Follow
Gamepare > Home > Rain World > Rain World – Recensione

Rain World – Recensione

Esplorazione e sopravvivenza, approccio stealth e fuga repentina. Questi sono alcuni dei tratti caratteristici di Rain World, platform 2D sviluppato da Adult Swim Games e Videocult per PlayStation 4 e PC grazie a Kickstarter. Dal sapore old school, il viaggio all’interno di Rain World si divide tra procacciarsi il cibo e l’evitare le insidie sparse per i vari livelli.
Protagonista del gioco è uno Slugcat (metà gatto, metà lumaca), separato dalla famiglia a causa delle micidiali piogge torrenziali che affliggono l’intero mondo. Sopravvissuto miracolosamente, il nostro Slugcat intraprenderà il viaggio che lo ricongiungerà ai suoi cari (trama abbastanza abusata nei platform games, ammettiamolo).


Le piogge saranno una costante ciclica durante l’attività di gioco, le quali allagando completamente il livello costringeranno il giocatore a trovare dei rifugi all’interno dei quali poter ripararsi. Non essendo segnato niente sulla mappa, si è costretti ad una esplorazione lunga e senza indizi, vanificata addirittura in caso di morte (non esistono checkpoint in Rain World). Il “gatto-lumaca” è vulnerabile ad ogni tipo di danno, e la sconfitta arriva al primo (e quindi unico) danno subito. Dalla sua ci saranno le poche armi disseminate per lo scenario, come lance e sassi, che potranno essere scagliate per rallentare o bloccare le minacce. Sconsigliato un approccio troppo diretto, dato che le creature più grandi sono difficilmente arrestabili, oltre al fatto di trovare estremamente deliziosa la carne di Slugcat. Molto meglio un attitudine più votata allo stealth.
Alla lunga si rischia di far perdere la pazienza anche al giocatore più maniacale, a causa della ripetizione costante cui sarà costretto. Se all’inizio sarà piacevole immergersi alla scoperta della flora e fauna sparsa per le dodici diverse regioni, presto la curiosità lascerà spazio a una lecita frustrazione.
La longevità del gioco risulta legata alla voglia di esplorazione dei giocatori, un problema che pare voglia essere risolto dagli sviluppatori, già al lavoro su di una patch che dovrebbe aggiungere la componente co-op in multiplayer.


Graficamente Rain World appaga l’occhio. Seppur basilare, la cura degli scenari è senza dubbio affascinante. Il mondo post-apocalittico mostra tracce di un lontano passaggio umano ormai sparito per lasciare spazio alle crude e spietate leggi della natura.
Dopo anni di giochi estremamente semplici, nell’ultimo periodo si è sviluppata la piacevole abitudine di alzare l’asticella della difficoltà. La sfida, e il suo superamento, sta alla base dell’esperienza videoludica. Ma ci vuole il giusto equilibrio. Rain World è un difficile, a tratti frustrante per la sua brutalità, che non prende per mano con il suo tutorial minimo (costituito da una creatura luminosa che solo nelle fasi iniziali di gioco illustrerà le azioni basilari). Gli stessi sviluppatori invitano a non scoraggiarsi, accettando anzi la morte dello Slugcat come parte inevitabile della sua stessa vita.
Un onesto platform game, impreziosito dalla componente survival-stealth che richiede al giocatore una buona dose di impegno.

La recensione di Rain World si basa su esperienza e sensazioni personali scaturite durante la prova prodotto.

Scritto da
Il primo amore non si scorda mai, e per Tommy si tratta della prima PlayStation. Cacciatore di trofei, da vent'anni fedele all'unica sua fonte di intrattenimento videoludico. La sua collezione contiene tutte le console Sony (anche in edizione limitata) e diverse centinaia di titoli marcati PS.

Dite la vostra!

0 0

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi HTML tag e gli attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>