non venire soverchiati dai nemici e dall’interessante modo con cui possiamo ferire i nemici.
Infatti, in base a dove andremo a colpirli, essi subiranno ferite differenti e reagiranno di conseguenza. Possiamo infatti azzopparli, disarmarli, decapitarli e quant’altro. Siamo tendenzialmente incentivati a colpirli in faccia o in testa per eliminarli più rapidamente, ma non è sempre la strategia migliore da adottare con ogni avversario.

Ad aggiungere altri elementi che aggiungono longevità a questa formula di per sé molto semplice ci sono i poteri dei personaggi. Questi cambiano molto l’approccio agli scontri e ognuna delle cinque classi dà sensazioni in gioco molto diverse.

Le classi sono Brawler, Vanguard, Warlock, Spectre e Corrupted.
La prima è una classe robusta e potente ma lenta; la seconda una classe versatile che possiede le migliori abilità di recupero energia; la terza è un tipico glass cannon che predilige la distanza; la quarta è la classe più rapida ma anche la più complessa da utilizzare; infine, la quinta è una classe non disponibile da subito, un personaggio molto fragile che però può risucchiare vita ai nemici e farli resuscitare come alleati non morti.

Se il prossimo Elder Scrolls avesse un gameplay divertente la metà di questo avremmo risolto il più grosso problema della serie!

Modalità

Le modalità di gioco non sono moltissime, ma racchiudono tutto il necessario per divertirsi a lungo fracassando teste quadrate.

La principale è chiamata Beneath, il gioco qui si trasforma in un rogue-like molto corposo pieno di armi, potenziamenti e abilità da trovare.

In questa modalità veniamo anche a conoscenza della storia del gioco. Non si tratta di niente di eclatante ma è un bel bonus molto godibile.

Di negativo c’è la strana difficoltà nel riuscire a orientarsi nei primi attimi di gioco. Paint the Town Red infatti è un gioco piuttosto semplice e intuitivo, ma quando si entra nella prima zona di questa modalità è facile rimanere spaesati e non capire bene cosa dovremmo fare. Non temete, però: con un po’ di esplorazione e pazienza troverete l’ingresso alla zona di selezione della classe e all’ascensore per iniziare a menare le mani.

Abbiamo poi gli Scenari, semplici zone circoscritte in cui picchiare tutto il picchiabile in allegria. Perfette per divertirsi un po’ senza troppe pretese nè troppi pensieri per la testa.

La terza modalità è l’Arena. Qui affronteremo diverse sfide di difficoltà crescente in aree chiuse. Molto divertente e anche una bella sfida. Ottimo pure il fatto che siano facilmente visibili i tempi di completamento dei giocatori migliori.

Oltre a queste modalità in singolo c’è poi la possibilità di avere una ricca esperienza multigiocatore. Questo grazie ad un comparto online attraverso il quale affrontare nemici in compagnia, ma anche grazie ad un ottimo editor di scenari con il quale potete non solo cimentarvi nella creazione dei vostri scenari, ma andare anche a giocare quelli creati da tutti gli altri giocatori.

Davvero lodevole l’impegno messo in questa funzione da parte del dev team. Ci vuole un po’ per prenderci la mano, ma una volta che si comprendono le basi è possibile creare mappe davvero uniche.
Certo, online ci si imbatte anche in molto pattume, ma generalmente le creazioni migliori spiccano maggiormente.

Grafica e Audio

Graficamente Paint the Town Red è strano forte. Non è certo uno strano particolarmente artistico, ma è ispirato al punto giusto e svolge in modo ottimale il proprio ruolo. Mi sento quindi di dire che lo stile grafico coglie bene la natura ignorante del titolo e la valorizza.

Il comparto audio è funzionale e godibile, i suoni sono ben fatti e aiutano ad orientarsi con l’azione frenetica del gioco.
In modalità Beneath devo dire che la colonna sonora è in grado di mettere una certa tensione di sottofondo e, sebbene il gioco non sia certo un horror, a tratti qualche brivido arriva.

Enorme punto a favore è la possibilità di importare le proprie tracce audio e creare una playlist da ascoltare comodamente in gioco.

E per non farsi mancare nulla a livello di personalizzazione è stato anche aggiunto un editor tramite il quale generare le proprie texture e importarle sul corpo del personaggio da utilizzare. Questa funzione non è affatto intuitiva purtroppo, ma dopo averci speso un po’ di tempo per capirne i meccanismi ci si può fare veramente di tutto.

Conclusione

Dopo la lunga attesa, Paint the Town Red non delude affatto. Il gioco centra in pieno il bersaglio che si era posto e ci offre un gameplay veloce, creativo, dinamico e violento. È facile perdersi nell’appagante loop di gioco che ci porta a provare e riprovare ogni sfida dopo ogni morte.
Ed è pure ad un prezzo vantaggioso!

Paint the Town Red
7.3 / 10 Recensione
Gameplay8
Grafica7
Longevità7
Pro
  • Molto divertente senza grosse pretese
  • Violenza che non disgusta ma avvalora il gameplay
  • Molta varietà nonostante la semplicità
Contro
  • Alcuni aspetti sono poco comprensibili ad un primo approccio
  • Tutorial praticamente inesistente
Informazioni su Michele Michienzi (Sig Mike) 80 Articoli
Michele inizia a giocare grazie al NES. Nel tempo ha potuto maturare una buona conoscenza videoludica che spazia in molti ambiti, merito della varietà di titoli giocati. Appassionato principalmente di Action e Picchiaduro è cresciuto con numerosi platform e gdr a fargli compagnia. Fa parte da qualche anno della community competitiva italiana di Super Smash Bros.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*