Puzzle & Dragons Z + Puzzle & Dragons: Super Mario Bros. Edition – Recensione

Non molto tempo fa Nintendo ha dichiarato le sue intenzioni di dedicarsi sempre di più al mondo dei giochi mobile, a suo modo di vedere il vero e proprio futuro dello scenario del gaming. Questo suo nuovo Puzzle & Dragons con le sue varie declinazioni presentate ora sembra proprio essere un enorme passo in questo senso.
Un titolo questo infatti che ricorda molto da vicino ciò che si vede tutti i giorni sugli store di Apple e Android. Nintendo ha così deciso di raccogliere il successo di GungHo Entertainment che ha venduto più di un milione di copie in Giappone e affidargli quindi uno spin off in salsa grande N, con un puzzle game che ha per protagonista il baffuto idraulico italiano.

puzzle_dragons_super_mario_bros_screen6

Come suggerisce il così lungo titolo, questa collezione comprende Puzzle & Dragons Z e Puzzle & Dragons Super Mario Bros. Edition, due giochi completamente diversi che si lanciano dal menu principale.
In Puzzle & Dragons Z il gameplay è stato migliorato con una forte componente da gioco di ruolo di stampo nipponico, con una grafica fresca e una miriade di draghi e mostri similari da dover fronteggiare a colpi di puzzle. La storia in ogni caso come è evidente è di puro contorno, in stile pokemon, mentre il sistema di gioco è l’elemento più importante di tutti.

puzzle_dragons_super_mario_bros_screen2
Potremo muovere con lo stilo in dotazione nella nostra console portatile le varie sfere sulla parte inferiore dello schermo. Ogni movimento consuma del tempo che rappresenta ciò che è il tempo della battaglia. Mettendo assieme le gemme dello stesso colore potremo così attaccare i vari draghi che ci si pareranno di fronte. In base al colore delle sfere potremo attivare attacchi elementari diversi e varie debolezze per ciascun avversario specifico, il tutto sempre scandito a turni.
Il mix tra gioco di ruolo e puzzle game funziona piuttosto bene e più si gioca più si possono apprezzare le varie finezze del sistema di gioco come la possibilità di generare delle combo micidiali per non dare sosta ai nemici.
Il gioco naturalmente alla lunga può risultare un po’ ripetitivo ma è anche vero che molti di videogiocatori apprezzano questa modalità, come nel caso dei tanto popolari browser games che vanno per la maggiore sui social network alla Facebook.
Lo stesso discorso vale anche per la Super Mario Bros Edition con i draghi sostituiti dai vari nemici classici di Super Mario a base di funghi e tartarughe. Le mappe dei dungeon in questo caso sono state prese da Super Mario Bros 3.
Il multiplayer è praticamente quasi assente, fatto salvo il sistema di Street Pass.
Gameplay solido e aspetto artistico collaudato a patto però che sappiate a cosa state andando incontro. Se amate il genere e non avete paura della ripetitività potete farlo vostro a colpo sicuro.

puzzle_dragons_super_mario_bros_screen5

Sostanzialmente Puzzle & Dragons Z e Puzzle & Dragons Super Mario Bros. Edition sono molto simili al gioco base, anche se Puzzle & Dragons Z si differenzia grazie ad una storia più articolata, così da offrire un’esperienza unica per i giocatori senza subire déjà vu. Gli elementi RPG e di team building sono molto ben sviluppati, vi è abbondanza di contenuti, e soprattutto il gameplay è più coinvolgente che mai. Questo può essere applicato ad entrambi i giochi, e se si considera che sono stati raggruppati in un unico pacchetto, vale il prezzo richiesto.

Se questo è uno dei primi Mobile gaming che Nintendo avrà da offrire, allora l’intero progetto sarà un successo. Attendiamo i progetti futuri per vedere se davvero manterrà le aspettative.

Informazioni su Stefano M. 364 Articoli
Videogiocatore fin dalla più tenera età ha cominciato con le classiche 500 lire nei cabinati delle sale giochi per arrivare a possedere ogni tipo di macchina da gioco in circolazione, provenienti da tutto il mondo. Non disdegna provare nessun tipo di gioco, perfino il simulatore di sassi.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*